Connect with us

Published

on

Sono iniziate alle 10 di questa mattina, le consultazioni del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per la formazione del nuovo governo e per ascoltare tutti i partiti prima di poter affidare l’incarico di Primo Ministro. Il primo a salire al Colle oggi è stato il Presidente del Senato Ignazio La Russa e l’ultimo sarà Letta, segretario del Pd. Domani invece sarà la volta del centrodestra. Ecco di momento in momento il resoconto della giornata e le dichiarazioni post consultazione con il Presidente Mattarella

IGNAZIO LA RUSSA

Un colloquio molto cordiale, è sempre molto emozionante stare con il Presidente“, ha commentato la seconda carica dello Stato lasciando il Quirinale dopo l’incontro durato un quarto d’ora

LORENZO FONTANA

Il Presidente della Camera dei Deputati, non ha rilasciato alcuna dichiarazione ed è andato via dal Quirinale senza soffermarsi davanti al folto gruppo di giornalisti presenti, come testimonia il video sotto riportato

Gruppo Parlamentare “AUTONOMIE (SVP-Patt, Campobase e Sud Chiama Nord)” del Senato della Repubblica

Il risultato delle elezioni è chiaro ed è giusto che Giorgia Meloni riceva l’incarico per fare il presidente del Consiglio”, ha affermato Julia Unterberger, capogruppo delle Autonomie al Senato. ”Abbiamo anche espresso le nostre preoccupazioni -ha aggiunto- siamo autonomisti ma anche europeisti e ci desta preoccupazione che il partito più forte che adesso farà il Governo è un partito sovranista, nazionalista e nel passato avevamo grandi problemi con il partito di Frateli d’Italia”. Unterberger ha fatto riferimento in particolare a “esternazioni tutt’altro che accettabili, ad esempio quando ci dicono ‘andate in Austria se avete qualcosa da lamentare’ oppure ‘vi si dovrebbe costringere a mettere in ogni casa la bandiera italiana’”. “Pertanto -ha concluso la capogruppo- spero che avranno in futuro con noi un approccio un po’ più costruttivo, che questi toni appartengano al passato e che riusciamo ad avere una certa collaborazione con il partito che avrà la maggioranza”. Quindi “il nostro orientamento è votare contro la fiducia, perché devono dimostrare che hanno cambiato atteggiamento nei confronti delle autonomie, delle minoranze linguistiche e dell’Europa”. Comunque “non è detta l’ultima parola”, anche in base alla “lista dei ministri”.

Vorrei solo dire che siamo convinti come rappresentanti dell’Alto Adige e anche del Trentino, parlo anche a nome del collega Patton, che il decentramento amministrativo sia fondamentale per far crescere il nostro paese e noi abbiamo una buona esperienza in questo in questo ambito e vogliamo metterla a disposizione delle altre regioni. Questo è quello che vorremmo fare anche in questa legislatura che si annuncia un po’ a rischio, come diceva la presidente per le convinzioni che animano i partiti che governeranno” queste le parole di Luigi Spagnolli, vicepresidente Per le Autonomie.

Mentre l’altra vice presidente, Dafne Musolino (Sud chiama Nord) ha dichiarato: “Come senatrice eletta al collegio uninominale dal movimento Sud Chiama Nord abbiamo rappresentato anche ovviamente la tematica del sud e dell’attenzione per per la Sicilia per la sua autonomia e per quelli che sono i grandi investimenti che riguardano il PNNR e la necessità che si verifichi, che si sia attenti a che le grandi opere e comunque tutto ciò che il meridione aspetta da tanti anni, possa esssere davvero portato a compimento

 

GRUPPO MISTO DEL SENATO – VERDI-SINISTRA

Le destre di questo Paese hanno sì il 59% dei seggi dei parlamentari, ma hanno soltanto il 43 per cento di voti in questo Paese, quindi sono maggioranza assoluta in Italia solo in virtù di una legge elettorale, la peggiore della storia della Repubblica. E quindi il primissimo impegno del nostro Gruppo sarà quello di presentare una proposta di legge per tornare al proporzionale”, altrimenti “il rischio di una democrazia monca è un. Rischio fortissimo”, dice Peppe De Cristofaro, capogruppo del Misto al Senato ed esponente di Verdi-Sinistra.

GRUPPO MISTO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI e +EUROPA

Ci prepareremo a fare un’opposizione seria e rigorosa a partire dal tema dei diritti civili, non solo non bisogna fare passi indietro ma semmai bisogna conquistare nuovi passi in avanti. Opposizione a qualsiasi tentativo di spostare l’asse dell’Italia rispetto all’Unione europea, venendo meno a quel protagonismo conquistato da Draghi”. Lo ha affermato il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova, al termine del colloquio con il Presidente della Repubblica.

COMPONENTE “ALLEANZA VERDI E SINISTRA” MISTO CAMERA DEI DEPUTATI

Abbiamo ricordato e auspicato che nella formazione del nuovo Governo i futuri ministri rispettino gli obblighi internazionali in particolar modo per quanto riguarda gli obiettivi climatici. L’Italia ha sottoscritto degli impegni importanti per ridurre le emissioni di Co2 da qui al 2030, avere ministri che vanno nella direzione opposta sarebbe un problema non solo per il nostro Paese dal punto di vista economico, sociale e ambientale, ma anche in relazione con il resto dei Paesi d’Europa. Chiediamo che ci sia la massima vigilanza di avere alla guida del ministero della Transizione ecologica, se tale rimarrà, un ministro o una ministra che questi obblighi internazionali vada a rispettare. Se ci troveremmo di fronte a personalità che hanno un’impostazione negazionista dal punto di vista climatico, sappiano che Alleanza Verde-Sinistra farà una dura opposizione”, hanno quindi affermato i componenti della delegazione della Camera, composta da Nicola Fratoianni, Eleonora Evi, Luana Zanella e Angelo Bonelli, al termine del colloquio nel pomeriggio.

TERZO POLO – AZIONE-ITALIA VIVA-R.E. CAMERA E SENATO

Abbiamo ribadito al presidente la gigantesca preoccupazione per effetto del costo dell’energia. Crediamo che questo non sia percepito a sufficienza dalla maggioranza nè dalle altre opposizioni. Riteniamo che questo possa essere a rischio la tenuta sociale del Paese“. Lo ha detto Carlo Calenda dopo le consultazioni al Quirinale. Dopo le parole di Berlusconi, ha aggiunto, “deve venire un chiarimento definitivo. Le parole della Meloni sono state molto apprezzate, tuttavia una cosa sono le parole, una cosa i fatti“.
Mattarella è consapevole e custode della posizione italiana nel mondo. Se il governo ha una posa contraria al supporto all’Ucraina o filorussa, allora la nostra opposizione non sarà per niente costruttiva ma durissima, dentro e fuori il Parlamento“, ha quindi continuato, aggiungendo: “Azione e Italia viva saranno all’opposizione di questo governo, senza sconti. Un’opposizione che cercherà di ingaggiare il governo su tematiche concrete“. Al presidente Mattarella la delegazione ha fatto presente che “c’è una forza politica che ha preso l’8 per cento che è rimasta fuori da ogni tipo di rappresentanza delle istituzioni“.
Non ne facciamo una malattia ma è chiaro, questo non lo abbiamo detto al presidente, che esiste un chiaro intento di escluderci da parte delle altre opposizioni. L’unità delle opposizioni: sicuramente ce ne sono due“.

Un appoggio del Terzo polo al governo? “Non c’è questa possibilità. C’è la maggioranza che ha vinto, devono governare e da noi non arriverà un sostegno sulla fiducia. Arriverà se presentano il rigassificatore, se hanno un pacchetto sulle bollette fatto bene, lo voteremo. Il resto lo abbiamo escluso tassativamente, non è all’ordine delle possibilità“, ha detto ancora Calenda.

MOVIMENTO 5 STELLE CAMERA E SENATO

Noi confidiamo sempre nella esperienza, competenza e saggezza del presidente Mattarella anche per questi prossimi passaggi di inizio legislatura. Ci aspettiamo un esecutivo a forte vocazione europeista, condizione necessaria e indiscutibile“. Così Giuseppe Conte al Quirinale con la delegazione M5S per le consultazioni. “Ci ha colpito fortemente e per noi pone un serio problema quella che è la ricostruzione integrale del ragionamento” di Silvio Berlusconi, “può anche essere opinabile in alcuni passaggi ma è inaccettabile la premessa” ovvero “che l’aggressione militare russa non sia da condannare con le più elementari norme del diritto internazionale“, ha spiegato ancora il leader pentastellato. Questo ci ha “spinto a rappresentare la nostra forte perplessità che il dicastero della Farnesina, così centrale, possa essere affidato a un esponente di Fi“.

Nessuno mette in discussione la ferma condanna dell’azione militare russa e il sostegno al popolo ucraino ma sono oltre 200 giorni che questa strategia ha abbracciato un percorso” che ha portato a “una escalation militare che ci espone al rischio del conflitto atomico e a una galoppante crisi economica” quindi occorre aprire “un negoziato di pace per il cessate il fuoco“, aggiunge Conte. Il pentastellato continua spiegando che nel conflitto in Ucraina “riteniamo superata la fase della simmetria, c’è la necessità di una svolta nel negoziato di pace. Gli Stati Uniti continuano a rifornire di arsenali gli ucraini, non credo che sia questa la priorità“.

Abbiamo rappresentato lo sconcerto con cui abbiamo assistito alle divisioni e ai contrasti delle forze di centrodestra che si accingono a formare un governo. Devono essere consapevoli che il Paese non può attendere, attardarsi su scontri e conflitti, bisogna metterli da parte e rispondere alle attese dei cittadini“, ha quindi sottolineato, aggiungendo: “Noi siamo distanti da una politica conservatrice, ma altro sono le politiche reazionarie. Se ci si incaponisce nel perseguire, per esempio, una iniziativa per contrastare la legge 194, se si vogliono rimettere indietro le lancette e le conquiste civili in noi troveranno un muro, li contrasteremo con tutta la nostra capacità e vigore“.

Per Conte, inoltre, “un’opposizione unitaria non è nell’ordine delle cose in questo momento. Il Pd farà il suo congresso e noi faremo le nostre battaglie di opposizione. Immagino che potranno esserci molti passaggi in cui potremo ritrovarci insieme ma non è questo il tempo di coordinare a tavole l’opposizione unitaria e istituire una cabina di regia coordinata e permanente“.

PARTITO DEMOCRATICO-ITALIA DEMOCRATICA E PROGRESSISTA CAMERA SENATO

In queste ore è in corso un consiglio Ue importante e noi ci aspettiamo risposte e scelte utili per la vita delle persone. Abbiamo espresso la volontà nella nostra azione di opposizione di spingere il governo a prendere un’iniziativa nazionale se non ci fosse in questo Consiglio Ue una definizione del tetto al prezzo del gas e il disaccoppiamento“. Così Enrico Letta al Colle con la delegazione Pd dopo le consultazioni. “Abbiamo confermato al presidente della Repubblica che saremo convintamente a fare opposizione in Parlamento, una opposizione rigorosa e ferma, a una maggioranza che è uscita vincitrice, che è maggioranza in Parlamento ma non nel Paese“, ha detto, aggiungendo: “A partire ovviamente dalle tre questioni principali su cui è stata impostata la nostra campagna elettorale – lavoro, diritti e ambiente – sono per noi punti su cui saremo vigili: non accetteremo arretramenti né ambiguità“.

Il governo che nascerà sia senza ambiguità sulla condanna ferma all’invasione russa e sul sostegno al popolo ucraino nella resistenza e per il tentativo di arrivare alla pace vera duratura“, le parole di Letta, che ha continuato: “Bisogna essere chiari sul fatto che il nostro Paese deve avere un governo in continuità con le alleanze europee e atlantica, che sempre hanno rappresentato il modo di essere del Paese“. Letta esprime quindi “grande preoccupazione per quanto successo nei giorni scorsi, l’ambiguità è cresciuta ed è stata resa ancora più marcata la divisione interna a una maggioranza che è più elettorale che politica nelle tre settimane dopo il voto“.

Noi saremo a difesa della Costituzione. Questo non vuol dire che non siamo disponibili ad una discussione per aggiustare e migliorare, ma siamo fermamente contrari allo stravolgimento dell’impianto della Costituzione“, ha aggiunto.

 

LE ULTIME NOTIZIE

La Bundesliga è del Bayer Leverkusen: primo scudetto per “le aspirine” di Alonso

Il Bayer Leverkusen fa la storia conquistando il suo primo titolo di Bundesliga, interrompendo l'egemonia del Bayern Monaco dopo 11...
Read More
La Bundesliga è del Bayer Leverkusen: primo scudetto per “le aspirine” di Alonso

Udinese-Roma sospesa: malore per difensore giallorosso Evan N’Dicka

Il difensore della Roma, Evan N'Dicka, ha accusato un malore durante la partita contro l'Udinese, causando la sospensione del gioco...
Read More
Udinese-Roma sospesa: malore per difensore giallorosso Evan N’Dicka

Serie A Sassuolo-Milan: pareggio spettacolare, finisce 3-3

Il Milan di Pioli e il Sassuolo di Ballardini si dividono i punti in un emozionante match di Serie A...
Read More
Serie A Sassuolo-Milan: pareggio spettacolare, finisce 3-3

Incendio Autobus a Roma: 3 intossicati dai fumi

Un autobus di linea della Tevere Tpl è andato a fuoco a Roma, coinvolgendo una macchina e strutture circostanti. Tre...
Read More
Incendio Autobus a Roma: 3 intossicati dai fumi

Concluso G7 Straordinario su Attacco Iran a Israele: appello a Moderazione

Il G7 si è concluso con una condanna unanime dell'attacco dell'Iran contro Israele e un appello alla moderazione da parte...
Read More
Concluso G7 Straordinario su Attacco Iran a Israele: appello a Moderazione

Retroscena: Netanyahu annulla attacco immediato contro Iran su consiglio Biden

Il primo ministro israeliano Netanyahu ha evitato un'azione immediata di ritorsione contro l'Iran dopo un attacco subito, su consiglio del...
Read More
Retroscena: Netanyahu annulla attacco immediato contro Iran su consiglio Biden

Serie A: Napoli-Frosinone 2-2, partenopei si fanno rimontare due volte

Nel match della 32a giornata di Serie A, Napoli e Frosinone terminano con un pareggio 2-2, con sorprese e emozioni...
Read More
Serie A: Napoli-Frosinone 2-2, partenopei si fanno rimontare due volte

Tensioni Mediorientali: Israele al crocevia tra guerra e diplomazia

La recente escalation di attacchi tra Israele e gli alleati iraniani solleva questioni di sicurezza nazionale e richiede una risposta...
Read More
Tensioni Mediorientali: Israele al crocevia tra guerra e diplomazia

(con fonte AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza