LiberoReporter

Forte preoccupazione Ue per varianti Covid, no a viaggi non essenziali




Siamo sempre più preoccupati per le diverse varianti del coronavirus. Dobbiamo avere una migliore conoscenza della reale diffusione di queste varianti nell’Ue: per questo servono più test e più sequenziamento”. A sottolinearlo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Bruxelles al termine della videoconferenza dei capi di Stato e di governo dell’Ue. “Oggi quasi tutti gli Stati membri sequenziano meno dell’1% dei test positivi, solo due Stati membri sono al 10%. E’ troppo poco: dobbiamo aumentare il sequenziamento fino almeno al 5% dei test positivi. La Commissione sosterrà questi sforzi tramite l’Ecdc e finanziamenti mirati”, sottolinea aggiungendo: “La situazione sanitaria in Europa resta molto seria. Ci sono motivi di speranza, grazie al vaccino, ma ci sono anche forti ragioni di preoccupazione, per le nuove varianti” del coronavirus Sars-CoV-2. “Dobbiamo quindi rimanere concentrati e determinati: dobbiamo assicurare le consegne dei vaccini da parte delle compagnie e l’uso efficiente e rapido dei vaccini disponibili. Lavoriamo con l’Ema e con le compagnie: siamo determinati ad assicurare più prevedibilità al processo di consegna delle dosi e guardiamo ai nuovi vaccini che arriveranno presto”.


Leggi anche

“Per identificare queste aree ad alto rischio dobbiamo affinare la nostra mappatura, introducendo le zone rosso scuro, in cui il virus è a un livello molto elevato“, ha detto ancora Von der Leyen. “Una persona che proviene da queste zone potrà dover far un test prima della partenza, mettendosi in quarantena dopo l’arrivo. Tutti i viaggi non essenziali dovranno essere fortemente scoraggiati, sia all’interno dei Paesi che attraverso i confini nell’Ue. E’ assolutamente importante che il mercato interno continui a funzionare: i lavoratori essenziali e le merci devono continuare ad attraversare i confini senza ostacoli”, ha affermato ancora.

“La documentazione relativa alla vaccinazione è una necessità medica. C’è uno standard globale per questo: è il certificato giallo di vaccinazione dell’Oms”, sottolinea poi la presidente della Commissione europea. Un’altra questione, aggiunge, “è per cosa si può usare questo certificato. L’uso che può essere fatto di questo documento deve essere valutato molto attentamente. Ci sono alcune variabili ancora non chiare di cui tenere conto, per esempio la questione medica, se il vaccino inibisce la trasmissione del virus da parte della persona vaccinata: su questo non abbiamo risposta ancora (il vaccino inibisce lo sviluppo della malattia, la Covid-19, ma non si sa ancora se impedisca di contrarre il virus Sars-CoV-2 e di trasmetterlo, ndr)”.

“E quanto a lungo – prosegue von der Leyen – è efficace la vaccinazione? Neanche questo sappiamo ancora con certezza. C’è poi la questione politica: come assicurarsi che vengano rispettati i diritti delle persone che non hanno accesso al vaccino e quali alternative si offrono a coloro che hanno legittime ragioni per non vaccinarsi. E anche come proteggiamo i dati personali dei cittadini. Sono questioni aperte. Quindi più avanti, quando sarà il momento, dovremo avere una discussione approfondita tra Stati membri su altri possibili usi del certificato”, conclude.

I leader Ue sono “convinti” che “le frontiere interne ed esterne debbano restare aperte, ma siamo anche convinti che, per quanto riguarda i viaggi non essenziali, delle restrizioni devono poter essere previste”, ha detto dal canto suo il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. “Continueremo a lavorare per il coordinamento tra gli Stati membri su questa materia”, ha aggiunto. L’esistenza della variante britannica e delle altre varianti del coronavirus Sars-CoV-2 determinano una situazione sanitaria “seria” e comportano la necessità che le misure di contenimento siano mantenute, e anche “rafforzate”, ha ribadito. I capi di Stato e di governo dell’Ue “vogliono che le vaccinazioni” contro il Covid-19 “accelerino. E per questo gli impegni sulle consegne presi dalle aziende devono essere rispettati. I vaccini devono essere distribuiti nello stesso momento e distribuiti pro quota, in base alla popolazione”., ha detto ancora MIchel.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Mafia, boss di Cosa nostra Freddy Gallina estradato dagli Usa


Estradato dagli Stati Uniti, dopo una battaglia lunga cinque anni, Ferdinando Gallina, detto Freddy, 44 anni, killer di Cosa nostra,...
Read More
Mafia, boss di Cosa nostra Freddy Gallina estradato dagli Usa

Vaccino Sputnik sotto la lente di Ema, Europa avvia valutazione


  L'Agenzia europea del farmaco (Ema) ha avviato la valutazione del vaccino anti-covid Sputnik. Lo comunica l'Ema stessa, affermando che...
Read More
Vaccino Sputnik sotto la lente di Ema, Europa avvia valutazione

Lidl lavora al primo standard sulla biodiversità in agricoltura


(Adnkronos) Lidl al lavoro per lo sviluppo del primo standard sulla biodiversità in agricoltura: sarà disponibile entro la fine del...
Read More

Vaccino covid, unica dose a guariti? Cosa dice circolare ministero Salute


Una dose di vaccino anti-covid a guariti?. E' possibile. E' quanto stabilisce una circolare della Direzione generale della prevenzione del...
Read More
Vaccino covid, unica dose a guariti? Cosa dice circolare ministero Salute

Operazione antidroga carabinieri a Palermo, in molti percepivano Rdc


Dieci dei 14 arrestati nel blitz antidroga 'Arcobaleno' eseguito dai carabinieri della Compagnia di Carini, del Gruppo di Palermo, del...
Read More
Operazione antidroga carabinieri a Palermo, in molti percepivano Rdc

Milan-Udinese 1-1, il Diavolo si salva ma l’Inter può scappare


Il Milan si salva in extremis contro l'Udinese e pareggia 1-1: l'Inter ora può volare via. I rossoneri acciuffano il...
Read More
Milan-Udinese 1-1, il Diavolo si salva ma l’Inter può scappare

Covid Emilia: Bologna e Modena in zona rossa


Modena e Bologna zona rossa da domani. Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha firmato l’ordinanza, preannunciata ieri con...
Read More
Covid Emilia: Bologna e Modena in zona rossa

Covid, Grecia in lockdown fino al 16 marzo


La Grecia estende il lockdown nazionale fino al 16 marzo, dopo aver segnalato 2.702 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime...
Read More
Covid, Grecia in lockdown fino al 16 marzo
loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends