LiberoReporter

Sars-Cov-2: ecco quali sono le varianti e quale temere di più per non ammalarsi di Covid




Con il passare del tempo, il coronavirus muta per cercare di sopravvivere ai farmaci e ai vaccini, motivo per il quale si deve assolutamente contenere il contagio. Allo stato attuale ecco quali sono le varianti del Sars-Cov-2 inizialmente isolato e quali quelle da temere maggiormente

Variante inglese, variante brasiliana e variante sudafricana di coronavirus Sars-CoV-2. La prima e la seconda arrivate anche in Italia, la terza per ora segnalata in un singolo caso dall’ospedale di Varese dell’Ats Insubria. Ma quali sono i mutanti da temere di più per il loro possibile effetto su contagiosità e gravità dell’infezione, nonché anche sull’efficacia di test diagnostici, farmaci e vaccini contro Covid-19? L’Istituto superiore di sanità fa chiarezza con uno speciale online.

“Al momento – ricorda l’Iss – sono tre le varianti che vengono attentamente monitorate e che prendono il nome dal luogo dove sono state osservate per la prima volta. In tutti e tre i casi il virus presenta delle mutazioni sulla cosiddetta proteina ‘Spike’, che è quella con cui il virus ‘si attacca’ alla cellula”.

Ebbene, “la ‘variante inglese’ (VOC 202012/01) è stata isolata per la prima volta nel settembre 2020 in Gran Bretagna, mentre in Europa il primo caso rilevato risale al 9 novembre 2020. E’ monitorata perché ha una trasmissibilità più elevata”, ed è stata “ipotizzata anche una maggiore patogenicità, ma al momento non sono emerse evidenze di un effetto negativo sull’efficacia dei vaccini”.

“La ‘variante sudafricana’ (501 Y.V2) – prosegue l’Iss – è stata isolata per la prima volta nell’ottobre 2020 in Sud Africa, mentre in Europa il primo caso rilevato risale al 28 dicembre 2020. E’ monitorata perché ha una trasmissibilità più elevata e perché dai primi studi sembra che possa diminuire l’efficacia del vaccino. Si studia se possa causare un maggior numero di reinfezioni in soggetti già guariti da Covid-19”.

Infine, “la ‘variante brasiliana’ (P.1) è stata isolata per la prima volta nel gennaio 2021 in Brasile e Giappone. Alla data del 25 gennaio 2021 è stata segnalata in 8 Paesi, compresa l’Italia. E’ monitorata perché ha una trasmissibilità più elevata e perché dai primi studi sembra che possa diminuire l’efficacia del vaccino. Si studia se possa causare un maggior numero di reinfezioni in soggetti già guariti da Covid-19”.

In Italia “l’analisi delle varianti” di coronavirus Sars-CoV-2 “viene effettuata dai laboratori delle singole Regioni, sotto il coordinamento dell’Iss. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie raccomanda di sequenziare almeno circa 500 campioni selezionati casualmente ogni settimana a livello nazionale”.

Sempre in base a quanto suggerito dall’Ecdc, l’Iss dettaglia le “priorità” da rispettare nella scelta dei campioni da sottoporre a sequenziamento genetico: “Individui vaccinati contro Sars-CoV-2 che successivamente si infettano nonostante una risposta immunitaria al vaccino; contesti ad alto rischio, quali ospedali nei quali vengono ricoverati pazienti immunocompromessi positivi a Sars-CoV-2 per lunghi periodi; casi di reinfezione; individui in arrivo da Paesi con alta incidenza di varianti Sars-CoV-2; aumento dei casi o cambiamento nella trasmissibilità e/o virulenza in un’area; cambiamento nelle performance di strumenti diagnostici o terapie; analisi di cluster, per valutare la catena di trasmissione e/o l’efficacia di strategie di contenimento dell’infezione”.

La comparsa di varianti del patogeno responsabile della pandemia di Covid-19 non è inattesa. “I virus, in particolare quelli a Rna come i coronavirus – spiega infatti l’Iss – evolvono costantemente attraverso mutazioni del loro genoma. Mutazioni del virus Sars-CoV-2 sono state osservate in tutto il mondo fin dall’inizio della pandemia”.

“Mentre la maggior parte delle mutazioni non ha un impatto significativo – precisa l’Istituto – qualcuna può dare al virus alcune caratteristiche come ad esempio un vantaggio selettivo rispetto alle altre attraverso una maggiore trasmissibilità, una maggiore patogenicità con forme più severe di malattia, o la possibilità di aggirare l’immunità precedentemente acquisita da un individuo o per infezione naturale o per vaccinazione. In questi casi diventano motivo di preoccupazione, e devono essere monitorate con attenzione”.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Efficienza energetica e aria compressa, i vantaggi di una corretta manutenzione


L'efficienza energetica rappresenta un'importante leva di crescita a disposizione delle imprese consentendo di intervenire sui costi, recuperare competitività e guardare...
Read More

Progetto Fenix, gioielli in stampa 3D dai vecchi cellulari


Dare nuova vita ai rifiuti elettronici che diventano così materia prima per prodotti eco-compatibili come nuovi filamenti metallici per la...
Read More

Basilicata, successo per vaccino AstraZeneca: code a Potenza


Seconda giornata di vaccinazione in Basilicata con Vaxzervia di Astrazeneca per gli anziani senza fragilità, anche senza prenotazione. Le somministrazioni...
Read More
Basilicata, successo per vaccino AstraZeneca: code a Potenza

Arena Nimes al posto Colosseo: “La Raggi non c’entra” staff sindaca fa mea culpa


Virginia Raggi, il Colosseo e l'Arena di Nimes: arriva la precisazione dello staff della sindaca di Roma sulla gaffe nel...
Read More
Arena Nimes al posto Colosseo: “La Raggi non c’entra” staff sindaca fa mea culpa

Covid: 9.789 contagi e 358 decessi, i dati per regione 12 aprile


Sono 9.789 i contagi da coronavirus in Italia oggi, 12 aprile, secondo i dati Regione per Regione nel bollettino fornito...
Read More
Covid: 9.789 contagi e 358 decessi, i dati per regione 12 aprile

“Settore deve dare risposte a sostenibilità”


''Il settore delle costruzioni deve dare risposte alla sostenibilità e abbassare l'impatto ambientale e digitalizzare passando a lavorare sulle piattaforme....
Read More

Minneapolis: agente che ha ucciso afroamericano “Ho confuso pistola con taser”


L'agente di polizia che ha ucciso un giovane afroamericano a Minneapolis, Daunte Wright di 20 anni, si è confuso tra...
Read More
Minneapolis: agente che ha ucciso afroamericano “Ho confuso pistola con taser”

“Più investimenti in infrastrutture, ma con nuovo piano integrato”


L’emergenza pandemica ha evidenziato ulteriormente l’importanza di avere infrastrutture efficienti. È quanto emerge anche dalla nuova indagine EY-Swg che ha...
Read More
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends