Connect with us

Primo Piano

Ucraina, Pomerantsev (JHU): “Obiettivo Russia è spaccare l’Alleanza”




La propaganda della Russia è passata al contrattacco“. E’ quanto ha detto Peter Pomerantsev, analista di origini ucraine alla Johns Hopkins University in un seminario, organizzato dalle ambasciate di Ucraina e Stati Uniti. “La narrativa, basata sulle colpe dell’Occidente e sulle ambizioni coloniali degli Stati Uniti in Est Europa, che hanno costretto la Russia ad agire sta andando molto bene”, ha spiegato.

“La priorità di Mosca ora è quella di spaccare l’Alleanza e la sua determinazione per le sanzioni. Italia, Francia e Germania stanno tutti rompendo i ranghi”, ha affermato l’analista, citando anche il recente commento del New York Times in cui sollecitava Kiev a fare concessioni territoriali a Mosca, “moralmente dubbio e strategicamente cieco, ma che deve essere considerato seriamente”.

“Il problema è che facciamo fatica a vedere la fine del gioco e a definire una nuova architettura di sicurezza, siamo talmente paralizzati da una mancanza di visione strategica che rischiamo di voler tornare alla normalità, senza capire che il normale non c’è più”. A fronte di questo obiettivo del Cremlino, sostiene, l’Occidente non ha messo a punto un messaggio per sostenere le sanzioni: “I governi hanno fallito completamente nel creare una infrastruttura comunicativa. E invece dobbiamo davvero trovare il modo per competere con il Cremlino (o con la Cina)”.

E la propaganda interna funziona? In Russia circa il 30 per cento delle persone sono in favore della guerra e il 30 per cento contro, “una cifra quest’ultima che non è per niente in crescita”, spiega Pomerantsev, sottolineando che “esistono molti modi per misurare i sentimenti dell’opinione pubblica anche senza le domande dirette dei sondaggi”. Fra questi due poli, ci sono posizioni molto diverse, sostegno alla guerra con molti dubbi, contro la guerra ma con paura di parlare, ma si tratta complessivamente di persone con emozioni negative, di depressione o rabbia. ” Al di là delle percentuali, conta che la “temperatura del sostegno, che è molto tiepida”. “Non siamo nel 2014, quando si è assistito a una genuina ondata patriottica nella società”.

Il tema dell’Ucraina nazista non ha preso piede ed “è quasi scomparso dai media e dall’Internet russo. La maggioranza dei russi non ha capito cosa significasse denazificazione, “non riesce neanche a pronunciare denazificazione”. “Il messaggio del Cremlino su questo ha fallito”. Mentre invece “funziona molto bene” l’umiliazione subita dalla Russia, il risentimento nei confronti dell’Occidente, che si rispecchia nel senso di umiliazione che i russi sentono ogni giorno. “La propaganda più potente risponde a necessità emotive”.

La società russa, che può informarsi più facilmente che non durante la Guerra fredda, non sembra aver molta voglia di farlo e di apprendere cose orribili sul proprio Paese. L’Occidente ha come obiettivo, quando si tratta di informare, chi già ne condivide le posizione quando invece la sfida invece è quella di raggiungere la popolazione generale, di superare la ‘knowledge resistance’ che esiste in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti.

Il problema, quindi, è che in Occidente non ha articolato una strategia su come creare un ambiente informativo basato su principi democratici, a fronte della Cina, dove, come si dice il 5G ha sostituito il Piano quinquennale, e ha una politica molto attiva sulla gestione dei dati. La Russia, che con la Cina ha una agenda globale comune con la narrativa comune sull’Occidente fonte di tutti i mali, è meno sofisticata tecnologicamente.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Come ridurre l’impatto sull’ambiente da parte dei tre settori chiave edilizia, trasporti e infrastrutture? Per Cobat, la risposta resta l’economia...
Read More
Il numero di balene impigliate negli attrezzi da pesca è diminuito di recente, ma le reti continuano a rappresentare una...
Read More
Bollette Gas e Luce: Consiglio Ministri vara nuove misure anti rincari, di cosa si tratta
Bollette di luce e gas e rincari, il Consiglio dei ministri ha approvato in maniera definitiva un decreto-legge che introduce...
Read More
Strage Viareggio, appello bis: 13 condanne e 3 assoluzioni
Si è concluso con 13 condanne e 3 assoluzioni il processo di appello bis per la strage ferroviaria di Viareggio...
Read More
L'industria eolica offshore mondiale ha registrato un anno record nel 2021 in termini di nuova capacità installata, ma, nonostante questo,...
Read More
Il Consiglio dei Ministri dell'Ambiente dei Paesi UE ha dato il via libera al blocco delle vendite di auto nuove...
Read More
La pandemia, la crisi economica e ora la guerra spingono gli italiani verso consumi più sostenibili. Rispetto a un anno...
Read More
Le città stanno affrontando una transizione radicale verso nuovi modelli che includono la ridefinizione di spazi e tempi urbani, oltre...
Read More

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends