0

Economia

Bonus Mobili 2022, tutte le info dell’Agenzia delle Entrate




Bonus mobili ed elettrodomestici 2022, come funziona e per quali beni? A quanto ammonta e quali documenti servono per usufruirne? A rispondere è l’Agenzia delle Entrate con una guida aggiornata a gennaio. Ecco in breve le informazioni più importanti presenti nella guida (qui il pdf).

COME USUFRUIRE DELLA DETRAZIONE, A QUANTO AMMONTA

Secondo quanto spiega l’Agenzia delle Entrate, si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore classe A per i forni, alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, alla classe F per i frigoriferi e i congelatori destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. L’agevolazione spetta per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2024 e può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto dei beni.

La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro euro per l’anno 2022 e a 5.000 euro euro per gli anni 2023 e 2024. Per il 2021 il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione era pari a 16.000 euro.

Per usufruire dell’agevolazione è necessario che la data di inizio lavori sia anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. La data di avvio potrà essere provata dalle eventuali abilitazioni amministrative o comunicazioni richieste dalle norme edilizie, dalla comunicazione preventiva all’Asl (indicante la data di inizio dei lavori), se obbligatoria, oppure, per lavori per i quali non siano necessarie comunicazioni o titoli abitativi, da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto al beneficio più volte. L’importo massimo di spesa va, infatti, riferito a ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione.

PER QUALI BENI SERVE IL BONUS MOBILI

La detrazione spetta per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 per l’acquisto di mobili nuovi, grandi elettrodomestici nuovi (di classe energetica non inferiore classe A per i forni, alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, alla classe F per i frigoriferi e i congelatori, per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica).

A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (per esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

Per quel che riguarda i grandi elettrodomestici, la norma limita il beneficio all’acquisto delle tipologie dotate di etichetta energetica di classe , non inferiore alla classe A per i forni, alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, alla classe F per i frigoriferi e i congelatori, se per quelle tipologie è obbligatoria l’etichetta energetica. L’acquisto di grandi elettrodomestici sprovvisti di etichetta energetica è agevolabile solo se per quella tipologia non sia ancora previsto l’obbligo di etichetta energetica. Rientrano, per esempio, fra i grandi elettrodomestici: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Nell’importo delle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici possono essere considerate anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati, purché le spese stesse siano state sostenute con le modalità di pagamento richieste per fruire della detrazione (bonifico, carte di credito o di debito).

La realizzazione di lavori di ristrutturazione sulle parti comuni condominiali consente ai singoli condòmini (che usufruiscono pro quota della relativa detrazione) di detrarre le spese sostenute per acquistare gli arredi delle parti comuni, come guardiole oppure l’appartamento del portiere, ma non consente loro di detrarre le spese per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per la propria unità immobiliare.

L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

COSA SERVE PER ACCEDERE ALLA DETRAZIONE: PAGAMENTI E DOCUMENTI

Per avere la detrazione occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. Se il pagamento è disposto con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste S.p.a. per le spese di ristrutturazione edilizia.

La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.

I documenti da conservare sono l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente); le fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.

Lo scontrino che riporta il codice fiscale dell’acquirente, insieme all’indicazione della natura, della qualità e della quantità dei beni acquistati, è equivalente alla fattura. Rispettando tutte queste prescrizioni, la detrazione può essere fruita anche nel caso di mobili e grandi elettrodomestici acquistati all’estero.

ELETTRODOMESTICI, LA COMUNICAZIONE ALL’ENEA

Attenzione però: gli acquisti di alcuni elettrodomestici per i quali si può usufruire del bonus (forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga, lavatrici, asciugatrici) devono essere comunicati all’Enea. Tutte le informazioni sull’invio della comunicazione sono disponibili sul sito dell’Enea, alla pagina www.acs.enea.it/ristrutturazioni-edilizie/. La mancata o tardiva trasmissione non implica, tuttavia, la perdita del diritto alle detrazioni.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Allarme batterio Listeria: cos’è, dove si trova, sintomi

"Resta alta l’attenzione del Ministero della salute a seguito dell’aumento di casi clinici di listeriosi alimentare registrati in diverse regioni...
Read More
Allarme batterio Listeria: cos’è, dove si trova, sintomi

Elezioni 2022, al Viminale si erano sbagliati: “Bossi eletto in Lombardia”

Umberto Bossi risultata eletto in Lombardia e torna in Parlamento dopo le elezioni politiche 2022. L'iniziale esclusione del Senator era...
Read More
Elezioni 2022, al Viminale si erano sbagliati: “Bossi eletto in Lombardia”

Real Time Uragano Ian: colpita la Florida, ecco dove si trova

Dopo essersi abbattuto su Cuba, lasciando l'Isola completamente senza energia elettrica e uccidendo 2 persone, l'uragano Ian si è diretto...
Read More
Real Time Uragano Ian: colpita la Florida, ecco dove si trova

La pesante impronta di carbonio delle case automobilistiche

Secondo uno studio della ONG ambientalista Transport & Environment, le emissioni di anidride carbonica prodotte da un'automobile nel corso della...
Read More

Sorgenia-Banco di Desio, insieme per accompagnare Pmi nella transizione

Sorgenia e Banco di Desio e della Brianza Spa hanno siglato un accordo per incrementare presso le piccole e medie...
Read More

Aborto, Donzelli: “Fratelli d’Italia vuole rafforzare legge 194”

“Siamo pienamente convinti che si debba attuare la legge 194, ma in consiglio regionale, in Liguria, Fratelli d’Italia voleva parlare...
Read More
Aborto, Donzelli: “Fratelli d’Italia vuole rafforzare legge 194”

Cina, Xi Jinping riappare in pubblico: cancellate voci di colpo di Stato

Il leader cinese Xi Jinping ha fatto la sua prima apparizione pubblica da quando è tornato da un vertice in...
Read More
Cina, Xi Jinping riappare in pubblico: cancellate voci di colpo di Stato

Siena, anziana trovata morta in casa: si indaga per omicidio

Si indaga per omicidio dopo la scoperta del cadavere di una donna di 81 anni in un'abitazione a Siena avvenuta...
Read More
Siena, anziana trovata morta in casa: si indaga per omicidio

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends