Connect with us

Primo Piano

Di Maio lascia M5S e “crea” ‘Insieme per il futuro’: nome però già usato




“Lascio il Movimento 5 Stelle. Da oggi inizia un nuovo percorso”. Luigi Di Maio annuncia l’addio al Movimento 5 Stelle e certifica la scissione dalla formazione guidata da Giuseppe Conte. “Quella di oggi è una scelta sofferta, che mai avrei immaginato di dover fare. Oggi io e tanti altri colleghi lasciamo il Movimento 5 Stelle, lasciamo quella che da domani non sarà più la prima forza politica in Parlamento”, ha detto il ministro degli Esteri.

“Ringrazio il Movimento, che in questi anni mi ha dato tanto, ma anch’io credo di aver dato il massimo”, ha aggiunto il titolare della Farnesina mettendo in chiaro: “Nessuno ha intenzione di creare una forza politica personale. Ci mettiamo in cammino, partendo dagli amministratori locali. Dovrà essere un’onda con al centro le esigenze territoriali. Non ci sarà spazio per l’odio, il populismo, sovranisti ed estremismi”. “Da oggi inizia un nuovo percorso per fare progredire l’Italia da Nord a Sud abbiamo bisogno di aggregare i migliori talenti e le migliori capacità, perché uno non vale l’altro”, ha sottolineato.
Poco prima della conferenza stampa, Di Maio era salito al Quirinale per informare il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella dell’imminente addio al M5S. Una standing ovation dei parlamentari che, da domani lo seguiranno nella sua nuova avventura politica, ‘Insieme per il futuro’.

“Oggi è stata una giornata molto importante, al Senato è stata votata la risoluzione parlamentare che rafforza il governo e il presidente Draghi che andrà al Consiglio europeo con un ampio sostegno delle forze politiche”. L’indicazione di voto sull’Ucraina “è stata netta, dopo settimane di ambiguità e di attacchi”, ha detto ancora Di Maio in conferenza stampa.

“In questo anno e mezzo ho lavorato con Draghi in dossier delicati e per questo sono stato definito ‘draghiano’. E’ vero, faccio parte del suo governo e credo che l’operato del presidente del Consiglio sia motivo d orgoglio in tutto il mondo. Continueremo a sostenerlo con lealtà e massimo impegno”, ha affermato Di Maio dicendosi dispiaciuto “che ancora una volta sia stato alimentato un lungo e logorante scontro sul negoziato della risoluzione votata oggi”. “Alcuni dirigenti del M5S hanno rischiato di indebolire il nostro Paese”, ha sottolineato

“In questi mesi la prima forza politica in Parlamento aveva il dovere di evitare ambiguità, abbiamo fatto un’operazione verità raccontando le cose che non andavano partendo proprio dall’ambiguità in politica estera del M5S”, ha detto Di Maio, denunciando una vera e propria “escalation contro una singola persona, attacchi personali quotidiani che hanno minato la compattezza del governo”.

“Di fronte alle atrocità che sta commettendo Putin non potevamo mostrare incertezze, dovevamo necessariamente scegliere da che parte stare nella storia. Nei giorni scorsi si è acceso un dibattito proprio sul voto di questa mozione. Un dibattito nato dall’esigenza di fare chiarezza su alcune dichiarazioni di dirigenti M5S. Putin ancora in questi minuti sta continuando a bombardare. Non possiamo permetterci ambiguità”, ha detto ancora Di Maio per il quale “in questi mesi la prima forza politica in Parlamento aveva il dovere di sostenere il governo senza ambiguità. Abbiamo scelto di fare un’operazione verità, partendo proprio dall’ambiguità in politica estera del M5S. In questo momento storico sostenere i valori europeisti e atlantisti non può essere una colpa”. E ha quindi denunciato una vera e propria “escalation contro una singola persona, attacchi personali quotidiani che hanno minato la compattezza del governo”.

Lacrime, sorrisi, abbracci, strette di mano. Dopo le dichiarazioni alla stampa, Di Maio si è goduto il bagno di folla dei suoi parlamentari, che da domani seguiranno il ministro degli Esteri nella sua nuova avventura politica, ‘Insieme per il futuro’. “Era ora”, ha detto il titolare della Farnesina raccogliendo l’abbraccio dei suoi deputati e senatori, dopo aver sancito l’addio al Movimento 5 Stelle.

“Abbiamo bisogno che l’Europa sia più possibile unita. Condividiamo il principio di un’Europa più solidale”, un principio portato avanti da David Sassoli, “un grande esempio di correttezza, di senso delle istituzioni e pacatezza che deve essere un esempio per tutti noi”, ha detto ancora in conferenza stampa Di Maio. Parole che hanno generato un applauso convinto.

IL NOME E’ GIA’ STATO USATO

‘Insieme per il futuro’, nome dei nuovi gruppi di Luigi Di Maio, “non è sicuramente un nome nuovo”, dice all’Adnkronos Gabriele Maestri, giurista ed esperto di simboli, nonché curatore del sito ‘I simboli della discordia’.

“Scorrendo le liste pubblicate sul Ministero dell’Interno delle elezioni amministrative degli ultimi 4 anni, scovate dal collega Massimo Bosso per ‘I simboli della discordia’, quest’anno si trovano 4 liste con quel nome, più 2 con nomi molto simili (‘Insieme per un futuro’ e ‘Insieme verso il futuro’). Ce ne sono poi 8 nel 2021, 4 nel 2020 (più un ‘Insieme verso il futuro’) e addirittura 34 (più un altro ‘Insieme verso il futuro’) nel 2019, che è il turno più corposo di elezioni amministrative. Si va da comuni come Albenga a tanti piccoli comuni. Quest’anno, per esempio, troviamo liste ‘Insieme per il futuro’ a: Castiglione Messer Marino in provincia di Chieti, San Marco dei Cavoti (Benevento), Visciano (Napoli) e Torella del Sannio (Campobasso)”.

“Inoltre liste con questo nome, per l’esattezza ‘Insieme per… il futuro’, con i puntini sospensivi, dal 2016, almeno, sono state presentate ogni anno in comuni sotto i mille abitanti, dove non servono le firme, e hanno preso al massimo 8 voti. Quasi sempre ne hanno presi zero…”, prosegue l’esperto.

Per quanto riguarda la formazione del nuovo gruppo ‘dimaiano’ a Palazzo Madama, Maestri poi osserva: “Il regolamento del Senato prevede che per fare un nuovo gruppo occorra l’ausilio di un partito che abbia partecipato alle elezioni con il suo simbolo e abbia eletto un senatore. Questa regola, già sfilacciata dopo la nascita del gruppo Iv-Psi, dopo la formazione del gruppo Cal ha perso quasi tutto il suo mordente: oggi infatti basta che del gruppo faccia parte un parlamentare che in corso di legislatura abbia aderito a un partito che ha partecipato con il suo simbolo alle elezioni”.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

L'imprenditore alberghiero di origine italiana Raphael Tunesi è stato assassinato ieri in Messico, nel comune di Palenque, nel Chiapas, nei...
Read More
Il mese di luglio inizia con una serie di novità fiscali e prosegue poi con importanti scadenze da segnare sul...
Read More
Nella regione di Cernihiv le guardie di frontiera hanno trovato un cd con delle informazioni sull'unità artiglieristica controaerea che ha...
Read More
Le Contrade della Civetta e dell'Istrice non correranno al Palio di Siena in programma questa sera alle ore 19.30 in...
Read More
"Lysychansk è nostra! Le nostre unità sono già nel centro della città!". Lo scrive sul suo canale Telegram il leader...
Read More
Carlos Sainz conquista la pole position del Gp di Gran Bretagna, in programma domani a Silverstone. Il pilota spagnolo della...
Read More
Più dosi di vaccino contro Sars-CoV-2 proteggono dal Long Covid, indipendentemente dalla variante che determina l'infezione, anche asintomatica. Lo dimostrano...
Read More
Si chiude oggi con il grande evento all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola, insieme ad oltre 70.000 spettatori,...
Read More

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends