LiberoReporter

Natale green 2021, albero vero o finto? Cosa scegliere

L’8 dicembre, giornata tradizionalmente destinata ad addobbare l’albero di Natale, si avvicina e come ogni anno torna la diatriba: è più corretto acquistare un albero finto o un albero vero? A ribadire la maggior sostenibilità di un albero vero per le festività natalizie è il Pefc Italia, l’ente promotore della corretta e sostenibile gestione del patrimonio forestale. Secondo dati Ispra, infatti un albero artificiale di 2 metri ha un’impronta di carbonio pari a circa 40 kg di emissioni di CO2 equivalenti, senza contare che gli alberi finti impiegano oltre 200 anni prima di degradarsi nell’ambiente.

Scegliere un abete vero per Natale, ricorda il Pefc Italia, significa invece mettere in casa una pianta che respira (anche quando recisa), assorbe anidride carbonica e rilascia ossigeno e olii essenziali che purificano l’abitazione e, una volta terminato il suo ciclo vitale, ritorna ad essere sostanza organica. Queste piante possono quindi essere viste come un ingranaggio del motore naturale di filtrazione della Natura, al contrario di prodotti energivori e inquinanti come gli alberi di plastica, metalli e vernici destinati alle discariche.

La scelta di un abete vero, sia coltivato in vivai specializzati che proveniente da attività di gestione sostenibile delle foreste, consente inoltre di sostenere aziende agricole che impiegano centinaia di persone in aree montane che hanno la tendenza allo spopolamento e dove il reddito è decisamente inferiore a quello delle zone di pianura; creando una relazione positiva fra città e montagna e prendendo le distanze da sistemi produttivi lontani da noi e incompatibili con l’ambiente.

Molto importante è considerare la provenienza dell’albero: più è vicino il luogo di coltivazione o il bosco dal quale è stato prelevato, minore sarà l’impatto sull’ambiente per il trasporto. Anche per questo Pefc Italia ricorda di leggere sempre l’etichetta: il tagliando che troviamo sull’albero o sul cimale dovrebbe riportare la provenienza da coltivazioni specializzate, la nazionalità, l’età dell’albero e la non destinazione per il rimboschimento (per evitare mescolanze genetiche e quindi danni agli abeti autoctoni).

Secondo Coldiretti, gli abeti italiani disponibili sul mercato natalizio derivano per il 90% da coltivazioni vivaistiche specializzate gestite da piccole aziende agricole italiane del territorio rurale. Il restante 10% (i cosiddetti cimali o punte di abete o giovani piante destinate al taglio), deriva da normali pratiche di gestione forestale di diradamento, indispensabili per far sviluppare meglio le foreste, da tagli di piante lungo strade o linee elettriche o da interventi di pulizia dopo eventi meteorici estremi, come accadde ad esempio nell’ottobre 2018 con la tempesta di vento Vaia.

Altro elemento decisivo nella scelta dell’albero di Natale è la certificazione che garantisce la massima trasparenza in termini di tracciabilità, legalità, e rispetto dell’ambiente. Per questo è importante optare per alberi prodotti da realtà forestali certificate Pefc, riconoscibili dal logo presente in etichetta. “Lo schema di certificazione garantisce la massima trasparenza in termini di tracciabilità e rispetto dei territori. Ci sono centinaia di aziende già certificate: scegliere i loro prodotti significa rafforzare un circolo virtuoso e contribuire a modificare le scelte imprenditoriali delle aziende della filiera bosco-legno”, spiega Antonio Brunori, Segretario Generale Pefc Italia.

Come prendersi cura di un abete vero? Si consiglia di sistemarlo in un luogo luminoso, lontano da fonti di calore e allo stesso tempo al riparo da correnti d’aria troppo forti: quindi né accanto al termosifone acceso né alla finestra. Un aspetto importante, specialmente per le piante in vaso, è innaffiare l’albero con regolarità, una volta ogni 1-2 giorni. Un trucco tanto semplice quanto efficace è posizionare dei cubetti di ghiaccio nel vaso dell’albero, così da far rimanere sempre umida la terra nel vaso. Per la sostenibilità sono da evitare neve sintetica o spray colorati, preferendo per gli addobbi prodotti naturali e portatori di messaggi sociali e personali.

Cosa fare passate le feste? Gli alberi veri recisi e in vaso che non si vogliono mantenere per gli anni successivi, dovranno poi essere smaltiti in modo corretto, portandoli nelle isole ecologiche: in questo modo saranno trasformati in compost utile alla crescita di nuove piante. Ripiantare gli alberi dei vasi in bosco non è, invece, una scelta corretta. Collocarli in boschi significa creare potenziali problemi ecologici (l’abete non fa parte dei boschi naturali di pianura/collina) e di inquinamento genetico (non possiamo conoscere il patrimonio o le malattie dell’albero). Meglio quindi scegliere, ove possibile, il proprio giardino di casa, con l’avvertenza di non posizionarli troppo vicini agli edifici perché gli abeti crescono rapidamente.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Omicron: Spallanzani, “Vaccini autorizzati “bucati”, mentre Sputnik V ok”


Uno studio dell'Istituto Spallanzani e Gamaleya porta alla luce che i vaccini autorizzati perdono efficacia davanti a variante Omicron, mentre persone...
Read More
Omicron: Spallanzani, “Vaccini autorizzati “bucati”, mentre Sputnik V ok”

Quirinale, con Draghi al Colle ipotesi governo ‘fotocopia’


Un governo fotocopia, con un nuovo pilota, un tecnico, al posto di comando, ma con il grosso delle caselle ferme,...
Read More
Quirinale, con Draghi al Colle ipotesi governo ‘fotocopia’

Covid Italia, 188.797 contagi e 385 morti: i dati per regioni 20 gennaio


Sono 188.797 i contagi da coronavirus in Italia oggi, 20 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid - regione per...
Read More
Covid Italia, 188.797 contagi e 385 morti: i dati per regioni 20 gennaio

Caro bollette, si cerca copertura per altri 2 miliardi


Ennesima riunione tecnica a Palazzo Chigi per trovare la quadra sul nodo bollette, con i rincari di luce e gas...
Read More
Caro bollette, si cerca copertura per altri 2 miliardi

Energia dal mare, fonte green per le piccole isole


Enea e Politecnico di Torino hanno messo a punto la versione 2.0 del PEWEC, il convertitore di onde marine in...
Read More

Progetto Supra, nuova vita a plastica di mascherine e camici


Definire, sperimentare e validare un nuovo scenario di economia circolare basato sul riuso di rifiuti plastici derivanti da Dispositivi di...
Read More

Casa in vendita o in affitto, gli italiani la vogliono ‘efficiente’


Un nuovo sondaggio di YouGov realizzato per la Fondazione Europea per il Clima (European Climate Foundation), rivela che gli italiani...
Read More

Nasce Alperia Green Future


Il Gruppo Alperia ha costituito una nuova società denominata Alperia Green Future, che ingloberà Alperia Bartucci Srl, Gruppo Green Power...
Read More
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends