Connect with us

Published

on

Un cittadino su quattro pronto ad abbandonare l’auto privata per i mezzi pubblici, se comodi e puntuali. E’ uno dei risultati del sondaggio Ipsos-Legambiente ‘Tipi mobili nelle città italiane’, promosso in collaborazione con Unrae, nell’ambito della Clean Cities Campaign. L’indagine ha analizzato le abitudini di mobilità su scala nazionale con un focus sulle grandi città di Roma, Napoli, Firenze, Milano e Torino. Dai risultati emerge, in sintesi, che i comportamenti degli italiani sulla mobilità sono molto variegati e segmentati e ognuno di essi richiede una risposta diversa.

In particolare, una fetta consistente del campione nazionale, il 23%, è rappresentato dagli ‘aperti al pubblico‘, ovvero da coloro che userebbero di più i mezzi pubblici e condivisi a fronte di un potenziamento dei servizi e una diminuzione dei costi. A Milano sono il 25%, a Napoli il 24%, a Torino il 23%, a Firenze il 18%, a Roma il 16%. Il 19% del campione nazionale è, invece, rappresentato dagli ‘obbligati ma insoddisfatti‘, che preferiscono camminare o andare in bicicletta perché conviene. Sono disposti a rinunciare del tutto all’auto di proprietà, a fronte di una maggiore sicurezza stradale e un potenziamento dei servizi sharing. Questo gruppo è cresciuto dopo il lockdown e vive soprattutto nelle grandi città, come Roma (27%) e Torino (25%), seguita da Napoli (22%) e Milano (22%) e Firenze (19%).

Tra coloro che si muovono tanto (oltre un’ora al giorno in viaggio) nelle periferie e nei piccoli centri prevalgono gli ‘Irriducibili individualisti – mai fermi ma incollati al volante’ (14% del campione) che a Milano si dimezzano in favore degli ‘attenti per scelta – multimobili e multimodali‘, ovvero chi usa in modo prevalente bici, metropolitana e i servizi di sharing (il 13% dei milanesi).

“I dati emersi dalla campagna e dal sondaggio sono chiari: i cittadini sono disposti a cambiare il loro modo di muoversi, ma il trasporto pubblico in Italia è molto al di sotto della media europea, con soltanto un quarto delle metropolitane, treni veloci, linee tranviarie e autobus elettrici rispetto agli altri paesi – commenta Andrea Poggio, responsabile mobilità di Legambiente – Per rendere le città veramente sostenibili e inclusive, occorre adottare politiche che rendano i quartieri e le città più accessibili in bici e con mezzi elettrici condivisi (con zone a basse emissioni e a pedaggio per le auto private) adottando le nudge policies (o spinte gentili) attraverso incentivi economici, abbonamenti e miglioramenti dei servizi. Queste misure devono andare di pari passo, poiché l’esperienza di tutte le città del mondo dimostra che senza l’una, l’altra non può funzionare”.

Per trasformare le città italiane in vere ‘clean cities’, secondo il Cigno Verde bisogna dunque “disegnare percorsi prioritari ciclo-pedonali, incrementare i mezzi pubblici, creare zone scolastiche, aumentare i servizi e le infrastrutture di mobilità elettrica e condivisa, progettare zone cittadine a ‘zero emissioni’, anche per la distribuzione delle merci”.

LE ULTIME NOTIZIE

Putin minaccia la NATO e l’Europa: avvertimenti sul conflitto in Ucraina
Il presidente russo Vladimir Putin mette in guardia l'Occidente riguardo alle implicazioni di un coinvolgimento più profondo in Ucraina Vladimir...
Read More
Tre condanne per violenza sessuale di gruppo su Campionessa Olimpionica
Il gup di Roma infligge pene di 5 anni e 4 mesi a tre calciatori sardi per l'aggressione avvenuta nel...
Read More
Borrell (Ue): “Ucraina Ha Diritto di Difendersi Colpendo la Russia”
L'Alto Rappresentante dell'Ue sostiene l'uso di armi europee sul territorio russo, suscitando reazioni contrastanti in Italia L'Ucraina ha il "diritto...
Read More
Pronto soccorso 2023: attesa media “mostruosa”, tempo permanenza 31 ore
I dati dell'Osservatorio Simeu rivelano un aumento del 25% dei tempi di attesa in pronto soccorso rispetto al 2019 e...
Read More
Gallo di Petriano (PU): operaio muore schiacciato da un macchinario
In un'azienda di componenti per mobili, un giovane di 33 anni perde la vita in un tragico incidente. indagini in...
Read More
Meloni inaugura centro sportivo Delphinia a Caivano
Il premier visita il luogo simbolo delle violenze sui minori, accompagnata da don Patriciello e dal vescovo Spinillo Parole chiave:...
Read More
Torino, fermato 29enne marocchino per terrorismo: è membro dell’ISIS
Elmandi Halili, già noto per la propaganda jihadista in italiano, è stato fermato dalla polizia dopo un'indagine della Digos torinese...
Read More
Nuove Regole per gli Autovelox: Decreto del MIT Diventa Legge
Stop agli Autovelox Selvaggi: misure più severe per prevenire abusi e garantire la sicurezza stradale. Il decreto non sana la...
Read More


(AdnKronos)


Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza