Connect with us

Published

on

Tre nazioni europee estendono il riconoscimento formale alla Palestina, Israele profondamente irritato

In un atto di solidarietà globale, Spagna, Norvegia e Irlanda hanno deciso di riconoscere ufficialmente la Palestina come Stato sovrano. Questa decisione è stata presa con l’intento di esercitare una maggiore pressione su Israele, mentre la situazione a Rafah continua a deteriorarsi con continue segnalazioni di violenze contro i civili. L’incidente più recente, che ha avuto luogo in un campo per sfollati, ha provocato numerose vittime, portando il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, a definirlo un “tragico incidente”.

Questo riconoscimento rappresenta un segnale politico significativo da parte di tre governi europei di diversa orientazione politica – socialisti a Madrid e Oslo, liberal-conservatore a Dublino – e arriva poco prima delle elezioni europee.

La Francia, d’altro canto, ha espresso il suo sostegno al riconoscimento dello Stato palestinese, ma il presidente Emmanuel Macron ha precisato che ciò avverrà al “momento opportuno”. Macron ha affermato che la Francia non ha alcun tabù e che è pronto a riconoscere uno Stato palestinese, ma che tale riconoscimento dovrebbe avvenire al termine di un processo che coinvolga gli Stati della regione e Israele e che permetta di produrre un risultato utile sulla base di una riforma dell’Autorità palestinese.

Nonostante la mossa diplomatica di Spagna, Norvegia e Irlanda, Tel Aviv non prevede alcun impatto immediato sul conflitto a Gaza. La Spagna, guidata dal primo ministro Pedro Sanchez, è in prima linea nel gruppo di Paesi che hanno riconosciuto la Palestina. Sanchez ha definito questa decisione come una “scelta storica” con l’unico obiettivo di aiutare israeliani e palestinesi a raggiungere la pace.

Il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, ha reagito duramente alla decisione della Spagna, associando la vice premier, Yolanda Diaz, a due dei principali rivali dello Stato ebraico, la Guida Suprema dell’Iran, Ali Khamenei, ed il capo di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar. Katz ha accusato tutti e tre di volere “la scomparsa dello Stato di Israele e la creazione di uno stato terroristico islamico”.

Irlanda e Norvegia si sono unite alla Spagna nel formalizzare una decisione annunciata congiuntamente la settimana scorsa. Il primo ministro irlandese, Simon Harris, ha dichiarato che questo è un momento importante e che invia un segnale al mondo che ci sono azioni pratiche che un Paese può intraprendere per contribuire a mantenere viva la speranza e l’obiettivo di una soluzione a due Stati.

La Norvegia, che non è membro dell’UE ma spesso allinea la sua politica estera a quella del blocco, ha sottolineato tramite il ministro degli Esteri, Espen Barth Eide, che il riconoscimento dello Stato di Palestina rappresenta “una pietra miliare” per le relazioni bilaterali.

La decisione di Spagna, Irlanda e Norvegia ha suscitato l’irritazione del governo israeliano, che nei giorni scorsi ha convocato per consultazioni i suoi ambasciatori in questi Paesi, sostenendo che rappresenta “una ricompensa” per gli attacchi dei “terroristi” di Hamas. Netanyahu ha bollato queste iniziative come provvedimenti unilaterali che Israele non riconosce e che ostacolano il processo di pace.

Ad oggi, 146 Paesi hanno ufficialmente riconosciuto lo Stato palestinese. Nell’ultimo mese, Barbados, Giamaica, Trinidad e Tobago e Bahamas hanno compiuto il passo formale, e anche Malta e Slovenia hanno fatto sapere che potrebbero farlo presto. Nonostante nessuna delle principali potenze occidentali sia presente in questa lista, le decisioni di Norvegia, Irlanda e Spagna potrebbero dare un nuovo impulso. Per i palestinesi, in ogni caso, si tratta di un risultato significativo che conferisce ulteriore legittimità internazionale alla loro lotta. Concretamente, nei tre Paesi che da oggi considerano la Palestina uno Stato a pieno titolo, le missioni diplomatiche palestinesi vengono innalzate a livello di ambasciate, e lo stesso accade alle rappresentanze di Oslo, Dublino e Madrid a Ramallah, la ‘capitale’ della Cisgiordania.

LE ULTIME NOTIZIE

Compleanno al concerto di Taylor Swift per il Principe William
Il Principe festeggia i suoi 42 anni con i figli al concerto di Taylor Swift a Wembley. Il Principe William...
Read More
Incide suo nome su una Domus di Pompei: turista denunciato
Un turista kazako ha danneggiato la Casa dei Ceii a Pompei, dovrà rispondere per il danno arrecato Un turista kazako...
Read More
Ancona: arrestato 54enne, violenza sessuale aggravata e pornografia minorile
Abusi durati anni sulla nipote della convivente, condannato definitivamente e incarcerato Per anni ha perpetrato abusi sessuali sulla nipote della...
Read More
Euro 2024: Il Portogallo supera la Turchia 3-0 e vola agli ottavi
Vittoria convincente dei lusitani a Dortmund che si assicurano la qualificazione con una partita d'anticipo Il Portogallo ha battuto la...
Read More
Euro 2024: Georgia-Repubblica Ceca 1-1, qualificazione agli ottavi in bilico
Entrambe le squadre obbligate a vincere l'ultima partita per sperare di avanzare nel torneo. Georgia, Repubblica Ceca, Amburgo, 1-1, ottavi...
Read More
F1: Lando Norris in Pole Position nel GP di Spagna
Il pilota britannico della McLaren conquista la pole a Barcellona dopo 1001 giorni. Ferrari in terza fila Lando Norris conquista...
Read More
Tennis: Sinner a Halle e Musetti al Queen’s, i due italiani in Finale
Super sabato per il tennis italiano: Sinner a Halle e Musetti al Queen's puntano alla vittoria Il tennis italiano celebra...
Read More
Arkansas: 3 morti e 10 feriti in una sparatoria in un negozio di alimentari
Uomo apre il fuoco in un negozio del sud di Little Rock, due agenti tra i feriti Nella comunità di...
Read More

(con fonte AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza