LiberoReporter

30% di tutela per rigenerare la biodiversità

(Adnkronos)

Gli stock ittici del Mediterraneo potrebbero rigenerarsi se il 30% del mare venisse protetto efficacemente. Considerando che ad oggi, solo il 9,68% del Mar Mediterraneo è indicato come ‘protetto’ e che solo l’1,27% è effettivamente tutelato, c’è ancora molto lavoro da fare. E’ quanto rileva il nuovo report del Wwf ’30 per 30: Possibili scenari per rigenerare la biodiversità e gli stock ittici nel Mediterraneo’, analizzando i benefici che l’interruzione della pesca insostenibile e della pesca illegale, e di altre attività dannose in aree selezionate, porterebbe alla biodiversità marina e alle popolazioni ittiche.


Lo studio è stato condotto in collaborazione con i ricercatori del Cnrs-Criobe Francese, l’Ecopath International Initiative e l’Icm-Csic Spagnolo. L’analisi scientifica ha evidenziato che “nei prossimi anni, se la pesca insostenibile e le altre attività industriali proseguiranno agli stessi livelli di oggi, gli stock ittici nel Mediterraneo continueranno a diminuire”.

In contrasto a questo trend, il report conferma che “la protezione efficace di specifiche aree, fino a raggiungere il 30% del Mar Mediterraneo, unita alla gestione sostenibile delle attività economiche nella restante parte del bacino, garantirebbe l’aumento di questi stessi stock ittici commerciali e una ripresa significativa dell’intero ecosistema marino”.

I risultati dello studio, inoltre, mostrano che le catture degli sparidi (come saraghi, dentici, etc) potrebbero aumentare del 4-20% e quelle dei grandi pesci demersali (che vivono sui fondali) di interesse commerciale (ad esempio il nasello) fino al 5%.

Nel Mediterraneo Occidentale, per cui sono disponibili più dati scientifici, l’analisi mostra aumenti potenziali degni di nota: la biomassa di predatori come gli squali potrebbe aumentare fino al 45%, mentre la biomassa di specie commerciali come le cernie potrebbe aumentare del 50% e il nasello potrebbe perfino raddoppiare la sua biomassa. Anche il tonno rosso, la popolazione più iconica e commercialmente importante del Mediterraneo, potrebbe potenzialmente rigenerare la sua biomassa fino a un aumento record del 140%.

“Oggi abbiamo la prova scientifica che la protezione di aree chiave del Mediterraneo è un modo efficace per ricostituire gli stock ittici più importanti e fermare la drammatica perdita di specie e habitat che sta minacciando il nostro mare – avverte Marina Gomei, del Wwf Mediterranean Marine Initiative – Queste aree marine hanno un enorme potenziale per sostenere il settore della pesca e le economie locali, già ampiamente colpite dalla pandemia da Covid-19, e aumentare la nostra resilienza contro il cambiamento climatico. Il prossimo decennio deve vedere il Mar Mediterraneo di nuovo al centro delle agende ecologiche ed economiche dei nostri governi se vogliamo assicurare un futuro per il quasi mezzo miliardo di persone che vivono nella regione”.

LE ULTIME NOTIZIE

Tokyo 2020, il medagliere di oggi


Tokyo 2020, ecco il medagliere aggiornato di oggi delle Olimpiadi: 1) Cina 29 ori, 17 argenti, 16 bronzi; 2) Stati...
Read More
Tokyo 2020, il medagliere di oggi

Riforma della giustizia, voto di fiducia alla Camera


Riforma della Giustizia, in corso alla Camera la 'chiama' sul primo dei due voti di fiducia. Nel corso delle dichiarazioni...
Read More
Riforma della giustizia, voto di fiducia alla Camera

Attacco hacker a Regione Lazio, Zingaretti: “Situazione grave”


''Nella notte tra sabato e domenica la Regione Lazio ha subito un attacco cyber molto potente e molto invasivo''. Lo...
Read More
Attacco hacker a Regione Lazio, Zingaretti: “Situazione grave”

Sondaggi politici, Fratelli d’Italia davanti a Lega e Pd


Fratelli d'Italia primo partito davanti a Lega e Pd. Il sondaggio Swg per il Tg La7 fotografa la crescita dei...
Read More
Sondaggi politici, Fratelli d’Italia davanti a Lega e Pd

Etico e a km 0, nei rifugi del Tonale menu con certificazione green


Ci saranno almeno cinque prodotti tipici e strategici per il territorio con ottica di stagionalità e il 50% minimo in...
Read More

Carburanti marini sostenibili, così Dhl Global Forwarding riduce le emissioni


Secondo le stime riportate nell’ultima relazione della Commissione dei trasporti e del turismo del Parlamento europeo, il trasporto marittimo causa...
Read More

C’è una relazione tra incendi e inquinamento marino


Non solo l’ambiente terrestre, anche il mare e i suoi abitanti sono minacciati dagli incendi delle aree boschive che si...
Read More

Al via riqualificazione centrale di trigenerazione sito italiano Itt


Al via il progetto di totale riqualificazione della centrale di trigenerazione del sito italiano della Itt. Engie Italia, player globale...
Read More
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends