Connect with us

Published

on

I tragici dettagli del delitto che ha scosso l’Italia: tra regali rifiutati, rabbia incontrollata e l’estremo tentativo di fuga

I regali rifiutati, la rabbia crescente, il coltello che affonda mentre lei grida “aiuto” e tenta di parare i colpi. È un racconto angosciante quello di Filippo Turetta, che ripercorre gli ultimi momenti di vita di Giulia Cecchettin, 22 anni, laureanda in Ingegneria biomedica, uccisa dall’ex fidanzato l’11 dicembre scorso. Durante l’interrogatorio nel carcere di Verona, davanti al pubblico ministero di Venezia Andrea Petroni, Turetta ha confessato di aver tentato il suicidio dopo l’omicidio.

La serata inizia con shopping e cena in un centro commerciale a Marghera. Al ritorno, la lite scoppia quando Giulia rifiuta i regali di Filippo, tra cui una scimmietta di peluche e una lampada. Giulia gli dice che è troppo dipendente e che sta frequentando un altro ragazzo. “Ho urlato che avevo bisogno di lei, che mi sarei suicidato. Lei ha risposto decisa che non sarebbe tornata con me,” racconta Filippo. La discussione degenera in aggressione quando Giulia scende dall’auto gridando: “Sei matto, vaffanculo, lasciami in pace.”

Filippo la insegue con un coltello, la colpisce sul braccio e, dopo che il coltello si rompe, la trascina in auto. Le urla sentite da un testimone non bastano a salvare Giulia. Filippo guida fino a un’area isolata nella zona industriale di Fossò, dove continua l’aggressione. “Volevo colpirla al collo, alle spalle, sulla testa, sulla faccia e poi sulle braccia,” ammette. L’autopsia rivelerà 75 coltellate e una morte per shock emorragico.

Dopo l’omicidio, Filippo si ferma in un punto isolato, tenta il suicidio con un sacchetto di plastica, ma fallisce. Nasconde il corpo di Giulia vicino al lago di Barcis, poi fugge in Germania. Dopo sette giorni e mille chilometri, viene arrestato vicino a Lipsia. Durante l’interrogatorio, Filippo confessa di aver cercato online notizie su di lui per trovare il coraggio di suicidarsi, ma cambia idea dopo aver letto che i suoi genitori speravano di trovarlo vivo.

La procura contesta a Turetta l’omicidio volontario aggravato da premeditazione, crudeltà e legame affettivo, oltre a sequestro di persona, occultamento di cadavere e porto d’armi. L’indagine rivela che il giovane spiava Giulia con un’applicazione sul suo cellulare e avrebbe pianificato il femminicidio fin dall’inizio di novembre. Turetta si difende sostenendo che il nastro adesivo era per il papiro della laurea di Giulia e che i coltelli erano per i suoi pensieri suicidi.

La tragica morte di Giulia Cecchettin resta un esempio devastante di violenza di genere, con dettagli che emergono dalle confessioni di Turetta e le indagini in corso.

LE ULTIME NOTIZIE

Biden deciso a rimanere in corsa anche se i democratici…
Il presidente Biden non intende rinunciare alla rielezione, ma cresce l'ansia tra i finanziatori democratici. Trump guadagna terreno dopo l'attentato...
Read More
Tassista aggredisce autista Ncc a bastonate all’aeroporto di Malpensa
Il conflitto nato da un sorpasso rischia conseguenze disciplinari per l'aggressore Un conducente Ncc è stato aggredito a bastonate da...
Read More
Violentata mentre tornava a casa in bicicletta: arrestato un 24enne pakistano
L'aggressione è avvenuta durante la notte di martedì scorso. La donna è stata soccorsa da due guardie giurate. L'aggressore è...
Read More
Arrestato a Spoleto un 42enne albanese per omicidio
Il tragico evento ha coinvolto due persone note alle forze dell'ordine. Il presunto responsabile è stato individuato e arrestato dai...
Read More
Doppietta McLaren al GP di Ungheria: Piastri trionfa, si riapre la corsa al titolo
Oscar Piastri conquista la sua prima vittoria in F1, Norris secondo. Hamilton terzo raggiunge il 200esimo podio, Leclerc quarto davanti...
Read More
Neonato colpito alla testa durante lite tra genitori: ricoverato a Genova
Il piccolo, di soli 3 mesi, è stato trasportato d'urgenza al Gaslini con un trauma cranico Un neonato di 3...
Read More
Berrettini domina a Gstaad: secondo titolo nel 2024 per il tennista italiano
L'azzurro trionfa nuovamente in Svizzera, confermandosi tra i protagonisti del circuito ATP Matteo Berrettini ha replicato il successo del 2018,...
Read More
Pregiudicato 25enne gambizzato a Napoli in via Carbonara
La polizia indaga sulla dinamica dell'incidente, che potrebbe essere legato a un tentativo di rapina o a un avvertimento di...
Read More

(con fonte AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza