0

Primo Piano

Von der Leyen: nuove sanzioni Russia, si può colpire ancora Mosca




Arriveranno, presto, nuove sanzioni alla Russia. Il messaggio politico, chiaro, è stato lanciato sia dalla presidente della Commissione Ue, Ursula Von der Leyen, “siamo pronti a imporre ulteriori costi economici alla Russia”, sia dall’Alto Rappresentante dell’Ue Josep Borrell, “studieremo e adotteremo nuove misure restrittive, sia personali che settoriali”. Una reazione considerata necessaria dopo l’escalation voluta da Vladimir Putin con la mobilitazione e l’annuncio dei referendum per l’annessione delle aree occupate in Ucraina.

La domanda, a questo punto è dove e come è possibile colpire ancora l’economia di Mosca? Per ora, non c’è un’indicazione ufficiale, se non una generica ma significativa: sono le aree tecnologiche, non ancora toccate dalla sanzioni già in atto se non per la produzione più avanzata, le maggiori indiziate. Sono le aree che, insieme alle forniture alimentari e ai fertilizzanti, sono rimaste finora indenni e che hanno anche una ricaduta sensibile sul piano della produzione bellica. E’ vero che l’esercito russo non è particolarmente avanzato da un punto di vista tecnologico ma sanzioni mirate nel settore possono ulteriormente indebolirlo. L’ultimo pacchetto di sanzioni introdotte dagli Stati Uniti va del resto nella stessa direzione, colpendo oligarchi, elite legate al Cremlino ed entità russe che operano nei settori della difesa, dell’alta tecnologia e dell’elettronica. Non solo. Anche il canale aperto con la Cina ha progressivamente ridotto i flussi verso la Russia. Molte aziende cinesi, preoccupate della reputazione dei loro marchi, hanno deciso autonomamente di non vendere più in Russia.

Un’analisi del Financial Times ha evidenziato come le sanzioni già esistenti abbiano compromesso buona parte delle forniture alla Russia di semiconduttori, apparecchiature elettroniche e dell’hardware necessario alle infrastrutture informatiche e di rete. Colpire anche direttamente i gruppi che operano nel settore vorrebbe dire avvicinarsi a compromettere quasi completamente la capacità russa nel settore.

Finora si è agito soprattutto sul piano commerciale e sul piano finanziario, con l’obiettivo di isolare il più possibile il tessuto produttivo e di mettere sotto pressione gli scambi, la circolazione del denaro e le transazioni indispensabili a finanziare lo Stato e gli oligarchi. Proprio per favorire l’erosione delle grandi ricchezze accumulate, e colpire gli interessi particolari, sono state attivate le sanzioni personali accanto a quelle più generali. Borrell ha spiegato a che punto siamo nel percorso verso un nuovo pacchetto di sanzioni. “Oggi non abbiamo deciso quali sono le persone e quali i settori, dovete capire il nostro metodo di lavoro. È chiaro che, a poche ore dal discorso di Vladimir Putin, il punto era mandare un messaggio politico forte”.

Un messaggio politico forte deve avere però anche una traduzione efficace sul piano operativo. Il dibattito intorno all’efficacia delle sanzioni è stato finora influenzato da diversi fattori. Su tutti, la carenza di dati certi, perché quelli ufficiali russi sono evidentemente influenzati dalla propaganda. Ma la somma dei dati ufficiali, degli studi pubblicati da fonti autorevoli, e il progressivo inasprimento delle reazioni russe indicano con sufficiente chiarezza come le sanzioni stiano funzionando e le difficoltà dell’economia russa stiano crescendo. Un nuovo passo, nelle prossime settimane, potrebbe alzare ancora di più la pressione. (di Fabio Insenga)

LE ULTIME NOTIZIE

Maltempo sull’Italia, 11 Regioni oggi in allerta gialla

Ancora maltempo sull'Italia: oggi, sabato 1 ottobre 2022, è allerta gialla in 11 regioni. Il sistema perturbato già attivo sulla...
Read More
Maltempo sull’Italia, 11 Regioni oggi in allerta gialla

Cnn: Usa verso Comando in Germania per armi e addestramento Kiev

Passati più di sette mesi dall'invasione russa dell'Ucraina, il Pentagono lavora alla formazione di un nuovo comando, con sede in...
Read More
Cnn: Usa verso Comando in Germania per armi e addestramento Kiev

Sondaggio rivela, è l’ibrida l’auto più desiderata dagli italiani

E' l’alimentazione ibrida sia in abbinamento a un motore a benzina che diesel quella preferita dagli automobilisti italiani, che non...
Read More

Istat: inflazione, carrello spesa +11,1% mai così alta dal 1983

A Settembre accelerano i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona (da +9,6% a +11,1%)...
Read More
Istat: inflazione, carrello spesa +11,1% mai così alta dal 1983

Omicidio Willy, motivazioni sentenza: “Da fratelli Bianchi cieca furia”

"L'irruzione dei fratelli Bianchi sulla scena di una disputa sino ad allora solo verbale, e comunque in fase di spontanea...
Read More
Omicidio Willy, motivazioni sentenza: “Da fratelli Bianchi cieca furia”

Ucraina, incassata annessione Putin detta le condizioni per i negoziati

Vladimir Putin condiziona la pace in Ucraina e la fine della guerra all'accettazione, da parte di Kiev, dell'annessione di altre...
Read More
Ucraina, incassata annessione Putin detta le condizioni per i negoziati

Ucraina, risoluzione Onu contro annessioni: scontato il veto di Mosca

Come previsto, la Russia ha posto il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu che condanna l'annessione dei territori...
Read More
Ucraina, risoluzione Onu contro annessioni: scontato il veto di Mosca

Auto elettriche, verso quota 65 milioni entro 2030 in Europa

Dopo diversi anni di previsioni abbastanza ottimistiche sull'adozione dei veicoli elettrici o Ev (Electric vehicle), la eMobility ha finalmente raggiunto...
Read More

(AdnKronos)

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends