LiberoReporter

Coronavirus. Disperato Video appello di 7 italiane bloccate a Marrakech

AGGIORNAMENTO 13 Marzo 2002 ore 11 – Nuovo video appello da Marrakech: le signore italiane continuano a essere bloccate senza alcun sostegno da parte del nostro paese e della compagnia aerea che ha cancellato i voli (NUOVO VIDEO QUI)


Marrakech 12 marzo 2020 – Questo è un appello di un gruppo di 7 Signore partite regolarmente dall’Italia ai primi di marzo, senza alcuna restrizione o rischio segnalato dalla Farnesina, verso il Marocco.  Ora il gruppo si trova a Marrakech senza la possibilità di rimpatriare dopo che la compagnia Ryanair ha cancellato i voli.

Contattato il Consolato immediatamente, le risposte non sono state di alcun aiuto, è stato infatti consigliato più volte di uscire dal Marocco al più presto e di raggiungere qualsiasi destinazione possibile in Europa e successivamente di trovare un modo per arrivare in Italia senza aiuto né sostegno.  Le Signore assistite dall’agenzia Italiana che le accompagna, hanno cercato di cambiare il volo in direzione Madrid e poi Roma-Ciampino. Il volo per Ciampino è stato annullato il pomeriggio stesso. Adesso sono bloccate nella città marocchina e l’unità di crisi della Farnesina non risponde.

Questo viaggio è stato intrapreso da persone comuni che non hanno grandi disponibilità finanziarie per rimanere a Marrakech a tempo illimitato e nemmeno si possono permettere “prove” di rientro con passaggi in Svezia o da quale altro Paese, ammesso che ci sia ancora una chance per poterlo fare,  visto che il nostro paese si trova isolato nei suoi confini nazionali. Queste 7 donne sono partite per una breve vacanza e si trovano nei guai più neri. Ci appelliamo all’Unità di crisi della Farnesina a prendersi cura di queste Italiane ormai all’esaurimento fisico, psicologico ed economico. Per Niccolò, ultimo degli italiani rimasti a Wuhan, è stato organizzato, grazie al placet del MAE, il rientro tramite la nostra Aeronautica Militare: un passaggio aereo appositamente realizzato per riportarlo, giustamente, nel nostro paese. Che il nostro Ministro degli Esteri Luigi DI Maio, si premuri per organizzare anche questo rientro. Riportatele in Italia!

D.R.

 

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends