Connect with us

Published

on

L’Economia Circolare e la Transizione Ecologica

L’argomento dell’economia circolare è al centro delle discussioni in quanto fondamentale per la transizione ecologica e la sostenibilità ambientale. Negli ultimi anni, concetti come il riciclo, il riuso e il ricondizionamento non sono solo concetti teorici, ma azioni tangibili adottate sempre più frequentemente da imprese e cittadini consapevoli. L’applicazione dei principi di economia circolare si traduce nell’estensione del ciclo di vita dei prodotti, portando non solo a un risparmio economico, ma anche alla significativa riduzione della produzione di rifiuti.

Sfide e Obiettivi

L’adozione pratica di questi principi ha portato a un risparmio economico significativo. Nel 2022, in Italia, è stato stimato un risparmio di 1,2 miliardi di euro, una cifra notevole ma ancora lontana dall’obiettivo del 2030. L’attuale risparmio di 15,6 miliardi di euro rappresenta solo il 15% dell’obiettivo totale di 103 miliardi da raggiungere entro il 2030. Ciò implica la necessità di risparmiare 11 miliardi all’anno fino al 2030, incrementando di dieci volte lo sforzo prodotto nell’ultimo anno.

Cause del Ritardo e Aspetti Positivi

Secondo il Circular Economy Report 2023 dell’Energy&Strategy della School of Management del Politecnico di Milano, le cause di questo ritardo includono la mancanza di investimenti privati nell’economia circolare rispetto ad altri grandi Paesi dell’UE. Sebbene l’Italia mostri una buona capacità di riciclo dei rifiuti, ciò risulta insufficiente rispetto al quadro complessivo che incoraggia sempre più il riuso rispetto al semplice riciclo. Tuttavia, emergono alcuni aspetti positivi nel Report, come il secondo posto dell’Italia per numero di brevetti legati all’economia circolare e l’esistenza di 210 startup circolari che hanno raccolto finanziamenti pari a 122,7 milioni di euro.

Il 70% delle aziende italiane muove i primi passi

Che il nostro Paese sia piuttosto indietro rispetto agli obiettivi 2030 di economia circolare non lo dicono solo i dati sul risparmio economico sopra citati. Il Report di PoliMi, effettuato su imprese dei 7 principali settori produttivi, segnala che il 59% delle grandi aziende ha adottato almeno un pratica di economia circolare, ma solo il 29% di quelle piccole e, tra queste, in un anno sono aumentate dal 38% al 47% quelle che non intendono fare investimenti in economia circolare. Se parliamo poi di transizione verso l’economia circolare, solo il 2% delle aziende dichiara di averla completata e il 70% sta muovendo i primi passi. Sui dati pesano gli investimenti ancora troppo contenuti, in oltre la metà dei casi inferiori a 50 mila euro. Tra gli altri ostacoli allo sviluppo di pratiche di economia circolare, le aziende indicano gli elevati costi di investimento, l’incertezza della normativa del settore e la mancanza di incentivi.

I settori più e meno virtuosiSi discute tanto di economia circolare e dei suoi fondamenti come uno dei fattori principali della transizione ecologica e dell’ecosostenibilità. In realtà, in questi ultimi anni riciclo, riuso, ricondizionamento non sono solo parole sulla bocca di molti, ma azioni virtuose messe in atto da un numero crescente di imprese e di cittadini. Applicare i principi di economia circolare, in sintesi, significa prolungare il ciclo di vita dei prodotti, il che si traduce anche in risparmio economico, oltre che naturalmente nella riduzione della quantità di rifiuti di ogni genere. Risparmio che, solo nel 2022 in Italia, è stato quantificato in 1,2 miliardi di euro. Una cifra considerevole in assoluto, ma non abbastanza rispetto a quanto fissato per il 2030. Attualmente, con 15,6 miliardi di euro complessivamente risparmiati a seguito di pratiche di economia circolare, infatti, siamo solo al 15% dell’obiettivo di complessivi 103 miliardi da raggiungere entro il 2030. Il che significa, che per riuscire ad arrivare al traguardo, dovremmo risparmiare 11 miliardi all’anno da qui al 2030, decuplicando lo sforzo prodotto nell’ultimo anno. Sono alcuni dei dati emersi dal Circular Economy Report 2023 elaborato dall’Energy&Strategy della School of Management del Politecnico di Milano. Quali sono le cause di questo ritardo? Il Report indica soprattutto la scarsità di investimenti privati in economia circolare rispetto agli altri grandi Paesi dell’UE. Per contro, nel nostro Paese si evidenzia una elevata capacità di riciclare i rifiuti, ma del tutto insufficiente rispetto al quadro generale che suggerisce sempre più la strada del riuso rispetto al riciclo. Qualche spunto positivo però emerge nel Report. L’Italia risulta seconda per numeri di brevetti relativi all’economia circolare e sono ben 210 le startup circolari che hanno raccolto finanziamenti pari a 122,7 milioni di euro.

Il 70% delle aziende italiane muove i primi passi

Che il nostro Paese sia piuttosto indietro rispetto agli obiettivi 2030 di economia circolare non lo dicono solo i dati sul risparmio economico sopra citati. Il Report di PoliMi, effettuato su imprese dei 7 principali settori produttivi, segnala che il 59% delle grandi aziende ha adottato almeno un pratica di economia circolare, ma solo il 29% di quelle piccole e, tra queste, in un anno sono aumentate dal 38% al 47% quelle che non intendono fare investimenti in economia circolare. Se parliamo poi di transizione verso l’economia circolare, solo il 2% delle aziende dichiara di averla completata e il 70% sta muovendo i primi passi. Sui dati pesano gli investimenti ancora troppo contenuti, in oltre la metà dei casi inferiori a 50 mila euro. Tra gli altri ostacoli allo sviluppo di pratiche di economia circolare, le aziende indicano gli elevati costi di investimento, l’incertezza della normativa del settore e la mancanza di incentivi.

I settori più e meno virtuosi

Entrando nel dettaglio dei singoli settori produttivi, il più virtuoso è quello delle Costruzioni dove il 61% delle aziende ha adottato almeno una pratica di economia circolare, seguito dall’Impiantistica industriale con il 48%, terzo il Food&Beverage con il 41%. Al contrario, i settori meno propensi all’economia circolare sono quello del Mobile e Arredamento con solo il 20% di imprese che ha adottato almeno una pratica, seguito dall’Automotive con il 25% e dall’Elettronica di consumo con il 33%. Si segnalano anche aziende che non hanno avviato alcuna pratica di economia circolare e non hanno intenzione di adottarla per il prossimo futuro: in particolare il 60% delle aziende del settore Automotive, il 52% del Mobile e Arredamento, il 45% del Tessile.

LE ULTIME NOTIZIE

Smentita relazione Ferragni-Trussardi: polemiche online tra le parti
Nessuna relazione o conoscenza speciale lega Chiara Ferragni e Tomaso Trussardi, secondo il team Ferragni. La risposta arriva dopo voci...
Read More
Elezioni Regionali in Sardegna: Inizia lo Spoglio, Affluenza al 52,4%
Questa mattina sono iniziate le operazioni di spoglio delle schede nelle 1.884 sezioni distribuite nei 377 Comuni della Sardegna, in...
Read More
Ipotesi morte Navalny: capo dell’Intelligence ucraina, “Coagulo di Sangue”
Kyrylo Budanov, capo dell'intelligence militare ucraina, aggiunge un'ulteriore ipotesi sulla morte di Alexei Navalny, definendola una "morte naturale" causata da...
Read More
Accademia Crusca: Allarme per progressiva eliminazione italiano da insegnamento universitario
L'Accademia della Crusca esprime profonda preoccupazione per la graduale scomparsa dell'italiano dall'ambito dell'insegnamento universitario, evidenziando rischi per la lingua come...
Read More
Attacco Burkina Faso: almeno 15 morti durante messa chiesa cattolica
Un brutale attacco terroristico ha colpito una chiesa cattolica a Essakane, Burkina Faso, durante la celebrazione della messa, causando almeno...
Read More
Serie A 2023-2024: vittorie per Inter e Juve ok, pareggi per Milan e Napoli
Milan e Atalanta pareggiano 1-1: Leao e Koopmeiners i marcatori Nel match della 26ª giornata della Serie A 2023-2024, Milan...
Read More
Strage in Etiopia: 4 sacerdoti ortodossi uccisi in un attacco barbaro
Il monastero di Zequala, sito a soli 50 km da Addis Abeba, è stato teatro di un violento agguato che...
Read More
Smentita relazione Ferragni-Trussardi: “Nessun Legame, Nemmeno una Conoscenza Particolare”
Team di Chiara Ferragni smentisce voci su una relazione tra l'influencer e Tomaso Trussardi Il team di Chiara Ferragni smentisce...
Read More

(AdnKronos)

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza