Connect with us

Published

on

La nuova legislazione, frutto di intensi negoziati tra i Paesi membri, mira a semplificare e rendere più flessibile il quadro normativo riguardante i conti pubblici

La riforma del Patto di Stabilità dell’Unione Europea, entrata in vigore il 30 aprile scorso, rappresenta un compromesso tra gli interessi nazionali dei Paesi membri e gli obiettivi comuni dell’UE. La proposta della Commissione Europea, avanzata nell’aprile del 2023, è stata oggetto di significative modifiche durante i negoziati, complicando il processo di adozione.

L’accordo finale riflette le esigenze dei Paesi nordici, guidati dalla Germania, che hanno insistito su misure più rigide per rassicurare il proprio elettorato, e quelle dei Paesi mediterranei, come Italia e Francia, che devono affrontare debiti pubblici consistenti. La nuova legislazione consiste in tre atti legislativi: un regolamento che sostituisce il braccio preventivo del Patto di Stabilità, un regolamento emendato sul braccio correttivo e una direttiva emendata che definisce le regole di bilancio per gli Stati membri.

Tuttavia, nonostante l’accordo raggiunto, l’UE non dispone ancora di un quadro regolatorio sufficiente a consentire agli Stati membri di effettuare gli investimenti necessari per migliorare le capacità nel campo della difesa e compiere la transizione verde e digitale. Gli Stati membri ad alto debito dovranno affrontare scelte di spesa probabilmente dolorose, sebbene meno onerose rispetto a quanto richiesto dalle regole precedenti del Patto di Stabilità.

L’Italia ha accettato l’accordo con riserve, consapevole che il mancato raggiungimento di un’intesa avrebbe comportato il ritorno alle vecchie regole, con conseguenze ben più pesanti per il Paese. La riforma mira a semplificare e rendere più prevedibile il quadro normativo dell’UE sui conti pubblici, ma rappresenta solo l’ultimo tassello di una serie di modifiche avvenute nel corso degli anni.

Il cuore del sistema rimane ancorato ai criteri di Maastricht, ma vengono eliminate alcune disposizioni del vecchio quadro normativo, sostituite da nuovi indicatori e meccanismi. La riforma introduce un percorso di aggiustamento fiscale specifico per ciascun Paese, incentrato sulla riduzione del debito pubblico nel medio termine. Inoltre, viene data maggiore rilevanza alle autorità nazionali indipendenti nel monitoraggio dei piani nazionali di bilancio.

Resta da vedere se la nuova legislazione riuscirà davvero a stimolare gli investimenti favorevoli alla crescita, come auspicato dalla segretaria al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen. La sua efficacia sarà valutata negli anni a venire, mentre gli Stati membri si preparano a implementare i nuovi requisiti entro i termini stabiliti.

LE ULTIME NOTIZIE

Meloni sospende il redditometro: “Voglio valutare meglio la norma”
Al Festival dell'Economia di Trento, la premier annuncia una revisione del provvedimento, sottolineando l'importanza di un fisco giusto e mirato...
Read More
Sanità, nuove misure per ridurre le liste di attesa: visite anche nel weekend
Il decreto del ministro Schillaci prevede l'estensione degli orari, un sistema unico di prenotazione, e sanzioni per le liste bloccate...
Read More
Esplosione bombola di GPL a Conselve: gravi ustioni per madre e figlia
Una donna di 32 anni e la sua bambina di 3 anni ricoverate in condizioni critiche dopo l'esplosione che ha...
Read More
Morta l’anziana ferita da un proiettile vagante sulla Prenestina
La donna di 81 anni, colpita ieri pomeriggio a Roma, non ce l'ha fatta. Gli investigatori sono sulle tracce dei...
Read More
La Corte dell’Aja Ordina a Israele di Fermare l’Offensiva a Rafah
La Corte internazionale di giustizia interviene per migliorare la situazione umanitaria a Rafah, chiedendo un cessate il fuoco e l'apertura...
Read More
Ondata di calore in India: temperature record e problemi di approvvigionamento
L'ondata di calore soffocante continua a colpire il nord dell'India, con temperature percepite oltre i 50 gradi e gravi disagi...
Read More
Decreto “Salva Casa”: Semplificazione e Liberalizzazione del Settore Edilizio
Un nuovo decreto per rendere il mercato immobiliare più accessibile e snellire le procedure burocratiche L’obiettivo del decreto "salva casa"...
Read More
Toti difende se stesso e ‘modello Genova’, presto richiesta revoca domiciliari
Giovanni Toti si difende dalle accuse di corruzione e voto di scambio. Presto sarà presentata richiesta di revocare gli arresti...
Read More

(con fonte AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza