Connect with us

Ambiente

Pandemia, guerra e crisi climatica: l’economia circolare europea non decolla

Molte materie prime mancano e, quando si trovano, i prezzi vanno alle stelle. Le responsabilità sono varie: l’aumento della domanda, che è crescente; la crisi climatica, che diminuisce la capacità degli ecosistemi di offrire risorse e aumenta alcuni bisogni; la pandemia, che ha imposto una lunga battuta d’arresto all’economia globale; il conflitto in Ucraina, che ha esasperato la fragilità energetica dell’Europa. La soluzione esiste e si chiama economia circolare. Ma ancora non decolla. I dati globali, sotto questo profilo, parlano chiaro: tra il 2018 e il 2020 il tasso di circolarità è sceso dal 9,1% all’8,6%.

Negli ultimi cinque anni i consumi sono cresciuti di oltre l’8% (superando i 100 miliardi di tonnellate di materia prima utilizzata in un anno), a fronte di un incremento del riutilizzo di appena il 3% (da 8,4 a 8,65 miliardi di tonnellate): sprechiamo ancora una gran parte dei materiali estratti dagli ecosistemi. Non abbiamo invertito la rotta. Anche l’Italia non ha centrato l’obiettivo del disaccoppiamento tra crescita economica e uso delle risorse. Ciò significa che Pil e consumo di materiali viaggiano in parallelo: la ripresa del 2021 mostra come i due valori si stiano riportando sugli stessi livelli precedenti alla pandemia.

Eppure l’Italia è uno dei Paesi che ‘tiene’: nel quadro delle prime cinque economie europee si posiziona al primo posto per gli indicatori più importanti di circolarità, assieme alla Francia. È quanto emerge dal Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia 2022, giunto alla sua quarta edizione. È quanto emerge dal Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia 2022, realizzato dal Cen (Circular economy network), la rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile assieme a un gruppo di aziende e associazioni di impresa, in collaborazione con Enea.

“La crisi climatica e gli eventi drammatici degli ultimi due anni, con l’impennata dei prezzi di molte materie prime, dimostrano che il tempo dell’attesa è finito. È arrivato il momento di far decollare senza ulteriori incertezze le politiche europee a sostegno dell’economia circolare”, ha dichiarato Edo Ronchi. “Le nostre economie sono fragili perché per aspetti strategici dipendono da materie prime localizzate in larga parte in un ristretto gruppo di Paesi”.

Secondo Ronchi “è un nodo che rischia non solo di soffocare la ripresa ma di destabilizzare l’intera economia con una spirale inflattiva. Ed è qui che l’economia circolare può fare la differenza trovando all’interno del Paese le risorse che è sempre più costoso importare. L’obiettivo che l’Italia si deve porre è raggiungere il disaccoppiamento tra crescita e consumo di risorse”. La simbiosi industriale, spiega il direttore del dipartimento sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali Enea, Roberto Morabito, “è uno degli strumenti più potenti che possiamo utilizzare a supporto della transizione circolare dei nostri sistemi produttivi con grandi vantaggi ambientali, economici e sociali”.

“Come avviene in altri Paesi, sarebbe quanto mai opportuno che anche l’Italia si dotasse di un Programma nazionale per la simbiosi industriale per massimizzarne le potenzialità e assicurare tracciabilità e contabilità delle risorse scambiate. Il potenziale vantaggio economico per lo scambio di risorse in Europa è stimato tra i 7 e i 13 miliardi di euro, a cui aggiungere oltre 70 miliardi per costi di discarica evitati. Enea dal 2010 ha sviluppato una Piattaforma e una metodologia di lavoro che hanno permesso di realizzare progetti con oltre 240 aziende e individuare circa 2mila potenziali trasferimenti di risorse tra loro” conclude Morabito.

L’Italia contiene i danni

In media in Europa nel 2020 sono state consumate circa 13 tonnellate pro capite di materiali. Ma tra le cinque maggiori economie al centro dell’analisi di questo Rapporto (Italia, Francia, Germania, Polonia, Spagna) le differenze sono consistenti: si va dalle 7,4 tonnellate per abitante dell’Italia alle 17,5 della Polonia. La Germania è a quota 13,4 tonnellate, la Francia a 8,1, la Spagna a 10,3.Nel 2020 per nessuno dei cinque Paesi europei esaminati si è registrato un incremento nella produttività delle risorse. In Europa nel 2020, a parità di potere d’acquisto, per ogni kg di risorse consumate sono stati generati 2,1 euro di Pil. L’Italia è arrivata a 3,5 euro di Pil (il 60% in più rispetto alla media Ue). Il tasso di utilizzo di materia proveniente dal riciclo misura il contributo dei materiali riciclati alla domanda complessiva di materia. Nel 2020, ultimo anno di dati disponibile, il tasso di utilizzo di materia proveniente dal riciclo nell’Ue è stato pari al 12,8%.

In Italia, sempre nello stesso anno, il valore ha raggiunto il 21,6%, secondo solamente a quello della Francia (22,2%) e di oltre 8 punti percentuali superiore a quello della Germania (13,4%). Spagna (11,2%) e Polonia (9,9%) occupano rispettivamente la quarta e la quinta posizione. Notizie positive per l’Italia anche sul fronte rifiuti. In Italia la percentuale di riciclo di tutti i rifiuti ha raggiunto quasi il 68%: è il dato più elevato dell’Unione europea. Tra le cinque economie osservate, l’Italia è quella che al 2018 ha avviato a riciclo la quota maggiore di rifiuti speciali (quelli provenienti da industrie e aziende): circa il 75%.

Per quanto riguarda i rifiuti urbani (il 10% dei rifiuti totali generati nell’Unione europea) l’obiettivo di riciclaggio è del 55% al 2025, del 60% al 2030 e del 65% al 2035. Nel 2020 nell’UE 27 è stato riciclato il 47,8% dei rifiuti urbani; in Italia il 54,4%. Sempre nel 2020 i rifiuti urbani avviati in discarica in tutta l’Ue sono stati il 22,8%. Dopo la Germania, le migliori prestazioni sono quelle di Francia (18%) e Italia (20,1%). Ci sono invece settori in cui l’Italia è in netta difficoltà. Uno è il consumo di suolo: nel 2018 nella Ue a 27 Paesi risultava coperto da superficie artificiale il 4,2% del territorio. La Polonia era al 3,6%, la Spagna al 3,7%, la Francia al 5,6%, l’Italia al 7,1%, la Germania al 7,6 %.

Anche per l’ecoinnovazione siamo agli ultimi posti: nel 2021 dal punto di vista degli investimenti in questo settore l’Italia appare al 13° posto nell’Ue con un indice di 79. La Germania è a 154. Infine la riparazione dei beni: in Italia nel 2019 oltre 23.000 aziende lavoravano alla riparazione di beni elettronici e di altri beni personali (vestiario, calzature, orologi, gioielli, mobilia, ecc.). Siamo dietro alla Francia (oltre 33.700 imprese) e alla Spagna (poco più di 28.300).

In questo settore abbiamo perso quasi 5.000 aziende (circa il 20%) rispetto al 2010. Facendo le somme risulta che l’Italia e la Francia sono i Paesi che fanno registrare le migliori performance di circolarità, totalizzando 19 punti ciascuno. In seconda posizione, staccata di tre punti, si attesta la Spagna con 16 punti. Decisamente più contenuto è l’indice di performance di circolarità della Polonia e della Germania che ottengono, rispettivamente 12 e 11 punti.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Meloni: “Sinistra teme presidenzialismo perché per governare dovrebbe vincere”
"Anni e anni al governo senza vincere un'elezione: per questo alla sinistra fa così paura il  presidenzialismo. Noi, invece, non...
Read More
Elezioni, ultimo giorno per depositare i simboli: tempo scaduto alle ore 16
Gli uffici del ministero dell'Interno erano aperti oggi dalle 8 alle 16 per il deposito dei simboli in vista delle...
Read More
Usa: FoxNews, “Lancia auto contro barriera Capitol Hill, spara e si suicida”
Un uomo non ancora identificato ha lanciato la sua auto in fiamme contro una barriera di protezione di Capitol Hill,...
Read More
Israele, Gerusalemme: almeno 8 feriti in attacco contro autobus
Si è consegnato stamane alle forze di sicurezza l'uomo sospettato di aver compiuto in Israele un attentato terroristico sparando contro...
Read More
Piero Angela: camera ardente, martedì 16 atteso feretro in Campidoglio
La camera ardente di Piero Angela sarà allestita martedì 16 agosto dalle 11.30 alle 19.00 presso la Sala della Protomoteca...
Read More
Australia, Canberra: spari in aeroporto, un arresto
L'aeroporto di Canberra in Australia è stato evacuato dopo che sarebbero stati sparati colpi di arma da fuoco all'interno del...
Read More
Meteo di Ferragosto: tra caldo e temporali
Sole, caldo, maltempo, temporali: che meteo ci aspetta a Ferragosto e nei giorni a seguire? A fare il punto è...
Read More
Godega di Sant’Urbano: auto finisce in canale di scolo, morti 4 ragazzi
Tragico incidente nella notte. Quattro ragazzi, tutti tra i 18 e i 19 anni, sono morti poco dopo le 2...
Read More
Salman Rushdie: chi è Hadi Matar, l’autore dell’assalto allo scrittore
E' nato 24 anni in California, ma recentemente si è trasferito in New Jersey, Hadi Matar l'uomo di 24 anni...
Read More
NY Times: legale di Trump certificò restituzione materiale classificato
Almeno un legale dell'ex presidente Donald J. Trump ha firmato una dichiarazione scritta a giugno sostenendo che tutto il materiale...
Read More
Piero Angela, l’ultimo saluto ai telespettatori
Nei giorni scorsi Piero Angela, giornalista divulgatore di alta qualità e decano dell’Azienda morto oggi a 93 anni, ha voluto...
Read More
Lecce-Inter 1-2, salentini beffati da gol di Dumfries allo scadere
L’Inter vince 2-1 sul campo del Lecce nell’anticipo serale della prima giornata del campionato di Serie A 2022-2023. I nerazzurri,...
Read More
Ucraina, Amnesty: rapporto controverso sarà “revisionato” da esperti
Amnesty International affiderà ad un panel di esperti esterni una revisione del controverso rapporto che accusa l'esercito ucraino di mettere...
Read More
Serie A: per rossoneri buona la prima, Milan-Udinese 4-2
Parte bene il campionato del Milan campione d'Italia: contro l'Udinese ospite a San Siro finisce 4-2 con doppietta di Rebic....
Read More
Elezioni 2022: Cinquestelle, parlamentarie martedì 16 agosto orario 10-22
Parlamentarie M5S, "è convocata per il giorno 16 agosto 2022 dalle ore 10 alle ore 22 la consultazione in rete...
Read More
Migranti, in Austria furgone si ribalta durante fuga: 3 morti e 7 feriti
Tre persone sono morte dopo che l'autista di un furgone che trasportava diversi migranti si è dato alla fuga per...
Read More
Scontro Lerner-La Russa

Scontro Lerner-La Russa

Botta e risposta tra Gad Lerner e Ignazio La Russa. "Ignazio La Russa che rinfaccia a Liliana Segre le simpatie...
Read More
Europei nuoto 2022, Oro Italia con Ruggiero e Minisini nel duo libero misto
Lucrezia Ruggiero e Giorgio Minisini vincono l'oro nel duo libero misto agli Europei di nuoto 2022, chiudendo con il punteggio...
Read More
Moria di pesci nell’Oder al confine fra Germania e Polonia: è mistero
E' allarme catastrofe ecologica nel fiume Oder, lungo il confine fra Germania e Polonia, dove sono affiorate almeno 10 tonnellate...
Read More
Elezioni 2022, Meloni presenta simbolo e la fiamma tricolore rimane
Fratelli d'Italia ha presentato al Viminale il simbolo elettorale per il 25 settembre. Il logo è quello del 2018: nel...
Read More

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends