LiberoReporter

Pace fiscale 2021, ecco le scadenze dal 1 marzo




Ancora una decina di giorni ed il Fisco comincerà a bussare alle porte dei contribuenti che hanno aderito alla rottamazione ter, alla definizione agevolata dei processi verbali di contestazione o alla chiusura delle liti pendenti del 2019. Lo scrive laleggepertutti.it, ricordando che da lunedì 1° marzo (visto che la scadenza naturale del 28 febbraio coincide con una domenica), infatti, circa 2 milioni di contribuenti dovranno passare alla cassa per pagare la rata o le rate concordate grazie alla pace fiscale. Per la rottamazione ter ci sarà tempo fino all’8 marzo, visto che c’è un margine di 5 giorni e bisogna tenere conto del sabato e della domenica, 6 e 7 marzo.

Il primo giorno del mese, inoltre, è il termine fissato per il versamento delle rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio in scadenza nel 2020, partendo dal presupposto che quelle del 2019 siano state regolarizzate. Si parla, dunque, delle quattro rate della rottamazione che scadono:

il 28 febbraio;

il 31 maggio;

il 31 luglio;

il 30 novembre.

A queste si aggiungono la seconda e la terza rata del saldo stralcio in scadenza:

il 31 marzo 2020;

il 31 luglio 2020.

Attenzione, però, perché qui non è previsto il margine dei 5 giorni.

Per il saldo e stralcio, le soluzioni alternative al pagamento unico erano così divise e sono state così riviste:

il 35% entro il 30 novembre 2019;

il 20% entro il 31 marzo 2020 (diventato il 1° marzo 2021);

il 15% entro il 31 luglio 2020 (diventato 1° marzo 2021);

il 15% entro il 31 marzo 2021;

il 15% entro il 31 luglio 2021.

Il pagamento a rate prevede un 2% annui di interessi, non calcolati per il periodo di proroga.

Si pone, comunque, il problema di un «affollamento» di versamenti, nonostante la proroga dal 10 dicembre scorso al 1° marzo di quest’anno: troppe rate insieme che rischiano di mettere in difficoltà i contribuenti. C’è, inoltre, una norma che prevede la decadenza dalla rottamazione o dal saldo e stralcio nel caso in cui il debito non venga tempestivamente pagato. Una situazione spinosa, considerando le difficoltà economiche che l’emergenza Covid sta creando ai singoli contribuenti e alle aziende. Ad oggi, è prevista una sanzione del 30% sulle rate non versate, a cui si aggiungono gli interessi legali, a fronte di un omesso o tardivo pagamento delle rate successive alla prima per chiudere le liti pendenti. Esiste, dunque, un doppio rischio che non interessa a nessuna delle parti: al contribuente che potrebbe rimanere definitivamente in ginocchio per i debiti e al Fisco che rischia di non incassare quanto gli è dovuto.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Covid Italia, 167.026 contagi e 426 morti: i dati per regione 26 gennaio


Sono 167.026 i contagi da coronavirus in Italia oggi, 26 gennaio 2022, secondo i numeri covid - regione per regione...
Read More
Covid Italia, 167.026 contagi e 426 morti: i dati per regione 26 gennaio

Salvini riunisce i suoi e ai cronisti dice: “Nomi di alto profilo, ne faremo altri”


"Lavoro con fiducia, serietà e ottimismo. La soluzione può essere vicina". Il leader della Lega, Matteo Salvini, si esprime così...
Read More
Salvini riunisce i suoi e ai cronisti dice: “Nomi di alto profilo, ne faremo altri”

Licata: movente l’eredità per la strage di oggi, Sindaco: “Lutto cittadino”


Aveva pianificato tutto, fin nei minimi particolari, Angelo Tardino, imprenditore agricolo di Licata di 48 anni. Alle sei di questa...
Read More
Licata: movente l’eredità per la strage di oggi, Sindaco: “Lutto cittadino”

Re-think Circular Economy Forum torna a Milano


Con l’obiettivo di favorire la nascita e la diffusione di attività innovative e imprenditoriali e accelerare la transizione verso un’economia...
Read More

a che punto siamo rispetto all’Agenda 2030


Sviluppo sostenibile: a che punto siamo rispetto all'Agenda 2030Complessivamente sono 17 gli obiettivi stabiliti dall'ONU con l'Agenda 2030 per lo...
Read More

Quirinale, 3° giorno – Ancora una fumata nera. Domani ore 11 quarto voto


Senza ancora una intesa tra i partiti, oggi alle ore 11, sempre alla Camera dei Deputati, partirà il terzo giorno...
Read More
Quirinale, 3° giorno – Ancora una fumata nera. Domani ore 11 quarto voto

Bassetti: “Basta stato emergenza, tornare a normalità”


"Se la situazione" epidemiologica "continuerà ad essere questa, abbiamo avuto un inverno senza i contorni di una vera emergenza, almeno...
Read More
Bassetti: “Basta stato emergenza, tornare a normalità”

Corte Appello Genova assolve Briatore, “Finisce calvario dopo 12 anni”


"Nel maggio 2010 la guardia di Finanza mi ha sequestrato la barca e sui media di tutto il mondo usciva...
Read More
Corte Appello Genova assolve Briatore, “Finisce calvario dopo 12 anni”
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends