Connect with us

Published

on

Cresce il numero delle nomine di energy manager: +4% in totale. Nel dettaglio: agricoltura -20%, industria +2%, forniture +31%, trasporti +1,5%, terziario + 1,4%, Pa +5%. Questi i numeri relativi alle nomine da parte dei soggetti obbligati nel 2020 emersi dal rapporto ‘Gli energy manager in Italia’ realizzato da Fire-Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia.

Sono 1.702 quelli nominati da soggetti obbligati, cui si aggiungono 761 nomine da parte di soggetti volontari. La maggior parte delle nomine obbligate è condensata nel Centro-nord del Paese, dove è presente un’alta localizzazione delle attività industriali e commerciali, ma non sfigurano i dati del Sud (si segnalano in particolare la Sicilia per la Pa e la Puglia per le nomine volontarie). La crescita delle nomine continua e complessivamente fa segnare un +18% dal 2014 ad oggi.

Altro dato emerso dal report, non numerico, evidenzia che da un paio d’anni a questa parte, ossia da quando è in atto la transizione ecologica ed energetica, “l’energy manager non ha solo il compito di gestire i consumi e spingere il risparmio energetico; tale figura è chiamata ad affiancare la dirigenza nell’individuare e soddisfare le nuove necessità e richieste provenienti dal mercato e dall’Ue tra cui: agire in ottica sostenibile, prepararsi a partecipare alle comunità energetiche, potenziare la digitalizzazione ed i nuovi modelli di mobilità, pensare a rafforzare la struttura per cui lavora, ad esempio attraverso l’implementazione di un sistema di gestione dell’energia”.

Quanto all’andamento delle nomine degli energy manager da soggetti obbligati negli ultimi anni, “la Pa continua a manifestare tassi di inosservanza elevati“. E’ da segnalare però un incremento rispetto allo scorso anno, specialmente tra Comuni e città metropolitane, e la presenza di circa 70 piccoli Comuni che hanno provveduto alla nomina volontaria, grazie anche all’iniziativa della Regione Siciliana di vincolare il finanziamento dei Paesc comunali alla nomina dell’energy manager.

Per i soggetti obbligati quasi l’80% delle nomine riguarda persone interne all’organizzazione, “una scelta preferibile per le realtà medio-grandi, che rende l’azione dell’energy manager più efficace; i consulenti esterni rimangono la scelta più gettonata fra i soggetti di dimensioni e consumi minori”. Quanto alla certificazione come Ege secondo la norma Uni Cei 11339: “è utile che l’energy manager risulti certificato, soprattutto nel caso di un consulente esterno. Nei casi in cui l’energy manager sia di alto profilo, è utile che possa avvalersi di collaboratori certificati Ege (se non è un Ege egli stesso). Nel 2020, il numero di Ege nominati è cresciuto rispetto al 2019, che aveva visto una leggera flessione. In particolar modo è cresciuto il numero di consulenti esterni”. Il report evidenzia inoltre che “i soggetti che hanno nominato un energy manager, siano essi obbligati o no, e che al contempo sono in possesso della certificazione Iso 50001 risultano essere 298, circa il 10% in più rispetto allo scorso anno”.

Sono in crescita anche le donne, per quanto continuino a rappresentare una quota minoritaria (siamo arrivati al 9%). C’è da colmare un gap, spiega la Federazione, di lunga data, essenzialmente legato alla scarsa presenza femminile in passato nei corsi di laurea da cui tipicamente provengono molti energy manager, come ingegneria meccanica ed energetica. Un altro elemento da migliorare, secondo l’analisi di Fire, “è l’inquadramento aziendale degli energy manager: solo in un terzo dei casi si tratta di dirigenti. Un aspetto che stride con le dichiarazioni di sostenibilità e decarbonizzazione di tante imprese ed enti, visto che il minimo che ci si aspetterebbe in questi casi è di avere un dirigente di alto livello con in capo obiettivi e primalità legate all’uso razionale dell’energia”.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Compilazione modello 730: processo meno “lunare” ma non privo di complessità


L'Ufficio studi della Cgia mette in evidenza le sfide nella compilazione del modello 730 nonostante il processo semplificato, sottolineando l'incremento...
Read More
Compilazione modello 730: processo meno “lunare” ma non privo di complessità

Agricoltura, nasce sistema Agreed: droni e satelliti per prevenire malattie ortofrutta


Una piattaforma tecnologica che raccoglie i dati inviati da droni, satelliti, radar e sensori di campo per prevenire le malattie...
Read More
Agricoltura, nasce sistema Agreed: droni e satelliti per prevenire malattie ortofrutta

Tesla Cybertruck: richiamo per 3.878 unità causa difetto assemblaggio pedale acceleratore


Potenziale rischio di incollaggio e accelerazione involontaria. Dettagli tecnici del difetto e precisazioni sul richiamo La National Highway Traffic Safety...
Read More
Tesla Cybertruck: richiamo per 3.878 unità causa difetto assemblaggio pedale acceleratore

Escalation di Tensione: Taiwan intercetta 29 velivoli e navi militari cinesi


Il Ministero della Difesa di Taiwan segnala un aumento delle attività militari cinesi nelle acque territoriali, intensificando le tensioni nella...
Read More
Escalation di Tensione: Taiwan intercetta 29 velivoli e navi militari cinesi

Raid aereo in Iraq: 1 morto e 8 feriti in attacco contro base milizie filoiraniane


Fonti di sicurezza di Baghdad confermano un attacco aereo su base Calso, mentre le accuse vengono respinte dagli Stati Uniti...
Read More
Raid aereo in Iraq: 1 morto e 8 feriti in attacco contro base milizie filoiraniane

Usa e gli aiuti militari all’Ucraina: oggi il voto


Washington si appresta a votare sui pacchetti di aiuti militari all'Ucraina, mentre il Pentagono si prepara all'invio urgente di armi...
Read More
Usa e gli aiuti militari all’Ucraina: oggi il voto

Fbi: hacker cinesi pronti per attacco alle infrastrutture critiche USA


Il direttore Christopher Wray allerta sul rischio di un imminente attacco informatico proveniente dalla Cina Il direttore dell'FBI, Christopher Wray,...
Read More
Fbi: hacker cinesi pronti per attacco alle infrastrutture critiche USA

Verstappen vince la gara sprint del Gp della Cina di F1


Max Verstappen trionfa sul circuito di Shanghai, seguito da Hamilton e Perez. Le Ferrari si piazzano quarta e quinta Max...
Read More
Verstappen vince la gara sprint del Gp della Cina di F1

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza