Connect with us

Published

on

Il caso Ronzulli continua a tener banco nel centrodestra e a pesare sul risiko ministeriale. Le trattative sulla formazione del nuovo governo, raccontano, starebbero ancora procedendo a rilento anche a causa del braccio di ferro in corso tra Giorgia Meloni e Forza Italia sulla richiesta di upgrade governativo per la senatrice azzurra, una delle più strette collaboratrici di Silvio Berlusconi, che insieme ad Antonio Tajani e Anna Maria Bernini sarebbero in corsa per un posto nel Cdm.

Un braccio di ferro, per come si sono messe le cose, dagli esiti imprevedibili, visto che nessuno, allo stato, sembra mollare la presa. Da una parte, infatti, riferiscono, c’è Fi che vuole pari dignità della Lega con la Ronzulli intenzionata a non rinunciare a un ministero di peso (tipo la Salute o l’Istruzione) per uno di rappresentanza (le Pari opportunità o la Famiglia); dall’altra, resterebbero le forti perplessità di via della Scrofa, che (in nome del principio ‘dentro’ solo persone di alto profilo per competenze) vorrebbe destinare caselle di primo piano ad altri.

Da qui uno stallo, che alimenta malumori interni a Fi e imbarazza Silvio Berlusconi, che in queste ore si troverebbe davanti a un bivio: ‘sacrificare’ sull’altare del realpolitik la sua fedelissima, ottenendo in cambio delle ‘compensazioni’, tipo un ministero di prima fascia in più oltre a una presidenza del Parlamento o tenere il punto, cedendo al pressing di chi spinge per la Ronzulli ministro, a cominciare, raccontano, da Marta Fascina, ma rischiando così di raffreddare i rapporti con la premier in pectore, se non di andare allo scontro.

Non solo: il ‘nodo Licia’ è strettamente legato alla ‘collocazione’ di Antonio Tajani, dato in pole sempre per gli Esteri. Il numero due di Fi, che con la Ronzulli di fatto ha le redini dell’organizzazione del partito, riferiscono, ci terrebbe a fare il ministro, alla Farnesina o alla Difesa, forte del suo standing europeo, e si sarebbe tirato fuori, per ora, dalla corsa per la presidenza dell’assemblea di Montecitorio. Oggi Tajani è tornato a chiedere “pari dignità politica con la Lega” perché ”Fi ha preso lo stesso numero di voti alle elezioni”, ribadendo il ‘paletto’ sul numero dei tecnici: ”Se ci sarà qualcuno di spessore e qualità, non ci sono problemi, ma certamente non può essere un governo di tecnici, perchè altrimenti non sarebbe cambiato nulla…”. Parole che dalle parti di via della Scrofa hanno letto come una chiara rivendicazione per Fi ma anche per sè stesso.

Altro nodo da sciogliere è chi farà il capo delegazione azzurro nel Cdm: anche qui ci sarebbe una partita in corso. Così come tutta da giocare (sempre tra fedelissimi di Tajani e filoronzulliani) c’è un’altra partita, quella dei gruppi parlamentari, con l’elezione dei nuovi capigruppo, prevista tra il 16 e 17 ottobre. Con Bernini nella squadra di palazzo Chigi, sarebbero tre-quattro i nomi in ballo per guidare il gruppo a palazzo Madama: la stessa Ronzulli se non dovesse spuntarla come ministro (che così farebbe valere il suo peso nella coalizione nella Camera Alta dove i numeri della maggioranza sono più stretti); Dario Damiani, attuale vicecoordinatore regionale forzista in Puglia, considerato vicino proprio alla fedelissima del Cav; Maurizio Gasparri e Gianfranco Miccichè.

Discorso a parte a Montecitorio: anche qui, riferiscono, si potrebbe aprire la corsa per contendere la riconferma dell’uscente Paolo Barelli. Tra i papabili per il ruolo di presidente dei deputati, ci sarebbe quello del sottosegretario alla Difesa, Giorgiò Mulè, dato in lizza anche per un posto governativo.

LE ULTIME NOTIZIE

Fiorentina sconfitta dall’Olympiacos 1-0 nella Finale di Conference League

El Kaabi segna al 116' regalando la vittoria all'Olympiacos. Per la Fiorentina è il secondo k.o. consecutivo in finale La...
Read More
Fiorentina sconfitta dall’Olympiacos 1-0 nella Finale di Conference League

Via libera Senato ad Articoli 3 e 4 del Ddl Casellati sul Premierato

Si potranno sciogliere le Camere anche durante il semestre bianco. Inoltre, non sarà più necessaria la controfirma per alcuni atti...
Read More
Via libera Senato ad Articoli 3 e 4 del Ddl Casellati sul Premierato

Neonato trovato morto tra gli scogli, fermata la madre della ragazza 13enne

Una donna di 40 anni, madre della ragazza 13enne che ha partorito il neonato trovato morto in uno zaino abbandonato...
Read More
Neonato trovato morto tra gli scogli, fermata la madre della ragazza 13enne

Processo Appello Bis Omicidio di Desiree Mariottini: condanne ridotte

I giudici della Corte di Assise d’Appello di Roma hanno ridotto le condanne per i tre imputati dell'omicidio di Desiree...
Read More
Processo Appello Bis Omicidio di Desiree Mariottini: condanne ridotte

New York: giuria in camera di consiglio nel processo contro Donald Trump

Il giudice Juan Merchan ha consegnato il caso alla giuria, che dovrà decidere se l'ex presidente Donald Trump è colpevole...
Read More
New York: giuria in camera di consiglio nel processo contro Donald Trump

Omicidio Michelle Causo: perizia psichiatrica, imputato capace di intendere e volere

Una perizia psichiatrica nel caso dell'omicidio di Michelle Causo a Roma, condotta dal tribunale dei Minori, ha stabilito che il...
Read More
Omicidio Michelle Causo: perizia psichiatrica, imputato capace di intendere e volere

Biden valuta revoca limitazioni uso armi da parte di Kiev 

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sta considerando la revoca delle restrizioni sull'uso delle armi americane a breve raggio...
Read More
Biden valuta revoca limitazioni uso armi da parte di Kiev 

Finale Conference League: dove vedere in tv e streaming Olympiakos-Fiorentina

La Fiorentina affronta l'Olympiakos nella finale di Conference League, con l'obiettivo di conquistare un trofeo europeo dopo oltre sei decenni...
Read More
Finale Conference League: dove vedere in tv e streaming Olympiakos-Fiorentina

(AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza