LiberoReporter

Giordania: arrestato fratellastro re Abdullah per golpe, notizia smentita da autorità




AGGIORNAMENTO – Secondo l’agenzia di Stampa Petra, una fonte autorevole ha smentito le notizie secondo cui Sua Altezza Reale il Principe Hamzeh sarebbe stato detenuto o posto agli arresti domiciliari come affermano alcuni media

fonte foto: www.jordantimes.com

La notizia della prima ora – Colpo di stato sventato in Giordania. C’è anche Hamzah bin Hussein, il figlio maggiore del defunto re Hussein, ex principe ereditario e fratellastro del re di Giordania Abdullah II, tra le persone vicine alla Casa reale di Amman arrestate oggi dalle forze della sicurezza giordana per ”motivi di sicurezza”. “Gli abbiamo chiesto di interrompere le attività e le azioni contro la stabilità della Giordania”, ha detto in un comunicato l’esercito di Amman. Per il sito di Middle East Eye, le autorità giordane avrebbero così sventato un tentativo di colpo di Stato. In passato, Hamzah bin Hussein era stato accusato di essere sostenuto dall’Arabia Saudita.

Un alto funzionario dell’intelligence mediorientale informato degli eventi ha detto al ‘Washington Post’ che erano in corso indagini sul tentativo di spodestare il re. Leader tribali e membri dell’establishment di sicurezza giordano sarebbero stati coinvolti nel complotto, ha aggiunto il giornale. ”E’ in corso un’inchiesta”, ha spiegato un funzionario citato dall’agenzia di stampa ufficiale Petra a condizione di anonimato. Gli arresti, ”una ventina”, sono stati condotti dopo ”un attento monitoraggio” e da ”indagini approfondite” che andavano avanti ”da molto tempo”, ha aggiunto la fonte.

In base a fonti da Amman, gli uomini della sicurezza sarebbero arrivati a bordo di 20 veicoli e avrebbero fatto irruzione nella casa del principe Hamzah, 41 anni, in un sobborgo occidentale di Amman, lo avrebbero messo agli arresti domiciliari e avrebbero arrestato le sue guardie. Anche il capo del suo ufficio, Yasser Majali, sarebbe stato arrestato dopo che una forza pesantemente armata ha fatto irruzione nella casa di un suo familiare. . “La comunicazione con loro si è interrotta più di tre ore fa”, ha twittato un membro della famiglia, Basma Al Majali.

Detenuto anche Adnan Abu Hammad, che gestisce il palazzo del principe Hamzah. Il principe Hamzah è il figlio del defunto re Hussein, succeduto ad Abdullah nel 1999, e della sua quarta moglie, la regina Noor, nata negli Stati Uniti.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Covid, “ora colpisce più intestino”


"Ultimamente stiamo osservando, nei casi Covid, un maggior coinvolgimento dell'apparato gastroenterico con la diarrea come sintomo più significativo, ma possono...
Read More
Covid, “ora colpisce più intestino”

Von der Leyen su Erdogan-Michel: “Mi sono sentita sola”


Ursula von der Leyen si è sentita "sola" come "presidente", come "donna" e come "europea" martedì scorso ad Ankara, quando...
Read More
Von der Leyen su Erdogan-Michel: “Mi sono sentita sola”

Vaccino Johnson & Johnson, stop Usa. Cosa cambia per Italia


Vaccino Johnson & Johnson sospeso negli Stati Uniti per casi di trombosi. L'Italia ha accolto le prime 184mila dosi del...
Read More
Vaccino Johnson & Johnson, stop Usa. Cosa cambia per Italia

Meteo: torna l’inverno, pioggia e gelate in arrivo. Ecco dove


Stiamo vivendo un periodo caratterizzato da una spiccata instabilità sul nostro Paese. Aria polare sta invadendo molte nazioni europee generando...
Read More
Meteo: torna l’inverno, pioggia e gelate in arrivo. Ecco dove

Fukushima: Tokyo ha deciso, l’acqua contaminata finirà in mare


L'acqua radioattiva proveniente da Fukushima sarà riversata nell'Oceano. E' quanto ha deciso il governo, nonostante la netta opposizione dell'opinione pubblica,...
Read More
Fukushima: Tokyo ha deciso, l’acqua contaminata finirà in mare

Champions: Psg in semifinale, non basta al Bayern Monaco la vittoria 0-1


Il Bayern Monaco campione del mondo e d’Europa supera a Parigi 1-0 il Psg ma non basta per rimontare il...
Read More
Champions: Psg in semifinale, non basta al Bayern Monaco la vittoria 0-1

Palù: “AstraZeneca? Il richiamo è sicuro”


"Siamo in guerra contro un nemico terribile, non possiamo ragionare come se vivessimo nella normalità". In un'intervista al 'Corriere della...
Read More

No Tav, scontri in Val Susa per lavori nuovo aeroporto


È andato in scena nella notte lo sgombero del presidio No Tav nell'ex autoporto di San Didero, a Torino. Statale...
Read More
No Tav, scontri in Val Susa per lavori nuovo aeroporto
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends