Connect with us

Scienza e Ricerca

Spazio, problema tecnico frena il lancio del super telescopio Webb

Published

on

Un problema tecnico “al 99% dovuto ad una connessione, ad una interfaccia, quindi un problema di facile risoluzione”, sta rallentando il lancio del nuovo super telescopio spaziale europeo James Webb, destinato a ‘sostituire’ il vecchio Hubble nella osservazione dell’Universo. Previsto inizialmente per il 22 dicembre, il lancio di Webb “è ora previsto dal 24 dicembre prossimo” ha chiarito il Responsabile dei Programmi di Volo dell’Esa, Stefano Bianchi, nel corso di una conferenza – cui hanno preso parte anche la Project Scientist del telescopio spaziale James Webb Esa, Antonella Nota, e il responsabile dello sviluppo delle operazioni scientifiche del telescopio spaziale James Webb Esa, Marco Sirianni. La conferenza stampa era stata organizzata dall’Agenzia Spaziale Europea in vista del lancio di Webb per fare il punto su questa straordinaria missione che promette di svelare nuovi misteri dell’Universo.

Bianchi ha riferito però che il lancio ha subito un rallentamento perché “purtroppo è stato scoperto ieri che nella trasmissione dei dati attraverso lanciatore, dati che vengono da alcuni strumenti del satellite, in particolare strumenti di comunicazione, ci sono delle cadute dei dati: dei dati vanno persi”. “Ovviamente – ha spiegato- bisogna capire da dove viene il problema che, al 99%, è legato ad una connessione, ad una interfaccia quindi” è un problema “di facile risoluzione”. Però “bisogna capire se non sia un problema legato invece agli strumenti del satellite perché – ha proseguito il responsabile dei Programmi di Volo dell’Esa – se ci fosse invece un problema sui sistemi di comunicazione, che trasmettono i dati e che ricevono i dati, sarebbe gravissimo e quindi bisogna risolvere il problema prima di partire”. “Prima i tecnici della Nasa devono risolvere il problema dei dati e poi verrà fissata la nuova data di lancio” ha chiarito Bianchi.

Ma gli esperti dell’Esa sono molto confidenti e soprattutto non hanno sottolineato al momento note di ‘allarme rosso’ ed il countdown è cominciato per una missione che si prevede parta dal 24 dicembre. “nei prossimi giorni sapremo la nuova data” ha chiarito Bianchi. Marco Sirianni ha inoltre assicurato: “Ho lavorato su Webb dal 20008, qualche giorno di ritardo lo accettiamo senza alcuna preoccupazione”. “La cosa importante – ha detto- è avere la certezza che al momento del lancio i problemi siano tutti risolti”. Anche per Antonella Nota non bisogna meravigliarsi dell’intoppo. “Questi progetti così ambiziosi – ha osservato la scienziata dell’Esa – richiedono tempo ed è normale per un progetto di questa complessità che, dal momento di in cui c’è l’idea al giorno del lancio, richiede dai 20 ai 25 ann”. “Anche per Hubble è stato così e, insomma, un giorno di ritardo è normale” ha scandito Nota.

Intanto emerge molto forte la percezione degli scienziati sul lavoro che il super telescopio spaziale James Webb potrà realizzare una volta lanciato nello spazio. “Webb farà delle scoperte che magari nemmeno ci aspettiamo” e l’Agenzia Spaziale Europea “ha investito un sacco di lavoro per anticipare al grande pubblico cosa vedrà e quali scoperte sono attese da Webb. Ci sono tante attività e il pubblico verrà preso per mano” ha detto Antonella Nota. E se il ‘vecchio’ telescopio spaziale Hubble – lanciato nel 1990 – ha aperto la strada, Nota ha sottolineato che anche il nuovo telescopio James Webb” continuerà ad arricchire la scienza di tutto il mondo “perché questi osservatori hanno contribuito alla democratizzazione della scienza” visto che “chiunque – nella comunità astronomica internazionale – può avanzare una proposta di osservazione” utilizzando questo straordinario strumento. Nota ha riferito inoltre che “il primo ciclo di osservazione è già tutto distribuito”, i progetti di ricerca e di osservazione che si potranno realizzare con Webb sono già tutti assegnati ma, “con la giusta motivazione, la richiesta di utilizzo di Webb è veramente aperta a tutti” ed i dati “saranno aperti e pubblicati subito”.

“Quello che si scoprirà con James Webb farà sognare intere generazioni di studiosi” ha scandito infine il responsabile dei Programmi di Volo dell’Esa, Stefano Bianchi.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Scarcerato 74enne che aveva sparato in un bar alla stazione Roma Tiburtina


Il fatto Il 74enne cittadino ceco che il 24 agosto scorso aveva seminato il panico in un bar situato nella...
Read More
Scarcerato 74enne che aveva sparato in un bar alla stazione Roma Tiburtina

Bonus benzina per alcune fasce deboli tramite Social Card… Gli altri nulla


Bonus benzina in arrivo nella social card, ma molti indigenti non avranno aiuti Una bozza del decreto Energia prevede l'introduzione...
Read More
Bonus benzina per alcune fasce deboli tramite Social Card… Gli altri nulla

Armi Usa a Ucraina, l’America si divide e Biden trema


Divisione tra gli Americani sulla Fornitura di Aiuti Militari all'Ucraina Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato un...
Read More
Armi Usa a Ucraina, l’America si divide e Biden trema

Fiorentina pareggia 2-2 contro il Genk nella Conference League


Un finale sfortunato per la viola nonostante i due gol di Ranieri La Fiorentina ha concluso la sua prima partita...
Read More
Fiorentina pareggia 2-2 contro il Genk nella Conference League

Musica, Francesco Guccini: il ritorno con “Canzoni da Osteria”


Il leggendario cantautore italiano presenta un nuovo album Francesco Guccini, il celebre cantautore italiano, torna con il suo nuovo progetto...
Read More
Musica, Francesco Guccini: il ritorno con “Canzoni da Osteria”

Esordio positivo della Roma in Europa League: 2-1 allo Sheriff Tiraspol


Mourinho non in panchina, ma la Roma trionfa con Lukaku decisivo Nella sua prima partita di Europa League della stagione,...
Read More
Esordio positivo della Roma in Europa League: 2-1 allo Sheriff Tiraspol

Sentenza UE su direttiva rimpatri: Francia deve rispettare le norme europee


La decisione della Corte: una sentenza chiave dell'Unione Europea La Corte di Giustizia Ue ha pronunciato una sentenza di grande...
Read More
Sentenza UE su direttiva rimpatri: Francia deve rispettare le norme europee

Nord Italia zona più inquinata d’Europa, allarme rosso per la Pianura padana


italiane. La Pianura padana non solo registra i dati più preoccupanti tra i 27 Stati europei ma anche il più...
Read More

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza