LiberoReporter

Cambiamenti climatici, giovani sempre più preoccupati

Otto giovani su 10 tra i 15 e i 35 anni di 23 Paesi europei sono preoccupati per il cambiamento climatico e oltre il 70% ritiene che i governi che non agiscono contro l’inquinamento e cambiamento climatico arrechino un danno all’economia. A tracciare il quadro è l’indagine realizzata da Ipsos per #ClimateOfChange, la campagna di comunicazione europea guidata da WeWorld, organizzazione italiana che difende da 50 anni i diritti di donne e bambini in 27 Paesi del mondo inclusa l’Italia, che mira a coinvolgere i giovani per creare un movimento pronto non solo a cambiare il proprio stile di vita ma anche a sostenere la giustizia climatica globale.


La campagna vede coinvolti 13 Paesi europei e 26 realtà, tra cui le italiane Università degli studi di Bologna e Comune di Bologna, e nei prossimi 2 anni metterà in campo tante iniziative tese a sviluppare la consapevolezza dei giovani cittadini dell’Ue sull’impatto che ha il cambiamento climatico sulle migrazioni. Il sondaggio, che apre la campagna in occasione della Giornata della Terra, confronta le opinioni e la conoscenza del nesso tra migrazione, cambiamento climatico e l’attuale modello economico dei giovani tra i 16 e i 35 anni di 23 paesi dell’Ue ed identifica anche il profilo di chi esprime maggiore preoccupazione per il cambiamento climatico e per questo è più motivato all’attivismo, come under 24, studente, donna, altamente istruita e in zone urbane soprattutto dell’Europa meridionale.

“Anche l’emergenza da Covid-19 in corso ci dimostra, ora più che mai, come la crisi ambientale e i fenomeni globali siano interconnessi: la relazione con i fenomeni migratori è complessa, ma è evidente come il cambiamento climatico aumenti le diseguaglianze e la fragilità delle persone più vulnerabili”, spiega Dina Taddia, consigliera delegata di WeWorld. “Cambiare l’Europa è possibile solo se diventa una priorità di tutte e tutti – continua Natalia Lupi di WeWorld, responsabile del progetto – Non solo vogliamo coinvolgere i giovani in un processo di consapevolezza ma vogliamo renderli protagonisti del cambiamento”.

È per questo, sottolinea Lupi, “che la campagna prevede, tra le altre attività, anche la possibilità di firmare una petizione che verrà consegnata durante la Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, la Cop27, alla Presidente della Commissione Europea von der Leyen per richiedere interventi immediati nelle politiche globali. Tra i 4 punti della petizione anche la richiesta di un coinvolgimento formale dei giovani nella politica: solo in questo modo potrà partire un vero e proprio clima di cambiamento”.

Proprio dal sondaggio, infatti, emerge che i giovani europei considerano il cambiamento climatico e il degrado ambientale come priorità assolute. La grande maggioranza dei giovani europei pensa infatti che se i governi non fronteggiano l’inquinamento e il cambiamento climatico, questo sia “un male per l’economia” (70% d’accordo), “un segno che il governo ha le priorità sbagliate” (75% d’accordo), “la prova che il governo non ascolta la gente comune” (74% d’accordo), e “pericoloso e irresponsabile” (72% d’accordo).

Quasi la metà (46%) dei giovani europei considera il cambiamento climatico come uno dei problemi più gravi del mondo, il che lo pone al primo posto tra i problemi elencati, anche nel bel mezzo della pandemia Covid-19. Meno di un giovane europeo su dieci (8%) nega invece il cambiamento climatico. Una proporzione sostanziale di giovani europei (43%) crede che i paesi economicamente avanzati dovrebbero fare la maggior parte degli sforzi economici e politici per ridurre gli effetti del cambiamento climatico.

Degno di nota è che in Europa occidentale, rispetto ad altre regioni, i giovani sono relativamente meno propensi a dire che i paesi economicamente avanzati dovrebbero fare più sforzi per affrontare gli effetti del cambiamento climatico ma sostengono che tutti i governi debbano sostenere queste responsabilità. Anche i giovani italiani (più della metà degli intervistati) sono molto o estremamente preoccupati per il cambiamento climatico, dato che è superiore alla media europea (54% contro 46%).

Ma non è una preoccupazione fine a sé stessa poiché i giovani italiani sono motivati a far partire il cambiamento: 8 su 10 potrebbero votare o hanno votato per i politici che danno la priorità alla lotta al cambiamento climatico e alla migrazione climatica.

“Bisogna imparare a considerare l’impatto delle nostre scelte sul futuro del pianeta – conclude Dina Taddia – I giovani ci hanno già dimostrato di cosa sono capaci e rappresentano l’ultima generazione che può attivarsi per chiedere un cambio immediato nelle politiche: i dati ci dimostrano che sono consapevoli del fenomeno e pronti a guidare un vero e proprio clima di cambiamento”.

LE ULTIME NOTIZIE

Aperitivo dog friendly, nasce la prima birra per cani made in Italy


Uscire con il proprio amico a quattro zampe per un aperitivo: da oggi si può. Nasce infatti 'Pawse' la prima...
Read More

Venezia, ragazzo trovato morto nel cortile di un hotel in centro


Un ragazzo, un turista dell'Est Europa di 22 anni, è stato trovato morto questa mattina in un cortile dell'hotel Bauer...
Read More
Venezia, ragazzo trovato morto nel cortile di un hotel in centro

Mascherine e plastica, il Covid frena la lotta all’inquinamento


Il biennio 2020-2021 doveva segnare la svolta nella lotta ai rifiuti di plastica ma il Covid ha riacceso la sfida:...
Read More

Marò, India chiude procedimenti (dietro risarcimento) contro Latorre e Girone


La Corte suprema indiana ha chiuso tutti i procedimenti contro Salvatore Latorre e Massimiliano Girone, i due marò accusati di...
Read More
Marò, India chiude procedimenti (dietro risarcimento) contro Latorre e Girone

Green pass scaricabile su sito web e anche su app ‘Immuni’ e ‘Io’


Il 'green pass' potrà essere 'scaricato' via web, attraverso il sito dedicato, ma anche attraverso l'app 'Immuni' e 'Io'. E'...
Read More
Green pass scaricabile su sito web e anche su app ‘Immuni’ e ‘Io’

Assalto a portavalori A1: mezzi in fiamme e chiodi in strada


Poco prima delle ore 20.30 sull’autostrada A1 Milano – Napoli, è stato temporaneamente chiuso il tratto tra Valsamoggia e Modena...
Read More
Assalto a portavalori A1: mezzi in fiamme e chiodi in strada

Vaccino: studio, con 2 dosi forte protezione anche contro variante Delta


Il rischio di ricovero in ospedale dopo essere rimasti contagiati con la variante Delta (indiana) del coronavirus è quasi doppio...
Read More
Vaccino: studio, con 2 dosi forte protezione anche contro variante Delta

AstraZeneca seconda dose, Sileri: “Mix vaccini sicuro”


"In diversi Paesi del mondo, tra cui il Canada e Germania, già si fa il mix mix di vaccini" anti-Covid,...
Read More
AstraZeneca seconda dose, Sileri: “Mix vaccini sicuro”
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends