LiberoReporter

Contanti, da 1 gennaio 2022 limite pagamento e sanzioni




Meno contanti e più pagamenti tracciabili. Questo è l’obiettivo dell’entrata in vigore, il 1° gennaio 2022, dei nuovi limiti all’uso di banconote. E della conseguente modifica delle sanzioni per chi non rispetta le regole. La nuova soglia dei pagamenti era già prevista da tempo, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge numero 157 del 2019, ricorda laleggepertutti.it. Recentemente, è stata confermata dal ministero dell’Economia e delle Finanze. Quindi, è stato ufficializzato che per i contanti cambia la soglia dei pagamenti portandola da 1.999,99 euro a 999,99. La precisione è importante perché può costare una sanzione: pagare 999,99 euro in contanti dal primo giorno del 2022 è lecito, pagare 1.000 euro, cioè un centesimo in più, no.

Contanti: quali pagamenti sono vietati?

La nuova soglia dei contanti dal 1° gennaio 2022, fissata a 999,99 euro, viene applicata per qualsiasi tipo di pagamento, cioè di passaggio di denaro tra persone fisiche o giuridiche. Questo significa che non solo l’acquisto di un bene o la prestazione di un professionista ma anche una donazione o un prestito a un figlio per una cifra di almeno 1.000 euro dovrà essere giustificato ed effettuato con un tipo di pagamento tracciabile, come un bonifico. Tuttavia, nulla cambia per quanto riguarda prelievi e versamenti in banca, poiché non si tratta di trasferimenti di denaro tra due soggetti diversi ma di movimenti che interessano una sola persona. Per capirci, sarà perfettamente lecito andare in banca a ritirare 1.500 euro. Quello che non verrà consentito è di utilizzarli tutti insieme per fare un solo pagamento. Potranno essere tenuti in casa per essere spesi un po’ alla volta entro la soglia stabilita.

Lo stesso vale per i versamenti. Poniamo il caso di chi ha ricevuto in contanti per la propria attività 500 euro, poi 400 euro e poi ancora 600 euro. In totale, 1.500 euro che possono essere versati insieme sul proprio conto corrente. Non viola le regole sull’uso dei contanti nemmeno fare ‘un po’ e un po’’, cioè fare un pagamento di almeno 1.000 euro utilizzando sia il cash sia uno strumento tracciabile. Ad esempio, per pagare un servizio che costa 1.800 euro è permesso consegnare al professionista 900 euro in contanti e 900 euro con un assegno, con la carta di credito o con un bonifico. L’importante è che la somma in contanti resti sempre al di sotto del limite di 999,99 euro.

Contanti: le sanzioni per i trasgressori

La nuova soglia di pagamenti in contanti deve essere rispettata non solo da chi paga ma anche da chi riceve il denaro: entrambi possono essere puniti nel caso in cui venga superato il limite di 999,99 euro. La legge prevede che con l’abbassamento del limite dei contanti diminuisca anche la sanzione minima. In sostanza: dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, la soglia per i pagamenti in cash è di 1999,99 euro, mentre la sanzione minima applicabile in caso di trasgressione (minima, non fissa) è di 2.000 euro. Ora, con il limite a 999,99 euro dal 1° gennaio 2022 il minimo edittale scenderà a 1.000 euro. Regola, però, non valida per i professionisti o per chiunque non segnali le irregolarità alle direzioni territoriali: in tal caso, la sanzione resta fissata da 3.000 a 15.000 euro, quindi con una soglia minima pari al triplo rispetto a quella prevista per chi commette la violazione.

Va detto, però, che sia chi trasgredisce la regola sull’uso dei contanti, sia chi non comunica l’irregolarità essendo tenuto a farlo può beneficiare dell’oblazione, anche se in maniera diversa. Per chi commette l’infrazione, la sanzione passerà da un minimo di 4.000 euro a 2.000 euro. Invece, chi deve comunicare un’irregolarità, sulla base delle attuali e future disposizioni, continuerà a pagare un minimo di 5.000 euro, pari ad 1/3 del massimo.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Nordcorea, Kim vieta il giubbotto di pelle


Solo il partito può decidere chi si può mettere un giubbotto di pelle in Corea del Nord. Il leader nordcoreano...
Read More
Nordcorea, Kim vieta il giubbotto di pelle

Meteo: maltempo Calabria e Basilicata, domani allerta rossa


Maltempo in Calabria e Basilicata, domani 28 novembre 2021 è allerta rossa su alcune zone. L'avviso della Protezione Civile prevede...
Read More
Meteo: maltempo Calabria e Basilicata, domani allerta rossa

Variante sudafricana Omicron, mappa dei contagi al momento accertati


Circa 80 casi di variante Omicron sudafricana in tutto il mondo (la mappa). La nuova variante del coronavirus, giudicata variante...
Read More
Variante sudafricana Omicron, mappa dei contagi al momento accertati

Variante Omicron in Italia, ecco chi è il primo positivo


E' un dirigente d'azienda di 55 anni il primo caso di variante Omicron in Italia. Residente nella provincia di Caserta,...
Read More
Variante Omicron in Italia, ecco chi è il primo positivo

Serie A: Venezia-Inter 0-2, nerazzurri incollati a Milan e Napoli


L'Inter vince 2-0 sul campo del Venezia nell'anticipo serale della 14esima giornata della Serie A. I nerazzurri si impongono con...
Read More
Serie A: Venezia-Inter 0-2, nerazzurri incollati a Milan e Napoli

Serie A: Juve-Atalanta 0-1, Allegri in crisi nera


La Juventus viene sconfitta 1-0 in casa dall'Atalanta nell'anticipo della 14esima giornata della Serie A. I bergamaschi conquistano il successo...
Read More
Serie A: Juve-Atalanta 0-1, Allegri in crisi nera

Eicma si conferma il primo evento fieristico automotive sostenibile


Eicma si conferma anche nell'edizione 2021 come il primo evento fieristico al mondo del suo settore a essere certificato Iso...
Read More

Variante Omicron: sintomi, contagi, vaccini, cosa sappiamo al momento?


La variante africana Omicron (B.1.1.529 ) irrompe sulla scena della pandemia di covid. Qual è la sua pericolosità? Quanto è...
Read More
Variante Omicron: sintomi, contagi, vaccini, cosa sappiamo al momento?
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends