Connect with us

Published

on

Il premier israeliano da inizio guerra ha sempre bloccato gli incontri tra intelligence e politici americani. Il ministro delle Finanze chiede un’azione militare contro Hezbollah

Da quando è iniziata la guerra a Gaza, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha più volte impedito ai capi dell’intelligence e della sicurezza israeliana di incontrare funzionari e membri del Congresso degli Stati Uniti. Questa notizia, rivelata da Axios e basata su fonti americane e israeliane, evidenzia il desiderio di Netanyahu di controllare le informazioni che gli americani, sia politici che diplomatici, ricevono da Israele. Questo controllo avviene in un momento critico in cui il governo israeliano è profondamente diviso sulla strategia da adottare e le tensioni con Washington sono in aumento.

In particolare, tre settimane fa, Netanyahu ha vietato ai capi del Mossad e dello Shin Bet di incontrare Marco Rubio, vice presidente della commissione Intelligence del Senato degli Stati Uniti. Rubio aveva richiesto un incontro con i leader dell’intelligence israeliana durante la sua visita in Israele, durante la quale ha incontrato lo stesso Netanyahu.

Sul fronte interno, il ministro delle Finanze del governo israeliano, esponente dell’estrema destra, ha lanciato un ultimatum a Hezbollah, chiedendo di cessare completamente gli attacchi e di ritirarsi oltre il fiume Leonte. Bezalel Smotrich ha dichiarato che se Hezbollah non rispetterà l’ultimatum, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) dovrebbero lanciare un attacco in territorio libanese per proteggere le comunità settentrionali di Israele.

“Bisogna dare a Hezbollah un ultimatum pubblico affinché cessino completamente gli attacchi e ritirino tutte le forze al di là del fiume Leonte”, ha detto Smotrich, aggiungendo che un attacco dovrebbe includere “l’invasione di terra e la presa di controllo dell’area meridionale del Libano”. Parlando a un evento del suo partito, Sionismo Religioso, nel nord di Israele, Smotrich ha ribadito che l’obiettivo finale è far tornare a casa gli abitanti delle località settentrionali evacuate per il rischio di attacchi da parte di Hezbollah.

“Il modo di riportare a casa gli sfollati del nord è una decisione militare per un attacco devastante contro Hezbollah, le sue infrastrutture e la distruzione del suo potere”, ha concluso Smotrich.

LE ULTIME NOTIZIE

Compleanno al concerto di Taylor Swift per il Principe William
Il Principe festeggia i suoi 42 anni con i figli al concerto di Taylor Swift a Wembley. Il Principe William...
Read More
Incide suo nome su una Domus di Pompei: turista denunciato
Un turista kazako ha danneggiato la Casa dei Ceii a Pompei, dovrà rispondere per il danno arrecato Un turista kazako...
Read More
Ancona: arrestato 54enne, violenza sessuale aggravata e pornografia minorile
Abusi durati anni sulla nipote della convivente, condannato definitivamente e incarcerato Per anni ha perpetrato abusi sessuali sulla nipote della...
Read More
F1: Lando Norris in Pole Position nel GP di Spagna
Il pilota britannico della McLaren conquista la pole a Barcellona dopo 1001 giorni. Ferrari in terza fila Lando Norris conquista...
Read More
Tennis: Sinner a Halle e Musetti al Queen’s, i due italiani in Finale
Super sabato per il tennis italiano: Sinner a Halle e Musetti al Queen's puntano alla vittoria Il tennis italiano celebra...
Read More
Arkansas: 3 morti e 10 feriti in una sparatoria in un negozio di alimentari
Uomo apre il fuoco in un negozio del sud di Little Rock, due agenti tra i feriti Nella comunità di...
Read More
Raid aereo israeliano a Gaza: 22 morti tra i rifugiati presso la Croce Rossa
Tragico attacco nei pressi dell'ufficio del Cicr, mentre gli Stati Uniti rassicurano Israele sul supporto contro Hezbollah Un raid aereo...
Read More
Nuova strategia USA: priorità all’Ucraina per i sistemi Patriot
Gli Stati Uniti accelerano la consegna di missili intercettori a Kiev, penalizzando temporaneamente altri alleati L'Amministrazione Biden ha deciso di...
Read More

(con fonte AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza