LiberoReporter

Iran: Amnesty, appello per sospendere imminente esecuzione ricercatore Djalali




(AUDIO LETTURA DELL’ARTICOLO PER IPO E NON VEDENTI NEL PLAYER IN BASSO) – Amnesty International ha appreso con sgomento la notizia del trasferimento in isolamento, in vista dell’imminente esecuzione, del ricercatore irano-svedese in Medicina dei disastri Ahmadreza Djalali.

“La notizia è orribile: le autorità iraniane intendono eseguire la condanna a morte di Djalali entro una settimana. Nonostante i ripetuti appelli degli esperti delle Nazioni Unite per l’annullamento della condanna a morte e la scarcerazione, si va avanti verso questo irreversibile atto di ingiustizia.

Chiediamo al governo iraniano di fermarsi e agli stati della comunità internazionale di intervenire attraverso le loro ambasciate a Teheran”, ha dichiarato Diana Eltahawy, vicedirettrice per il Medio Oriente e l’Africa del Nord di Amnesty International.

Djalali è stato condannato a morte nell’ottobre 2017, dopo un processo clamorosamente iniquo celebrato dalla Sezione 15 del Tribunale rivoluzionario di Teheran, per “corruzione in Terra”.

Il tribunale si è basato essenzialmente su “confessioni” estorte con la tortura quando Djajali, arrestato nell’aprile 2016, era detenuto in isolamento senza avere accesso a un avvocato. Durante gli interrogatori, lo hanno minacciato di morte e lo hanno terrorizzato dicendogli che avrebbero ucciso i figli residenti in Svezia e la madre che vive in Iran.

In una lettera trapelata dalla prigione di Evin nell’agosto 2017, Djalali ha denunciato che era stato arrestato solo perché aveva rifiutato di utilizzare le sue relazioni accademiche con le istituzioni europee per fare la spia in favore dell’Iran.

Il 17 dicembre 2017, una tv di stato iraniano ha mandato in onda una “confessione” di Djalali con una voce in sottofondo che lo presentava come una “spia”.

Per due volte, dal dicembre 2017, i suoi avvocati hanno invano chiesto una revisione giudiziaria del processo.

Al contrario, il 9 dicembre 2018 hanno appreso che la prima sezione della Corte suprema aveva approvato la condanna a morte senza neanche consentire di presentare una memoria difensiva.

Nel novembre 2017 il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle detenzioni arbitrarie ha chiesto la scarcerazione di Djalali in quanto era stato arrestato senza mandato di cattura, era stato ufficialmente incriminato dopo 10 mesi dall’arresto ed era stato “concretamente privato dell’esercizio di contestare la legalità della sua detenzione”.

(AUDIO PER IPO E NON VEDENTI)

LE ULTIME NOTIZIE

Juve-Genoa 3-1, polemiche per Ronaldo che getta maglia a terra

Juve-Genoa 3-1, polemiche per Ronaldo che getta maglia a terra

La Juventus sconfigge 3-1 il Genoa all'Allianz Stadium e conserva il terzo posto in classifica a 12 punti dall'Inter capolista e ad una...
Leggi tutto
“AstraZeneca viola contratto”, lettera ultimatum dell’Europa

“AstraZeneca viola contratto”, lettera ultimatum dell’Europa

"AstraZeneca ha violato e continua a violare le sue obbligazioni contrattuali sulla produzione e la fornitura delle 300 milioni di dosi iniziali" di...
Leggi tutto
Roma-Bologna 1-0 all’Olimpico, gol di Mayoral

Roma-Bologna 1-0 all’Olimpico, gol di Mayoral

La Roma batte di misura all'Olimpico il Bologna nella 30ma giornata del campionato di serie A. A fissare il punteggio sull'1-0 finale la...
Leggi tutto
Arcuri: “Indagato per mascherine? Non ho notizia”

Arcuri: “Indagato per mascherine? Non ho notizia”

"Domenico Arcuri comunica di non avere notizia" circa l'indagine sulle 'mascherine'. E' quanto si legge in una nota di Invitalia. L'ex commissario straordinario...
Leggi tutto
Vaccini covid Cina poco efficaci: serve piano B con terza vaccinazione

Vaccini covid Cina poco efficaci: serve piano B con terza vaccinazione

I vaccini della Cina sono relativamente poco efficaci e Pechino valuta l'ipotesi di un mix con vaccini a mRNA, realizzati con la tecnologia...
Leggi tutto
Palagianello, legava con catena sorella e nipote prima di uscire

Palagianello, legava con catena sorella e nipote prima di uscire

Avrebbe legato al letto la sorella, con la quale conviveva, e la figlia di quest'ultima con una catena ogni qual volta si assentava...
Leggi tutto
Regioni: dalla zona rossa alla zona arancione, cosa cambia e quali regole

Regioni: dalla zona rossa alla zona arancione, cosa cambia e quali regole

Tra 'promozioni' e conferme, da domani lunedì 12 aprile la maggior parte dell'Italia sarà zona arancione. Per spostamenti, scuole e categorie di negozi...
Leggi tutto
Crisanti: “Grave tornare a scuola senza profilassi, contagi risaliranno”

Crisanti: “Grave tornare a scuola senza profilassi, contagi risaliranno”

"Affermare che la riapertura delle scuole non causi un incremento dei casi è, diciamo, una baggianata". Lo dice in un'intervista al 'Messaggero', Andrea...
Leggi tutto
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends