Connect with us

Published

on

Tra le principali criticità che riguardano gli investimenti ESG c’è la qualità dei dati della sostenibilità delle aziende, specie considerando l’enorme quantità di informazioni che scaturisce dai nuovi requisiti di rendicontazione ai quali le imprese sono tenute a conformarsi. Criticità che emergono in maniera evidente anche dal recente studio European ESG Data Trends Survey 2024 effettuato da Bloomberg, su un campione di oltre 200 operatori dei principali mercati finanziari in Europa e Regno Unito. Tra i risultati emersi dall’indagine, il rispetto dei requisiti normativi è la principale priorità a cui dovrebbero rispondere i dati ESG, un fattore indicato dal 35% del campione. In ordine di importanza, la seconda priorità legata ai dati ESG trasmessi dalle aziende riguarda il raggiungimento degli obiettivi legati al rischio climatico e al traguardo delle emissioni zero, indicato dal 18% degli interpellati. Priorità che per due intervistati su tre sono a rischio a causa della discutibile qualità e copertura dei dati ESG forniti dalle aziende.

Le nuove sfide nei dati ESG

Per il 41% degli investitori contattati dallo studio sopra citato, la principale sfida nel controllo dei dati ESG trasmessi dalle aziende riguarda la gestione dei contenuti. Inoltre, circa un quarto degli operatori riscontra criticità nel riuscire a collegare i dati ESG a quelli esistenti all’interno dell’azienda. Il terzo fattore di crisi è il rispetto dei requisiti di rendicontazione indicato dal 18% del campione. Il 16%, inoltre, sottolinea la difficoltà di integrazione dei dati ricevuti da diversi data provider. Con l’introduzione del Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) si prevede un ulteriore aumento della quantità dei dati trasmessi dalle aziende, ma parallelamente crescerà la quantità di dati. Un incremento massivo che necessita di una migliore integrazione e gestione dei dati stessi per evitare di rallentare gli investimenti. Come le aziende stanno pensando di gestire il crescente volume di dati ESG? Lo studio risponde con questi numeri: il 38% sceglie di centralizzare la gestione dei dati, il 32% preferisce invece fare gestire i dati da ogni singola business unit aziendale, il 20% sta ancora valutando la strategia da attuare, infine il 10% ha deciso di dare in outsourcing la gestione dei dati.

LE ULTIME NOTIZIE

La Russia perderà la guerra se l’Occidente mobiliterà le sue risorse
Gli analisti dell'ISW ritengono che il Cremlino non possa sconfiggere l'Ucraina e l'Occidente unito La Russia rischia di perdere la...
Read More
Euro 2024: Ucraina in rimonta sulla Slovacchia 2-1 e sogna Ottavi di Finale
Una vittoria preziosa per l'Ucraina che aggancia la Slovacchia e la Romania (che ancora deve giocare la sua seconda partita)...
Read More
Tennis: Bolelli e Vavassori in finale del doppio all’ATP di Halle
Gli azzurri superano i tedeschi Hanfmann e Koepfer in due set Simone Bolelli e Andrea Vavassori si sono qualificati per...
Read More
Strage di Mestre: autobus giù da cavalcavia, sotto accusa sterzo del bus
Le perizie tecniche confermano il cedimento meccanico come causa dell'incidente Il tragico incidente del 3 ottobre a Mestre, in cui...
Read More
Ancora una tragedia sul lavoro in Lombardia
Un operaio di 35 anni muore incastrato in un macchinario a Rivarolo Mantovano Un tragico incidente sul lavoro si è...
Read More
Roma: giornalista Reuters Balmer denuncia problema dei Taxi
"Roma: ho aspettato 50 minuti per un taxi. Niente. Nessuno. Mi sono arreso. Roma non merita turisti perché non ha...
Read More
Tragedia ad Arezzo: femminicidio nella notte
Nella notte ad Arezzo si è consumata una tragedia con un femminicidio. Un uomo ottantenne ha ucciso sua moglie, settantaduenne,...
Read More
Condizioni meteorologiche estreme Italia: caldo al Sud e temporali al Nord
L'Italia sta vivendo condizioni meteorologiche estreme con una netta divisione tra il Nord e il Sud della Penisola. Caldo Record...
Read More

(AdnKronos)

I libri più venduti su Amazon

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza