LiberoReporter

Coronavirus: l’Iran tace, decimate Guardie Rivoluzionarie da virus

L’ultimo in ordine di tempo è Hossein Asadollahi, un importante comandante delle Guardie rivoluzionarie iraniane, che è morto di coronavirus, anche se la stampa del regime degli Ayatollah, imputano la morte del comandante a “lesioni chimiche” dovute alla guerra con l’Iraq (combattuta tra il 1980 e il 1988). Sono circa una 200 i miliziani iraniani e altrettanti membri dello “Stato Maggiore” del clero a essere stati spazzati via dal Coronavirus e chissà quanti altri risultano al momento infettati.

Il ruolo di Asadollahi

Asadollahi si occupava in particolare della fornitura di armi e missili agli alleati libanesi Hezbollah e alle forze leali al presidente siriano Bashar al-Assad. Li dove non è stato possibile colpire con le armi, il coronavirus sta cambiando le carte in gioco, in un medio oriente che potrebbe mutare radicalmente dopo questa ondata virulenta.

I dati dei morti da Coronavirus… Reali e imposti

Secondo il Ministero della Salute iraniano, nelle ultime 24 ore sono morte 129 persone in Iran a causa del coronavirus, portando il numero dei morti a 1.685, ma da fonti interne che non sono sotto il controllo di Teheran, i morti sarebbero molti di più addirittura quasi 9000 deceduti.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends