LiberoReporter

Politici e giornalisti spiati in tutto il mondo, tanti i paesi sotto accusa




Una tecnologia israeliana, nota come Pegasus, usata da diversi paesi per hackerare e spiare migliaia di persone in tutto il mondo attraverso i cellulari: nel mirino politici, giornalisti, attivisti per i diritti umani, manager di primo piano. Lo afferma il Washington Post sulla base di un’inchiesta condotta con altri 16 media. I telefoni fanno parte di una lista di oltre 50.000 utenze, individuate in paesi “noti per impegnarsi nella sorveglianza dei cittadini e noti anche per essere stati clienti dell’azienda israeliana NSO Group”, scrive il Washington Post, facendo riferimento alla società attiva nel settore della ‘spyware industry’. Molti numeri sarebbero associati ai cluster di 10 paesi: Azerbaijan, Bahrain, Ungheria, India, Kazakistan, Messico, Marocco. Ruanda, Emirati Arabi.

L’UFFICIO DI ORBAN RESPINGE LE ACCUSE

Tra le prime reazioni al WP, quella dell’ufficio del primo ministro ungherese Viktor Orban. “In Ungheria, gli organi statali autorizzati a utilizzare strumenti in incognito sono regolarmente monitorati da istituzioni governative e non governative”, ha affermato l’ufficio del premier. “Avete fatto le stesse domande ai governi degli Stati Uniti d’America, del Regno Unito, della Germania o della Francia?”.

COS’E’ PEGASUS

Pegasus è concepito per aggirare le difese degli iPhones e degli smartphone Android. Gli attacchi lasciano pochissime tracce. Le tradizionali misure – password ordinarie e complesse – sono scarsamente utili. Pegasus può insinuarsi rubando foto, registrazioni, dati relativi alla localizzazione, telefonate, password, registri di chiamata, post pubblicati sui social. Il programma può anche attivare telecamera e microfono dello smartphone.

CHI E’ STATO SPIATO

Non sono chiari gli autori materiali della lista o i motivi specifici per cui i soggetti siano stati spiati. Il lavoro svolto da Forbidden Stories, un’organizzazione no profit di base a Parigi, e da Amnesty International è stato determinante per consentire di identificare oltre 1.000 persone spiate in oltre 50 paesi di 4 continenti: spiccano oltre 600 tra politici e figure istituzionali di rilievo. Nella lista, secondo il Washington Post, figurano anche primi ministri. Accanto a loro mnistri, diplomatici, militari. E poi almeno 65 manager, 85 attivisti per i diritti umani, 189 giornalisti. Ci sarebbero anche diversi membri della famiglia reale saudita, nell’elenco che comprende 37 soggetti legati a titolo diverso all’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. Tra i giornalisti, nomi riconducibili a CNN, Associated Press, Voice of America, New York Times, Wall Street Journal, Bloomberg News, Le Mondee, Financial Timese e Al Jazeera.

COSA DICE L’AZIENDA ISRAELIANA

Pegasus, scrive il Washington Post, sarebbe stato concepito come strumento per monitorare l’attività di terroristi e criminali di rilievo. La società NSO ha giudicato privi di fondamento i risultati dell’inchiesta sottolineando -si legge- che non gestisce il software ceduto ai propri clienti e non “ha elementi” relativi alle specifiche attività di intelligence. “Detto chiaramente -afferma l’azienda- MSO Group è impegnato in una messione di salvataggio e continuerà a svolgerla nonostante tutti i continui tentativi di screditarne l’operato su basi false”. La compagnia ha negato ogni coinvolgimento in attività contro Khashoggi e ha aggiunto che “continuerà a indagare” sulla base di tutte “le segnalazioni credibili di abuso” di Pegasus e “adotterà le azioni appropriate sulla base dei risultati di tali indagini”. Tali azioni comprendono anche “la chiusura del sistema di clienti” che abbiano agito in modo scorretto: “NSO ha dimostrato di avere la capacità e la volontà di farlo, lo ha fatto più volte in passato e non esiterà a farlo ancora se una situazione lo richiede”, la posizione dell’azienda riportata dal WP.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Germania al voto: con oggi si chiude l’era Merkel


Seggi aperti dalle 8 di questa mattina alle 18 in Germania, dove circa 60,4 milioni di aventi diritto sono chiamati...
Read More
Germania al voto: con oggi si chiude l’era Merkel

F1, Norris in pole. Seconda la Ferrari di Sainz


Lando Norris, su McLaren, conquista la pole position nel Gp di Russia, 15esimo appuntamento del mondiale di Formula Uno, che...
Read More
F1, Norris in pole. Seconda la Ferrari di Sainz

No green pass, manifestazioni protesta a Roma e Milano


No green pass in piazza a Roma e a Milano. Nella capitale, i no green hanno riempito piazza San Giovanni...
Read More
No green pass, manifestazioni protesta a Roma e Milano

Eruzione La Palma, nuova colata nella notte: distrutte centinaia di case


< div> La lava del nuovo vulcano del complesso del Cumbre Vieja, sull'isola di La Palma nelle Canarie, ha distrutto...
Read More
Eruzione La Palma, nuova colata nella notte: distrutte centinaia di case

Ecobonus auto usate, prenotazioni al via da martedì


Arrivano gli incentivi Ecobonus per l'acquisto di auto usate. A partire dalle 10 di martedì 28 settembre i concessionari potranno...
Read More
Ecobonus auto usate, prenotazioni al via da martedì

Afghanistan: Herat, quattro corpi appesi in piazza dai talebani perché considerati rapitori


Sono quattro i corpi di uomini, tutti accusati dai Talebani di essere dei rapitori, appesi in quattro diverse località di...
Read More
Afghanistan: Herat, quattro corpi appesi in piazza dai talebani perché considerati rapitori

Incidente in gara, muore a 15 anni Dean Berta Vinales


Il pilota spagnolo Dean Berta Vinales, cugino di Maverick, è morto in un incidente in gara. Classe 2006, è caduto...
Read More
Incidente in gara, muore a 15 anni Dean Berta Vinales

Terza dose, ok del Cts per over 80 e Rsa


Il Comitato tecnico scientifico, riunito oggi, ha dato il via libera alla somministrazione della terza dose agli over 80 e...
Read More
Terza dose, ok del Cts per over 80 e Rsa
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends