LiberoReporter

Iran accusa Israele di sabotaggio centrale nucleare e promette vendetta




Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha accusato Israele per l’atto di sabotaggio contro la centrale nucleare di Natanz, promettendo vendetta. Lo riporta la televisione di Stato iraniana. “I sionisti vogliono vendicarsi perché abbiamo compiuto progressi nella revoca delle sanzioni e hanno detto pubblicamente che non lo permetteranno. Ma ci prenderemo la nostra vendetta”, ha detto Zarif.

L’incidente nell’impianto nucleare di Natanz può essere considerato un “crimine contro l’umanità”, ha quindi affermato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Saeed Khatibzadeh, durante una conferenza stampa trasmessa da Press Tv, durante la quale non ha risparmiato accuse a Israele. “Quello che è accaduto a Natanz è stato uno sfrontato atto di terrorismo nucleare sul suolo iraniano – ha affermato rispondendo a una domanda – Non sono state segnalate vittime né contaminazioni. Ma avrebbe potuto essere situazione catastrofica”. Quanto accaduto “può essere considerato nella categoria dei crimini contro l’umanità che il regime israeliano commette ormai da molti anni. L’Iran – ha detto – si riserverà tutti i diritti di rispondere in base all’articolo 51 della Carta delle Nazioni unite. Abbiamo avviato contatti con le autorità internazionali e le Nazioni Unite”.

Nyt: “Per fonti intelligence ruolo Israele in sabotaggio”

Israele ha avuto un ruolo nel sabotaggio della centrale nucleare di Natanz, in Iran, sostengono due fonti dell’intelligence americana citate dal New York Times, mentre sui media israeliani si afferma che l’esplosione ha causato “gravi danni al cuore del programma di arricchimento dell’Iran”.

Il New York Times stima che il programma di arricchimento dell’uranio di Teheran è stato rallentato di nove mesi. L’emittente israeliana Kan ha citato un funzionario a condizione di anonimato secondo Natanz ha subito un danno “esteso” e che sono state danneggiare varie centrifughe installate nel centro sotterraneo.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

1 italiano su 2 pronto a cambiare abitudini


La pandemia lascia il segno: nei prossimi 10 anni, 1 italiano su 2 (53%) si dice pronto a rivedere sostanzialmente...
Read More

“Il Covid non ha messo in crisi la voglia di condivisione”


“Il Covid non ha messo in crisi la voglia di condivisione. Gli italiani, resilienti, sono pronti a cambiare abitudini. Cambiare...
Read More

Mario Draghi non prende alcun compenso come premier


Nessun compenso per la carica di Mario Draghi a presidente del Consiglio. E' quanto emerge dai dati pubblicati sul sito...
Read More
Mario Draghi non prende alcun compenso come premier

Milan 7-0 al Toro a Torino, Juve batte Sassuolo ma resta quinta


La Juventus vince in casa del Sassuolo ma resta fuori dalla zona Champions, il Milan travolge per 7-0 il Torino...
Read More
Milan 7-0 al Toro a Torino, Juve batte Sassuolo ma resta quinta

Città green, 9 italiani su 10 chiedono carburanti 100% ecologici


Gli italiani sono sempre più sensibili alle tematiche ambientali e sognano città green: la quasi totalità infatti si aspetta l’adozione...
Read More

Bici e monopattini, ne possiede 1 italiano su 2


Se è vero che attualmente la quasi totalità dell'italiani dichiara di avere almeno un’automobile in famiglia, 1 su 2 conferma...
Read More

Boom per carsharing, 6 italiani su 10 pronti ad usarlo regolarmente


La mobilità condivisa non spaventa più: 6 italiani su 10 sono pronti ad utilizzare il carsharing regolarmente. Lo rileva una...
Read More

“Nel post Covid si apre l’era della prossimità”


“Con l’uscita dal Covid e dalla stagione del distanziamento si aprirà l’era della prossimità, del vivere urbano denso di relazioni...
Read More
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends