LiberoReporter

Beirut: VIDEO devastata mezza città, sale numero morti a 160

Aggiornamento 6 agosto – Sala a 160 il numero dei morti delle esplosioni avvenute a Beirut due giorni fa, mentre i feriti sono 5mila, quando ancora si scava tra le macerie per cercare di recuperare eventuali superstiti che ancora risultano dispersi.

Beirut: il deposito di Hezbollah è saltato in aria insieme a 2.750 tonnellate di sostanze chimiche altamente esplosive uccidendo almeno 100 persone, ferendone 4.000.

Le massicce esplosioni che hanno scosso la città di Beirut sono state alimentate da un carico di 2.750 tonnellate di nitrato d’ammonio immagazzinato nei magazzini portuali dal 2013, ha annunciato il primo ministro libanese.

L’enorme esplosione ha ucciso almeno 100 persone, ha lasciato altri 4.000 feriti e ha devastato la città.

“Non mi darò pace fino a quando non troveremo il responsabile di quanto è accaduto, per ritenerlo responsabile e imporre le sanzioni più severe”, ha detto martedì sera ai giornalisti il primo ministro Hassan Diab.

Uno “strano odore” al porto ha portato i funzionari a dare istruzioni ai civili di evacuare la zona per paura di eventuali tossine dannose.

Non è stato subito chiaro il motivo per cui il nitrato di ammonio è stato immagazzinato in quel luogo e perchè si trovasse lì.

Un drammatico filmato mostra il fumo che esce dall’area portuale poco prima che un’enorme palla di fuoco esploda nel cielo e ricopra la città di una fitta nube nera.

Il canale di Al Mayadeen, collegato ad Hezbollah, ha negato che l’esplosione sia stata causata da un attacco aereo israeliano, mentre al-Arabiyah ha riferito che l’esplosione è avvenuta in un deposito di missili Hezbollah.

In un tweet, l’ex primo ministro Saad Hariri ha definito l’esplosione un “incidente che ha colpito il porto di Beirut”. Secondo i media libanesi, vive nelle vicinanze ma non è rimasto ferito nell’esplosione.

Il maggiore dell’esercito libanese, il generale Abbas Ibrahim, ha detto ai giornalisti che molto probabilmente gli esplosivi immagazzinati sono stati la causa dell’esplosione.

L’ambasciata americana a Beirut ha rilasciato una dichiarazione in cui si consiglia alle persone di indossare maschere e di rimanere in casa, in seguito a “segnalazioni di gas tossici rilasciati nell’esplosione”.

Il ministro della Salute del Libano ha detto che chi può, dovrebbe lasciare Beirut, dato che i resti dell’esplosione possono avere effetti letali a lungo termine. Le finestre di molte case sono state frantumate dall’esplosione rendendo difficile evitare di respirare l’aria all’esterno.

Diversi ospedali di Beirut sono stati danneggiati dall’esplosione e sono stati presi d’assalto da oltre 4.000 pazienti feriti.

I governi di tutto il mondo hanno offerto il loro sostegno, tra cui Regno Unito, Francia, Australia, Stati Uniti, Canada e Israele. I funzionari israeliani hanno detto che Israele non è collegato all’esplosione di Beirut. Sotto la direzione del ministro della Difesa Gantz e del ministro degli Esteri Ashkenazi, attraverso canali diplomatici e funzionari, Israele ha offerto al governo libanese assistenza umanitaria, comprese le attrezzature e per curare alcuni dei feriti in Israele. Gli ospedali Ziv e Rambam nel nord di Israele hanno dichiarato di essere pronti ad assistere il Libano. L’IDF ha notificato al Centro Medico Ziv che il personale delle Nazioni Unite eventualmente ferito dall’esplosione arriverà durante la notte per le cure.

Nel 2018, il premier Netanyahu ha esposto tre siti a Beirut che erano utilizzati dal gruppo terroristico Hezbollah sostenuto dall’Iran per nascondere gli impianti sotterranei di produzione di missili di precisione, tra cui l’aeroporto internazionale di Beirut e il porto della capitale libanese.

 

(fonte: btnews.online)

loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends