Connect with us

Published

on

L’Autorità Garante della Concorrenza segnala gravi lacune nella trasparenza delle offerte al pubblico e nei prezzi degli apparecchi acustici, evidenziando la necessità di interventi normativi

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso un’indagine conoscitiva avviata a settembre 2023 sulle forniture di apparecchi acustici nel Servizio Sanitario Nazionale italiano. L’indagine ha rivelato gravi lacune in termini di trasparenza nelle offerte al pubblico e nei prezzi dei dispositivi, evidenziando la necessità di interventi normativi per garantire una chiara indicazione al pubblico dei costi dei dispositivi e dei relativi servizi.

Secondo i dati emersi dall’indagine, in Italia ci sono almeno 7 milioni di persone con problemi di udito, di cui circa 2,5 milioni utilizzano già apparecchi acustici. Rispetto ad altri Paesi comparabili, come la Francia, il prezzo medio di un singolo apparecchio acustico in Italia (tra 1.500 e 2.100 euro) risulta essere più elevato, con minori sostegni pubblici all’acquisto.

Una delle principali criticità individuate riguarda la scarsa trasparenza delle condizioni commerciali praticate al pubblico. I consumatori hanno difficoltà a ottenere informazioni chiare sia di tipo tecnico sia sui prezzi, poiché i dispositivi e i servizi sono di solito venduti abbinati e senza distinzione. Inoltre, i servizi associati rappresentano la maggior parte della spesa complessiva, un aspetto spesso non chiaro per i consumatori.

L’indagine ha anche evidenziato gravi difficoltà nelle procedure di acquisto pubblico degli apparecchi acustici forniti dal Servizio Sanitario Nazionale, dovute a una normativa poco chiara che ha impedito l’attuazione efficace dei livelli essenziali di assistenza.

Di fronte alla possibilità di reintrodurre un regime ‘a tariffa’ per le forniture pubbliche, l’Autorità ha raccomandato l’organizzazione di gare d’appalto per garantire l’efficienza della spesa pubblica e rafforzare i meccanismi concorrenziali nel settore.

Inoltre, l’Antitrust ha sottolineato l’importanza di assegnare l’importo del rimborso direttamente all’assistito attraverso l’introduzione di un voucher o buono-udito. Questa misura mira a sostenere una maggiore concorrenza tra i fornitori di prodotti e servizi, consentendo così un accesso più appropriato e tecnologicamente aggiornato alle soluzioni per l’udito.

Il Codacons ha commentato che sul fronte degli apparecchi acustici esiste in Italia un vero e proprio “business dell’udito”, con società che vendono dispositivi e servizi a prezzi elevati e condizioni poco trasparenti, potenzialmente danneggiando gli utenti con problemi uditivi.

LE ULTIME NOTIZIE

Putin minaccia la NATO e l’Europa: avvertimenti sul conflitto in Ucraina
Il presidente russo Vladimir Putin mette in guardia l'Occidente riguardo alle implicazioni di un coinvolgimento più profondo in Ucraina Vladimir...
Read More
Tre condanne per violenza sessuale di gruppo su Campionessa Olimpionica
Il gup di Roma infligge pene di 5 anni e 4 mesi a tre calciatori sardi per l'aggressione avvenuta nel...
Read More
Borrell (Ue): “Ucraina Ha Diritto di Difendersi Colpendo la Russia”
L'Alto Rappresentante dell'Ue sostiene l'uso di armi europee sul territorio russo, suscitando reazioni contrastanti in Italia L'Ucraina ha il "diritto...
Read More
Pronto soccorso 2023: attesa media “mostruosa”, tempo permanenza 31 ore
I dati dell'Osservatorio Simeu rivelano un aumento del 25% dei tempi di attesa in pronto soccorso rispetto al 2019 e...
Read More
Gallo di Petriano (PU): operaio muore schiacciato da un macchinario
In un'azienda di componenti per mobili, un giovane di 33 anni perde la vita in un tragico incidente. indagini in...
Read More
Meloni inaugura centro sportivo Delphinia a Caivano
Il premier visita il luogo simbolo delle violenze sui minori, accompagnata da don Patriciello e dal vescovo Spinillo Parole chiave:...
Read More
Torino, fermato 29enne marocchino per terrorismo: è membro dell’ISIS
Elmandi Halili, già noto per la propaganda jihadista in italiano, è stato fermato dalla polizia dopo un'indagine della Digos torinese...
Read More
Nuove Regole per gli Autovelox: Decreto del MIT Diventa Legge
Stop agli Autovelox Selvaggi: misure più severe per prevenire abusi e garantire la sicurezza stradale. Il decreto non sana la...
Read More

(con fonte AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza