LiberoReporter

Sparatoria Ardea, la ricostruzione della strage. Autore si toglie la vita




Nessuna lite tra Andrea Pignani e il padre dei bambini uccisi questa mattina nel consorzio di Colle Romito ad Ardea. Secondo quanto si apprende da fonti vicine alla famiglia delle due piccole vittime, i due bimbi stavano andando in bicicletta in parco pubblico, a pochi metri di distanza da casa loro. L’uomo, pistola in pugno, ha sparato prima a uno dei due bambini e subito dopo all’anziano che aveva tentato di intervenire. Poi ha rivolto l’arma verso l’altro bimbo e lo ha ucciso. I due fratellini sono stati colpiti uno al petto e una alla gola. I genitori al momento sono sconvolti e sotto choc.

Aggiornamento – Uccisi a colpi di arma da fuoco, mentre giocavano a 30 metri da casa. Sono morti così, Daniel e David Fusinato, due bambini di 5 e 10 anni di Ardea, comune sul litorale romano. Insieme a loro è stato ucciso anche Salvatore Ranieri, un anziano di 74 anni che stava passando in bicicletta, e aveva provato a intervenire. Tre vittime della follia, sacrificate senza motivo da un 34enne, Andrea Pignani, ingegnere informatico che viveva nel Consorzio di Colle Romito, sul litorale romano, da circa due anni. L’uomo questa mattina ha sparato anche contro un altro passante, senza però riuscire a colpirlo.

Pignani a maggio 2020 aveva minacciato la madre con un coltello ed era stato sottoposto a un Tso, ma non risultava affetto da patologie psichiatriche. Per la strage ha usato una pistola Beretta, calibro 7,65, che apparteneva al padre, una guardia giurata deceduta da diversi mesi. Né Pignani né la famiglia avevano segnalato ai carabinieri che possedevano la pistola come invece sarebbe richiesto fare in caso di morte del proprietario.

Secondo il racconto del presidente del Consorzio di Colle Romito ad Ardea, Romano Catini, Pignani ”aveva creato da subito problemi al consorzio” ed era noto che avesse un’arma, anche se non era chiaro se fosse vera o una scacciacani. Ai carabinieri di Ardea però non era arrivata nessuna denuncia contro di lui. Secondo la ricostruzione dei militari e di fonti vicine alla famiglia delle vittime comunque l’uomo non conosceva il padre dei due bimbi uccisi, che nella casa di Ardea stava scontando gli arresti domiciliari.

Questa mattina i due fratellini erano scesi in strada a giocare nel parco pubblico di via degli Astri, stavano andando in bicicletta quando intorno alle 11 il 34enne è arrivato pistola in pugno e li ha uccisi, sparandogli alla gola e al petto. Il 74enne che assisteva alla scena e ha provato a intervenire è stato colpito alla testa. Come in una vera e propria esecuzione. ”Sono morti dando la mano al padre”, ha raccontato Stella Di Gennaro, la nonna materna dei due bambini. “Mezz’ora ci ha messo l’ambulanza”, ha poi aggiunto, i soccorsi “sono arrivati troppo tardi”. Sul posto sono intervenuti due elicotteri, due ambulanze e un’auto medica dell’Ares 118 che hanno tentato a lungo di rianimare i bambini e l’anziano ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Una domenica come tante si è trasformata così in una tragedia che ha lasciato sgomenti non solo gli abitanti della piccola comunità di Ardea, ma dell’Italia intera. Dopo gli spari sono scattate subito le ricerche dei carabinieri per rintracciare il responsabile del triplice omicidio. Lui si è barricato in casa per oltre tre ore. Oltre ai carabinieri di Pomezia e Anzio, sono arrivati anche gli uomini delle Api (Aliquote primo intervento) del comando provinciale di Roma. I negoziatori hanno provato a mettersi in contatto con l’uomo via telefono ma senza successo.

Sono stati i Gruppi speciali di intervento carabinieri a fare irruzione nella villetta mentre due elicotteri e due droni seguivano l’operazione. Quando i militari sono entrati in casa, dopo aver fatto saltare la porta, hanno trovano il 34enne morto suicida in camera da letto. Vicino al corpo hanno trovato anche l’arma.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

“Evitarli si può con gestione sostenibile patrimonio boschivo”


Era il 2006 quando per la prima volta Uncem - Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani- e FederlegnoArredo siglavano un...
Read More

E-Novia e Joule, insieme per nuova generazione imprenditori e imprese


Formare una nuova generazione di imprenditori e imprese innovative sostenibili. Con questo obiettivo e-Novia, la Fabbrica di Imprese specializzata nel...
Read More

Sardegna: con nuovi parametri regione rischia zona gialla


Sardegna a rischio zona gialla: quindi regole e misure più stringenti già ad agosto, nella stagione del turismo, soprattutto per...
Read More
Sardegna: con nuovi parametri regione rischia zona gialla

Il mondo delle costruzioni investe sempre di più, obiettivo: tagliare le emissioni


Secondo le stime del fondo d’investimento americano Blackrock, per raggiungere l'obiettivo Ue di ridurre le emissioni del 55% entro il...
Read More

Covid: Cina, a Wuhan tamponi per tutti gli abitanti


Tamponi su tutti gli abitanti di Wuhan, la città cinese da dove a fine 2019 è partita la pandemia di...
Read More
Covid: Cina, a Wuhan tamponi per tutti gli abitanti

Tartarughe marine, record di nidificazioni per la Caretta caretta in Italia


Mai così tante nidificazioni registrate ai primi di agosto, mai così tanto a nord nel Mar Mediterraneo: da Lampedusa fino...
Read More

Tokyo 2020 vela, Tita e Banti Oro


Ruggero Tita e Caterina Banti conquistano la medaglia d'oro nella vela alle Olimpiadi di Tokyo 2020. La coppia azzurra si...
Read More
Tokyo 2020 vela, Tita e Banti Oro

Anche l’antiterrorismo indaga su attacco hacker Regione Lazio


Attacco hacker alla Regione Lazio, sono i pm dell’antiterrorismo e del pool reati informatici della Procura di Roma a indagare...
Read More
Anche l’antiterrorismo indaga su attacco hacker Regione Lazio
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends