Connect with us

Flash

Che si dice di noi negli USA. L’Italia può essere resa grande di nuovo?

Editoriale del New York Sun del 23 gennaio 2022

Lunedì a Roma 1.009 elettori convergeranno nella capitale italiana per scegliere un nuovo presidente. Questi procedimenti potrebbero, anche se indirettamente, spingere al potere i conservatori italiani. Aumentano la prospettiva di trasformare la quarta economia più grande d’Europa. La possibilità è stata rafforzata sabato quando l’ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è uscito dalla corsa.

Nella scelta del nuovo capo dello Stato italiano, gli elettori hanno il compito di sostituire l’ottuagenario Sergio Mattarella, giunto al termine del suo mandato di sette anni. Sebbene la presidenza sia una posizione in gran parte simbolica, i conservatori italiani potrebbero trovare nella scelta presidenziale un’opportunità per rompere lo stallo politico della nazione e cavalcare un’ondata di malcontento populista verso una maggioranza di governo.

Una svolta conservatrice dipende dall’elevazione dell’attuale primo ministro, Mario Draghi, a nuovo presidente. Draghi è ampiamente considerato l’unico leader attualmente in grado di tenere insieme la litigioso coalizione parlamentare italiana. Il governo “potrebbe vacillare o addirittura cadere senza di lui”, calcola il Financial Times. In tal caso, i conservatori prevedono di ottenere la maggioranza legislativa alle nuove elezioni.

Ciò potrebbe dissuadere alcuni legislatori, che non vogliono perdere i loro seggi in elezioni anticipate, dal votare per l’ex capo della banca centrale europea. Tale calcolo egoistico non è certo l’innovazione dell’Italia. Sebbene il tecnocratico Draghi sia stato accreditato da alcuni per i suoi sforzi per stabilizzare e riformare l’economia, rimangono notevoli margini di miglioramento. I partiti di centro destra in Italia sono pronti a provarci.

Uno dei principali contendenti alla presidenza del Consiglio in caso di maggioranza conservatrice è il capo della Lega, Matteo Salvini. Un recente profilo del Wall Street Journal osserva che il partito di Salvini è stato definito “nazionalista, populista, conservatore, di estrema destra e persino fascista”. Il signor Salvini – che non è un fascista – sconta tali etichette, affermando che “è ben al di là delle ideologie”. Invece descrive il suo partito come “sovranisti”.

“Cioè, l’identità italiana, la sua cultura, storia, leggi, religione”, dice Salvini. “Posso anche accettare ‘populista’, che alcune persone considerano un insulto, ma penso che sia un complimento”. Salvini ha trasformato il suo partito da forza regionale e “gli ha conferito appello nazionale”, riporta il Journal, “sottolineando la rigida opposizione all’immigrazione illegale e lo scetticismo dell’Unione europea”. Questo potrebbe portare alla Brexit, all’italiana?

La prolungata stagnazione economica dell’Italia può essere ricondotta alla sua decisione di aderire alla moneta unica europea. La sua stagnazione è stata esacerbata dalla debacle finanziaria del 2008 e dalla pandemia di Covid, che hanno entrambi spinto il rapporto debito/PIL complessivo al 160%. Durante la pandemia, l’UE ha gravato l’Italia con altri 200 miliardi di euro di debiti nel tentativo di scongiurare il default italiano.

La necessità di un’adesione italiana ai principi del libero mercato è stata a lungo riconosciuta da saggi come Antonio Martino. Economista formatosi a Chicago, Martino è stato ministro in due dei precedenti governi di Berlusconi. Nel 2001 ha espresso la speranza di “cambiare la politica in Italia”, osservando che era la prima volta che l’Italia aveva una maggioranza “impegnata nel libero mercato, riducendo le dimensioni del governo e abbassando la tassazione”.

Tali aspirazioni trovano eco nell’appello di Salvini a rafforzare l’immigrazione, il rinnovamento economico e il risveglio patriottico. Sollevano anche confronti con il presidente Trump. Nel 2020 Salvini ha dichiarato al Journal di aver sostenuto Trump: “Sono stato uno dei pochi politici italiani che ha creduto nella sua vittoria e ha fatto il tifo per lui quattro anni fa”. Sebbene molto dipenda dalle macchinazioni della politica italiana, Salvini potrebbe far tornare l’Italia grande.

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends