LiberoReporter

Iran e nucleare, “Uranio al 60% da prossima settimana”. Preoccupazione franco-anglo-tedesca




L’Iran prevede di avere dalla “prossima settimana” uranio arricchito al 60% in risposta al “terrorismo nucleare”. E’ quanto ha affermato il presidente iraniano Hassan Rohani in dichiarazioni riportate da Press Tv dopo che nei giorni scorsi la Repubblica Islamica ha denunciato un “atto di sabotaggio” e di “terrorismo nucleare” nell’impianto di Natanz con accuse a Israele. “Se volete fermare la tecnologia pacifica dell’Iran e attaccarci, noi agiamo comunque nel rispetto della legge. Il vostro lavoro è stato terrorismo nucleare, il nostro è legittimo – ha sostenuto Rohani, citato anche dall’agenzia iraniana Mehr – Se i sionisti intraprendono azioni contro di noi, noi rispondiamo. Hanno avuto la prima risposta. Se create problemi alle centrifughe Ir-1 noi avviamo le Ir-6”.

“Le nostre attività nucleari saranno assolutamente pacifiche”, ha ripetuto Rohani. “Il nostro arricchimento (dell’uranio) al 60%, al 20% e anche al 3% è pacifico e sotto la supervisione dell’Agenzia”, ha rimarcato il presidente dopo che ieri il vice ministro degli Esteri e capo negoziatore iraniano a Vienna, Abbas Araqchi, ha fatto sapere di aver informato il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, dei piani per l’avvio a partire da oggi dell’arricchimento dell’uranio al 60% nell’impianto di Natanz, quello dell’incidente di domenica scorsa che le autorità di Teheran hanno definito un “atto di sabotaggio” da imputare a Israele. “La modifica del processo è iniziata e ci aspettiamo di accumulare il prodotto la prossima settimana”, ha scritto nelle ultime ore su Twitter l’ambasciatore iraniano presso le Organizzazioni internazionali a Vienna, Kazem Gharibabadi.

“Passo importante verso arma nucleare”

La decisione iraniana di arricchire l’uranio al 60% è uno sviluppo “grave” e costituisce “un passo importante nella produzione di un’arma nucleare. L’Iran non ha un bisogno credibile di arricchire a questo livello per scopi civili”, hanno dichiarato i governi di Francia, Germania e Gran Bretagna in una nota congiunta diffusa dal ministero degli Esteri di Parigi.

I tre Paesi firmatari del Jcpoa hanno anche espresso “preoccupazione” per la notizia che l’Iran prevede di installare 1.000 centrifughe aggiuntive a Natanz, “il che aumenterà in modo significativo la capacità di arricchimento dell’Iran”.

“Gli annunci dell’Iran sono particolarmente deplorevoli dato che arrivano in un momento in cui tutti i partecipanti al Jcpoa e gli Stati Uniti hanno avviato discussioni sostanziali con l’obiettivo di trovare una rapida soluzione diplomatica per rilanciare e ripristinare il Jcpoa”, hanno aggiunto i tre Paesi europei definendo le ultime mosse di Teheran “contrarie allo spirito costruttivo” dei colloqui a Vienna. “Alla luce dei recenti sviluppi, respingiamo tutte le misure di escalation di qualsiasi attore e chiediamo all’Iran di non complicare ulteriormente il processo diplomatico”, hanno affermato i governi.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Il pediatra del futuro? Lavora in gruppi e sfrutta la telemedicina


Si è appena concluso il 33° Congresso Nazionale dell’Associazione culturale Pediatri (ACP), che ha parlato di innovazione e futuro, territorialità...
Read More
Il pediatra del futuro? Lavora in gruppi e sfrutta la telemedicina

Covid oggi Brasile, commissione accusa Bolsonaro di crimini contro umanità


Coronavirus in Brasile, la commissione di inchiesta parlamentare che indaga sulla gestione della pandemia da Covid-19 ha approvato il rapporto...
Read More
Covid oggi Brasile, commissione accusa Bolsonaro di crimini contro umanità

Omicidio Murazzi: confermati 30 anni per Said Mechaquat, killer di Stefano Leo


La Corte d'Assise d'Appello di Torino ha confermato poco fa la sentenza di primo e ha condannato a 30 anni...
Read More
Omicidio Murazzi: confermati 30 anni per Said Mechaquat, killer di Stefano Leo

Covid, lapide no vax al cimitero: bufera in Israele


"Assassinata nel reparto covid dell'ospedale Beilinson", possa "Dio vendicare il suo sangue". L'epitaffio, scritto sulla tomba dell'anziana signora israeliana Rachel...
Read More

Cambiamento climatico, per 88% italiani contrasto sfida principale del secolo


L’88% degli italiani ritiene che il contrasto dei cambiamenti climatici e delle loro conseguenze sia la sfida principale del XXI...
Read More

Fedeli (Pd), ‘anche Letta assicurava su numeri, va aperta riflessione’**


"Sono sconvolta. Ovviamente non credo che fosse previsto questo andare a un voto al buio. Mi si diceva sempre che...
Read More
Fedeli (Pd), ‘anche Letta assicurava su numeri, va aperta riflessione’**

Ddl Zan: mons. Suetta, “Stop oggi al Senato è sussulto di umanità”


Con lo stop in Senato al ddl Zan per arginare l’omotransfobia è prevalso "un sussulto buon di umanità. E una...
Read More
Ddl Zan: mons. Suetta, “Stop oggi al Senato è sussulto di umanità”

“Obiettivi Ue per i rifiuto al 2035 lontani, fabbisogno impianti di 5,8 mln t”


"Per conseguire gli obiettivi fissati dal pacchetto europeo sull’economia circolare al 2035, servono nel nostro Paese almeno 30 impianti per...
Read More
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends