LiberoReporter

TEMPO REALE Crisi: secondo giro consultazioni, Draghi vedrà gruppi minori




Le consultazioni del Presidente incaricato Mario Draghi proseguiranno oggi  con il seguente calendario:
Lunedì 8 febbraio 2021

Ore 15-15.15 Gruppo Misto della Camera – Minoranze linguistiche (Componente Gruppo Misto)
Ore 15.30-15.45 MAIE – Movimento associativo italiani all’estero- PSI (Componente Gruppo Misto Camera)
Ore 16-16.15 Azione – + Europa – Radicali italiani (Componente Gruppo Misto Camera)
+ Europa – Azione(Componente Gruppo Misto Senato)
Ore 16.30-16.45 Noi con l’Italia – USEI – Cambiamo! – Alleanza di centro (Componente Gruppo Misto Camera)
Idea e Cambiamo(Componente Gruppo Misto Senato)
Ore 17-17.15 Centro Democratico – Italiani in Europa (Componente Gruppo Misto Camera)
Ore 17.30-18 Gruppo Per le autonomie (SVP – PATT, UV) del Senato

TUTTO IL RESONTO DELLA GIORNATA IN TEMPO REALE

Ecco la timeline di tutti gli interventi e delle dichiarazioni che si susseguiranno nel corso della giornata di oggi 8 febbraio, aggiornate in tempo reale


—— TIMELINE ——


Autonomie

“Ho chiesto che la politica di genere venga messa al centro di tutte le altre politiche e che in questo governo ci sia una adeguata rappresentanza di donne. Siccome il senatore Salvini entro dodici ore è diventato da sovranista un convinto europeista, forse sto giro diventa anche femminista e allora questo governo avrà al centro le politiche femminili”. Lo ha affermato Julia Unterberger, capogruppo del Gruppo dello Autonomie al Senato, dopo l’incontro con il presidente del Consiglio incaricato.

Centro Democratico – Italiani in Europa

Noi con l’Italia, Cambiamo, Alleanza di Centro

“Siamo stati colpiti dalla lucidità di un presidente che indica come primo elemento fare uscire da una depressione psicologica oltre che economica l’Italia”. Lo ha affermato Vittorio Sgarbi, al termine dell’incontro con Draghi. “Ho detto” al premier incaricato che “avendo un impegno venerdì per vedere degli affreschi importanti preferirei che si desse la fiducia da lunedì in avanti”, ha detto ancora. Il presidente del Consiglio incaricato “ha fatto due esempi: uno, che a me non sembra urgente, che è la riforma della scuola; ma l’altro è la riforma della giustizia, dicendo che poteva, nel tempo che ha, immaginando che sia quello completo, occuparsi della giustizia civile, non di quella penale, perché questo chiede l’Europa, benché lui ritenga importantissima anche una riforma della giustizia penale. Ha detto, certo, è importantissimo, ma come se non ci fosse il tempo”, ha detto ancora Sgarbi.

“Abbiamo fatto notare al presidente incaricato che sia nella prima che nella seconda stesura del Recovery plan non c’era minimamente cenno alla governance del Recovery plan stesso. La presenza del presidente incaricato Draghi ci rassicura da questo punto di vista, ma la governance non è solo in capo a chi lo dirige ma è anche un problema di strategia, di un sistema complessivo che riguarda Regioni, Enti locali, organizzazioni datoriali e del lavoro. Quindi un approfondimento su questo argomento verrà fatto”, ha poi sottolineato il senatore di ‘Cambiamo’ Paolo Romani al termine dell’incontro.

“Abbiamo chiesto al presidente incaricato che facesse cenno nel programma di governo” della riforma della legge elettorale “e ci piacerebbe coniugarla con una riforma dell’assetto istituzionale per quanto riguarda, ad esempio, la sfiducia costruttiva”, ha poi aggiunto Romani. “Per quel che riguarda il tema delle riforme – ha poi spiegato Gaetano Quagliariello, di ‘Idea’ – è evidente che questo è un tema del Parlamento, la cosa interessante è se il governo vuole facilitare uno sforzo del Parlamento in questo senso”.

“Abbiamo sottoposto al presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi, la necessità di un ampio coinvolgimento di tutte le correnti politico-culturali, le categorie e i grandi corpi intermedi al fine di poter considerare l’esecutivo nascente un governo di unità nazionale”. E’ quanto ha sottolineato la delegazione di ‘Idea- Cambiamo con Toti’ al termine del secondo giro di consultazioni con il premier incaricato, Mario Draghi alla Camera. Presenti all’incontro come rappresentati del movimento che fa capo al governatore ligure, il deputato Manuela Gagliardi e i senatori Quagliariello e Romani.

“Inoltre -si legge in un comunicato di ‘Idea-Cambiamo’ – abbiamo auspicato che l’azione della futura compagine governativa sia concentrata sulle priorità del Paese, definite dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e che abbiamo voluto ricordare” in ”tre direttrici fondamentali”. Innanzitutto ”la gestione del fenomeno pandemico e l’implementazione del piano vaccinale per raggiungere nel minore tempo possibile la copertura di tutte le fasce più a rischio della popolazione e successivamente raggiungere l’immunità di gregge”.

In secondo luogo, ”la definizione del piano di utilizzo delle risorse del Recovery Fund, della sua governance, che preveda il necessario coinvolgimento delle regioni, degli enti locali e di tutte le organizzazioni che rappresentano il mondo della produzione e del lavoro, e parallelamente l’attuazione di una decisa semplificazione burocratica e una legislazione puntuale in termini di capacità di spesa per rendere realmente operativo il progetto di rilancio del Paese”. Da ultimo, ”l’avvio di un percorso parlamentare di riforme costituzionali che riveda le regole e gli assetti per disegnare istituzioni più efficienti e scongiurare per il futuro le situazioni di stallo politico verificatesi nell’attuale legislatura”.

Tre direttive, sottolinea ‘Cambiamo’, ”funzionali al conseguimento degli obiettivi prioritari per il Paese: il rilancio economico del Paese attraverso il riavvio dei cantieri e delle attività e la creazione delle condizioni necessarie allo sviluppo, a partire da un concreto piano infrastrutturale comprensivo delle reti materiali ed immateriali: a riforma del lavoro reintroducendo forme di flessibilità e di facilitazione all’ingresso e al rientro soprattutto per le categorie spesso emarginate dal contesto produttivo, come giovani e donne; la revisione del sistema formativo, con l’obiettivo di superare il mismatch fra competenze richieste dal mondo del lavoro e quelle realmente fornite agli studenti, fra cui annoverare materie STEM, digital e soft skills, ponendo particolare attenzione ad incentivare la formazione femminile in questi campi attraverso il superamento degli stereotipi di genere”.

“E’ evidente che stiamo rispondendo con serietà e responsabilità all’appello rivolto dal Presidente Mattarella”, ha quindi affermato Maurizio Lupi, presidente di Noi con l’Italia, al termine dell’incontro.

+Europa, Radicali e Azione

L’appoggio a Mario Draghi di Azione e Più Europa “è pieno, incondizionato, permarrà, non si limita a questo momento di entusiasmo generalizzato, ma che abbiamo assicurato al presidente incaricato anche per i momenti difficili che senza dubbio arriveranno”. Lo hanno affermato Carlo Calenda ed Emma Bonino al termine dell’incontro con il presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi.
“Il presidente incaricato ha fatto riferimento a tre riforme di fondo che sono quelle che ci chiede la Commissione europea: il fisco, la burocrazia e la giustizia. Da questo punto di vista abbiamo aggiunto non solo la giustizia amministrativa, civile, ma anche quella penale con l’addentellato drammatico della situazione delle carceri italiane”, ha poi affermato Emma Bonino. “Senza bisogno di chiederlo, la prima posizione che ci ha detto il presidente incaricato è una scelta convinta per il processo europeo e di schieramento atlantico”, ha aggiunto la senatrice.

Maie – Psi

“Una forte cornice europeista e richiamo all’atlantismo e quando il professor Draghi parla di europeismo parla anche di sfida, tanto che è arrivato a mettere sul tavolo la questione di un bilancio comune europeo e quindi una visione che non riguarda soltanto il presente ma un’impostazione futura”. Lo ha affermato il senatore del Psi Riccardo Nencini, al termine dell’incontro con il presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi. Sulla riforma della prescrizione, ha aggiunto Nencini, “noi ci siamo e ottimamente, ci siamo se il tema viene rimesso sul tavolo”.

“E’ opportuno ricordare ai cittadini di non abbassare la guardia” in riferimento alla pandemia, “rispettando le prescrizioni emanate, perché una ripresa anche se lenta, come è stato ricordato dal professor Draghi, è da preferire a questa sorta di stop and go che stiamo vivendo in questo momento”, ha poi affermato Antonio Tasso, del Maie, al termine dell’incontro.

Minoranze linguistiche

“Il presidente Draghi ci ha illustrato brevemente e sinteticamente i pilastri di questo nuovo governo e di questo programma che sta costruendo e che ha costruito in questi giorni: come premessa, che per noi è essenziale, è che si autodefinisce come futuro presidente di un governo europeista, questa è la priorità assoluta”. Lo ha affermato Manfred Schullian, in rappresentanza delle Minoranze linguistiche della Camera, al termine del colloquio con il presidente del Consiglio incaricato. Nella delegazione presenti anche Renate Gebhard, Albrecht Plangger ed Emanuela Rossini.

“Il presidente ci ha illustrato le priorità che intende seguire con questo governo, che sono la sanità, la campagna vaccinale che va iniziata davvero e portata a termine; ha parlato tanto dell’ambiente; ha detto che, con tutti questi ristori, bisogna evitare di erogare contributi a fondo perduto ma finanziare imprese per consentire loro di poter riprendere la loro attività una volta che abbiamo superato questo stato emergenziale della pandemia”, ha affermato ancora. Draghi, ha spiegato quindi Schullian, “ha annunciato tre tematiche dove intende necessarie le riforme: pubblica amministrazione, il fisco e la giustizia civile”. “Non abbiamo parlato di nomi né di composizione” del futuro governo, ha aggiunto.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Meteo: torna l’inverno, pioggia e gelate in arrivo. Ecco dove


Stiamo vivendo un periodo caratterizzato da una spiccata instabilità sul nostro Paese. Aria polare sta invadendo molte nazioni europee generando...
Read More
Meteo: torna l’inverno, pioggia e gelate in arrivo. Ecco dove

Fukushima: Tokyo ha deciso, l’acqua contaminata finirà in mare


L'acqua radioattiva proveniente da Fukushima sarà riversata nell'Oceano. E' quanto ha deciso il governo, nonostante la netta opposizione dell'opinione pubblica,...
Read More
Fukushima: Tokyo ha deciso, l’acqua contaminata finirà in mare

Champions: Psg in semifinale, non basta al Bayern Monaco la vittoria 0-1


Il Bayern Monaco campione del mondo e d’Europa supera a Parigi 1-0 il Psg ma non basta per rimontare il...
Read More
Champions: Psg in semifinale, non basta al Bayern Monaco la vittoria 0-1

Palù: “AstraZeneca? Il richiamo è sicuro”


"Siamo in guerra contro un nemico terribile, non possiamo ragionare come se vivessimo nella normalità". In un'intervista al 'Corriere della...
Read More

No Tav, scontri in Val Susa per lavori nuovo aeroporto


È andato in scena nella notte lo sgombero del presidio No Tav nell'ex autoporto di San Didero, a Torino. Statale...
Read More
No Tav, scontri in Val Susa per lavori nuovo aeroporto

Di corsa per l’ambiente, 416 km lungo la linea Gotica


Un totale di 416 km, in sette tappe, da Montignoso a Rimini, tutti da correre attraverso l’Appennino, lungo la linea...
Read More

Italiani e la passione per il verde, 5 consigli per un orto sostenibile


Tra lockdown e coprifuoco gli italiani hanno riscoperto la passione verde. Lo conferma un’indagine dell’Osservatorio 'The world after lockdown' di...
Read More

Efficienza energetica e aria compressa, i vantaggi di una corretta manutenzione


L'efficienza energetica rappresenta un'importante leva di crescita a disposizione delle imprese consentendo di intervenire sui costi, recuperare competitività e guardare...
Read More
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends