Connect with us

Published

on

Sono circa 3,1 milioni gli italiani che negli ultimi 12 mesi hanno subito una truffa nell’ambito delle utenze luce e gas, con un danno economico complessivo stimato di oltre 505 milioni di euro. E’ quanto emerge dall’indagine commissionata da Facile.it agli istituti mUp Research e Norstat presentata in occasione del lancio della nuova sezione di podcast sulla sicurezza.

Le utenze luce e gas sono la voce di spesa familiare, tra quelle analizzate nell’indagine, dove gli italiani sono caduti in trappola con più frequenza (7,1% dei rispondenti ha dichiarato di aver subito una truffa in questo ambito); seguono le carte elettroniche (6,5%), la telefonia mobile (5,2%), mentre l’assicurazione auto/moto, da alcuni ritenuta una delle aree più a rischio, in realtà è tra i campi analizzati quello dove in percentuale gli italiani sono caduti in trappola con meno frequenza (1,4%).

A seguito delle truffe nell’ambito delle utenze luce e gas, come evidenziato dall’analisi realizzata su un campione rappresentativo della popolazione nazionale, gli italiani hanno perso oltre 505 milioni di euro, con un danno medio pari a 162 euro per truffato. Considerando tutte le altre voci di spesa familiare oggetto di indagine (telefonia, Rc auto, utenze luce e gas, carte elettroniche e conti correnti, prestiti personali), il danno economico complessivo legato alle truffe supera i 3 miliardi di euro.

Se, guardando a tutte le voci di spesa analizzate, le email e gli sms rappresentano i principali strumenti utilizzati dai malfattori, quando si parla di frodi nelle utenze luce e gas emergono alcune specificità; in questo ambito, ad esempio, tra i canali più usati dai truffatori ci sono i finti call center (44%) e le visite porta a porta (31%).

Cosa accade dopo una truffa nell’ambito delle utenze luce e gas? Purtroppo, il 54% di chi cade in trappola non denuncia la frode, valore addirittura più alto rispetto alla media rilevata nelle altre voci di spesa familiare oggetto di indagine, dove chi non denuncia è il 41,5% dei truffati. Per quali motivi non si fa? Il 30% ha detto di non averlo fatto perché il danno economico era basso, mentre il 26% perché era certo che non avrebbe recuperato quanto perso.

Consigli per prevenire le truffe

Per prima cosa bisogna evitare di aprire la porta di casa a chi si spaccia per agente ufficiale Enel, Iren, Eni, Sorgenia e così via, salvo che siano presenti problemi nella linea ed era già stato programmato l’intervento di un tecnico. Nel caso in cui si dovesse riconoscere un falso operatore è bene contattare il servizio clienti della propria compagnia o le autorità competenti si legge sul sito di Facile.it.

Altro importante consiglio è quello di non fornire mai una copia della bolletta telefonica agli addetti che si presentano presso la propria abitazione. Questo, del resto, si rivela il modo più veloce per portare a termine la truffa e procedere all’attivazione di servizi non richiesti. Sulla bolletta, infatti, sono specificati tutti i dati sensibili utili per procedere con il cambio del fornitore. Naturalmente non bisogna mai firmare alcun modulo o contratto che viene presentato dagli operatori, anche perché non esiste alcun obbligo di sottoscrizione.

Ultima accortezza: non bisogna mai versare somme in denaro agli agenti che si presentano alla porta della propria casa. Si tratta di una pratica considerata del tutto illegale dal nostro ordinamento e infatti nessun operatore reale, che lavora alle dipendenze di qualsiasi fornitore, pretenderà un pagamento o può riscuotere importi per conto della società. Le bollette di luce e gas si possono saldare seguendo le modalità indicate sul contratto e utilizzando i sistemi accettati, come ad esempio bollettino postale, bonifico bancario, tramite PayPal o app.

Cosa fare in caso di truffa già avvenuta

Chi ritiene di essere stato vittima di un comportamento scorretto o di una vera e propria truffa, potrà segnalare l’accaduto direttamente al servizio clienti della propria compagnia. Le segnalazioni purtroppo si sono moltiplicate nell’ultimo periodo, in quanto i falsi operatori sono diventati sempre più abili nel carpire i dati sensibili dei privati, ad esempio facendo continue domande al telefono e richiedendo la copia dell’ultima bolletta pagata.

Quando oramai il danno è fatto e si ha la sicurezza di essere caduti nel raggiro in alcuni casi è comunque possibile porre rimedio. Chi si ritrova a pagare per un’offerta mai voluta e richiesta, nonché con un contratto indesiderato, potrà esercitare il diritto di recesso. In genere per far venir meno gli effetti contrattuali bisogna seguire l’apposita procedura che viene descritta dalla società interessata sul portale ufficiale o nella bolletta. Il cliente sarà tenuto a inoltrare una comunicazione scritta a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno.

Questo iter non deve essere seguito quando si ha intenzione di passare ad altro fornitore. In situazioni di questo tipo sarà infatti la nuova compagnia a provvedere agli aspetti amministrativi e burocratici, nonché ad effettuare tutte le comunicazioni del caso.

In ogni caso facendo attenzione è possibile evitare a monte ogni tipo di pratica illegittima e riconoscere i potenziali falsi agenti che hanno come unica finalità solo quella di raccogliere dati per attivare servizi non voluti dalla clientela.

LE ULTIME NOTIZIE

Putin minaccia la NATO e l’Europa: avvertimenti sul conflitto in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin mette in guardia l'Occidente riguardo alle implicazioni di un coinvolgimento più profondo in Ucraina Vladimir...
Read More
Putin minaccia la NATO e l’Europa: avvertimenti sul conflitto in Ucraina

Tre condanne per violenza sessuale di gruppo su Campionessa Olimpionica

Il gup di Roma infligge pene di 5 anni e 4 mesi a tre calciatori sardi per l'aggressione avvenuta nel...
Read More
Tre condanne per violenza sessuale di gruppo su Campionessa Olimpionica

Borrell (Ue): “Ucraina Ha Diritto di Difendersi Colpendo la Russia”

L'Alto Rappresentante dell'Ue sostiene l'uso di armi europee sul territorio russo, suscitando reazioni contrastanti in Italia L'Ucraina ha il "diritto...
Read More
Borrell (Ue): “Ucraina Ha Diritto di Difendersi Colpendo la Russia”

Pronto soccorso 2023: attesa media “mostruosa”, tempo permanenza 31 ore

I dati dell'Osservatorio Simeu rivelano un aumento del 25% dei tempi di attesa in pronto soccorso rispetto al 2019 e...
Read More
Pronto soccorso 2023: attesa media “mostruosa”, tempo permanenza 31 ore

Gallo di Petriano (PU): operaio muore schiacciato da un macchinario

In un'azienda di componenti per mobili, un giovane di 33 anni perde la vita in un tragico incidente. indagini in...
Read More
Gallo di Petriano (PU): operaio muore schiacciato da un macchinario

Meloni inaugura centro sportivo Delphinia a Caivano

Il premier visita il luogo simbolo delle violenze sui minori, accompagnata da don Patriciello e dal vescovo Spinillo Parole chiave:...
Read More
Meloni inaugura centro sportivo Delphinia a Caivano

Torino, fermato 29enne marocchino per terrorismo: è membro dell’ISIS

Elmandi Halili, già noto per la propaganda jihadista in italiano, è stato fermato dalla polizia dopo un'indagine della Digos torinese...
Read More
Torino, fermato 29enne marocchino per terrorismo: è membro dell’ISIS

Nuove Regole per gli Autovelox: Decreto del MIT Diventa Legge

Stop agli Autovelox Selvaggi: misure più severe per prevenire abusi e garantire la sicurezza stradale. Il decreto non sana la...
Read More
Nuove Regole per gli Autovelox: Decreto del MIT Diventa Legge

(AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza