Connect with us

Published

on

60 anni fa il 22 novembre 1963 l’uccisione di John Fitzgerald Kennedy

A sessant’anni dalla morte di John F. Kennedy, avvenuta a Dallas il 22 novembre 1963, la maggioranza degli americani manifesta ancora un profondo scetticismo riguardo alle circostanze dell’assassinio del presidente. Un sondaggio Gallup pubblicato in occasione di questo anniversario rivela che il 65% degli americani ritiene che Lee Harvey Oswald, il presunto assassino, non abbia agito da solo, ma in collaborazione con altri.

Una versione ufficiale contestata

Solo il 29% degli intervistati crede nella versione ufficiale secondo cui Oswald, sparando da una finestra al sesto piano del Texas School Book Depository, agì da unico responsabile dell’assassinio di JFK. Questa versione è stata presentata nelle controverse conclusioni della commissione Warren nel settembre del 1964, supportata dalle indagini della polizia di Dallas, dell’FBI e del Secret Service.

Uno sguardo al passato: dal 1976 al 2003

Gallup sottolinea che lo scetticismo degli americani verso la versione ufficiale non è una novità e ha raggiunto percentuali ancora più alte negli anni dal 1976 al 2003. Nel corso dei decenni, il costante afflusso di nuovi elementi, filmati e testimonianze ha alimentato il dubbio sulla storia ufficiale dell’assassinio di Kennedy.

Nuovi elementi e teorie: il documentario “JFK: What the Doctors Saw”

Negli ultimi giorni, il documentario “JFK: What the Doctors Saw” ha portato nuovi elementi alla luce. Il film esamina le testimonianze dei medici del Parkland Memorial Hospital, dove Kennedy fu portato dopo essere stato colpito alla testa. Alcuni medici intervistati nel documentario sollevano dubbi sulla versione ufficiale e affermano che le immagini dell’autopsia sembrano differire da quanto hanno visto al pronto soccorso.

La persistente domanda: “Who killed JFK?”

La domanda su chi abbia veramente ucciso JFK continua a porsi, come evidenziato dal podcast intitolato “Who killed JFK?”, il cui creatore, Rob Reiner, promette nuovi elementi per scoprire la verità. Reiner, che era un adolescente quando avvenne l’assassinio, ritiene che le molte rivelazioni contraddicano la versione ufficiale, spingendolo a esplorare tutte le teorie in modo esaustivo.

Un nuovo libro e un testimone chiave

Un libro pubblicato di recente da Paul Landis, un ex agente dell’Secret Service, offre un’ulteriore prospettiva. Landis, testimone diretto del 22 novembre 1963, rivela dettagli delle ultime ore di vita di JFK. Il suo racconto, presente nel libro “The Final Witness,” solleva domande sulla narrativa ufficiale, incluso il ritrovamento di un proiettile intatto nel sedile posteriore della limousine.

LE ULTIME NOTIZIE

Seminare Speranza: Cen Long e il Purgatorio di Dante in Mostra a Firenze
L'Accademia delle Arti del Disegno di Firenze sarà la cornice per la mostra monografica dell'artista Cen Long, intitolata "Seminare Speranza:...
Read More
Domenico Berardi, Stagione Finita: Lesione al Tendine d’Achille
Il Sassuolo conferma la stagione conclusa per Domenico Berardi a causa della lesione completa del tendine d'Achille nella gamba destra....
Read More
Cattura Boss Auteri: Lode ai Carabinieri dal Procuratore di Palermo De Lucia
Il Procuratore capo di Palermo, Maurizio De Lucia, ha lodato il lavoro impeccabile svolto dai Carabinieri nell'arresto di Giuseppe Auteri,...
Read More
Nuova Aggressione a Operatrice Sanitaria nel casertano
Violenta Aggressione durante Intervento su Incidente Una nuova e violenta aggressione è avvenuta ai danni di un'operatrice sanitaria della postazione...
Read More
É morta l’ex Brigatista Barbara Balzerani 
La Scomparsa dopo una Lunga Malattia Barbara Balzerani, nota ex-militante delle Brigate Rosse, è deceduta a 75 anni dopo una...
Read More
Corte Suprema: Trump ammissibile alle primarie del Colorado
Decisione Unanime della Corte Suprema La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la decisione della Corte del Colorado che...
Read More
Russia critica manovre  Nato nel Nord Europa: “Possibili incidenti militari”
Le autorità russe hanno condannato le azioni della Nato nelle manovre denominate 'Nordic Response 2024', nelle zone settentrionali di Finlandia,...
Read More
MotoGp: Bagnaia prolunga contratto con la Ducati fino al 2026
Il due volte campione del mondo della MotoGP, Francesco 'Pecco' Bagnaia, ha ufficialmente rinnovato il suo contratto con la Ducati...
Read More

(con fonte AdnKronos)

telefoni ricondizionati

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza