LiberoReporter

Giornata mondiale dell’Ambiente, da Nespresso un sacchetto di compost che nasce dal caffè

Nespresso, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente che si celebra il 5 giugno, rinnova l’iniziativa volta a sensibilizzare i clienti sull’impegno per la creazione di una tazzina di caffè ad impatto positivo: a partire dal 7 giugno, infatti, a chi consegnerà le capsule esauste nelle 57 Boutique dove è attivo il servizio di raccolta in tutta Italia, Nespresso donerà un sacchetto di compost, nato dal caffè esausto, da 1kg.


Parte integrante del programma ‘Nespresso per l’Italia’, attraverso il quale l’azienda attiva nella produzione di caffè porzionato si impegna nella salvaguardia dell’ambiente, del patrimonio artistico, delle persone e di tutto ciò che rende unico il nostro Paese, l’iniziativa di distribuzione del compost vuole ribadire l’importanza della partecipazione attiva dei consumatori al riciclo delle capsule esauste di Nespresso e vede un impegno sempre maggiore da parte dell’azienda.

Quest’anno saranno infatti 45.000 i sacchetti di compost che, fino a esaurimento scorte, verranno consegnati a chi riporterà le capsule esauste nelle Boutique con servizio recycling attivo, il 50% in più rispetto allo scorso anno e con un obiettivo quindi di maggior coinvolgimento e sensibilizzazione sul tema.

Ma quali sono state le province che si sono dimostrate più virtuose nel 2020, ricevendo più sacchetti di compost grazie alla consegna delle capsule in Boutique? Al primo posto Parma, che lo scorso anno, durante la seconda edizione della campagna, ha dimostrato la maggior frequenza di compost distribuito ai consumatori in città, segnando quindi il punteggio più alto. Sul podio anche le province di Forlì-Cesena e Palermo, rispettivamente al secondo e terzo posto. Ecco la classica completa delle province più attive: 1. Parma, 2. Forlì-Cesena, 3. Palermo, 4. Roma, 5. Padova, 6. Napoli, 7. Genova, 8. Modena, 9. Trieste, 10. Torino.

Grazie al programma ‘Da Chicco a Chicco’, poi, le capsule esauste di caffè si trasformano in nuove risorse, attraverso un progetto di Economia Circolare che consente al caffè esausto di diventare compost utilizzato per la coltivazione in una risaia in Italia in provincia di Novara. Il riso prodotto viene riacquistato da Nespresso e successivamente donato a Banco Alimentare della Lombardia e Banco Alimentare del Lazio. Un circolo virtuoso che vede protagonisti i consumatori che, riconsegnando le proprie capsule esauste nei 128 punti di raccolta in 73 città italiane, possono partecipare attivamente al progetto da 10 anni.

Per il riciclo delle casule, Nespresso fornisce sia nei propri punti vendita che attraverso gli ordini provenienti dal sito nespresso.com una recycling bag in omaggio, un sacchetto all’interno della quale è possibile conservare fino a 200 capsule usate, da riportare poi in Boutique o presso le isole ecologiche distribuite su tutto il territorio nazionale.

Il progetto ‘Da Chicco a Chicco’, avviato grazie a una convenzione con Cial (Consorzio Nazionale Imballaggi Alluminio), Utilitalia e Cic (Consorzio Italiano Compostatori), consente alle capsule esauste, una volta raccolte, di essere trattate con un sistema che permette di separare i residui di caffè e l’alluminio. L’alluminio, riciclabile al 100%, viene destinato alle fonderie per avviare il processo di riciclo che lo trasformerà in nuovi oggetti come penne, biciclette, coltellini. Il caffè, invece, viene trasformato in compost e utilizzato nella risaia.

“Attraverso questa iniziativa vogliamo da un lato premiare chi già partecipa al nostro programma di economia circolare per il recupero delle capsule esauste e dall’altro continuare a sensibilizzare i nostri consumatori sull’importanza del riciclo delle capsule, non solo per tutelare l’ambiente, ma anche per il valore sociale che il progetto ‘Da Chicco a Chicco’ rappresenta – afferma Chiara Murano, Sustainability Safety Health Environmental Manager di Nespresso Italiana – Ci impegniamo concretamente per garantire una gestione responsabile della capsula del caffè, dalla scelta del materiale al suo riutilizzo, perché crediamo fortemente nell’importanza della salvaguardia del patrimonio ambientale e del supporto alla comunità nella quale operiamo, a cui è dedicato il nostro programma ‘Nespresso per l’Italia’ e le iniziative che ne fanno parte come questa”.

LE ULTIME NOTIZIE

Carburanti, prezzi in rialzo per benzina e diesel


Continuano a salire i prezzi di benzina e diesel praticati sulla rete carburanti nazionale. Fermi i listini dei prezzi consigliati...
Read More
Carburanti, prezzi in rialzo per benzina e diesel

Morte Luana D’Orazio, decodificata scatola nera orditoio


Sono arrivati a Prato dalla Germania i codici decifrati dalla Karl Meyer, la casa costruttrice dell'orditoio killer che ha stritolato...
Read More
Morte Luana D’Orazio, decodificata scatola nera orditoio

Spagna, dal 26 giugno stop mascherine all’aperto


Da sabato in Spagna non dovranno più essere indossate le mascherine all'aperto, se non quando non è possibile mantenere una...
Read More
Spagna, dal 26 giugno stop mascherine all’aperto

Ricciardi, “Autunno temibile per i non vaccinati”


"L'autunno sarà temibile per i non vaccinati, non tanto per la collettività che potrà contare su una popolazione vaccinata e...
Read More
Ricciardi, “Autunno temibile per i non vaccinati”

Uefa, da stagione prossima via regola del gol in trasferta


La Uefa abolisce la regola dei gol in trasferta, che verrà eliminata nelle Coppe dalla stagione 2021-2022. In caso di...
Read More
Uefa, da stagione prossima via regola del gol in trasferta

Diversity Manager, 5 punti chiave per aumentare l’inclusione nelle aziende


Rendere il posto di lavoro un luogo inclusivo, accogliente, privo di barriere legate al genere, alla cultura, all'etnia, all’orientamento sessuale,...
Read More

Italiana travolta e uccisa da monopattino a Parigi, fermate 2 infermiere


Sarebbero due infermiere 25enni le giovani fermate a Parigi in relazione all'incidente mortale di dieci giorni fa, quando con il...
Read More
Italiana travolta e uccisa da monopattino a Parigi, fermate 2 infermiere

Notte in ospedale per il piccolo Nicola: ora è a casa. Si indaga su punti oscuri


Dopo due notti passate a girovagare nei boschi dell'Alto Mugello, nell'appennino tosco-emiliano, Nicola Tanturli, il bimbo di 21 mesi di...
Read More
Notte in ospedale per il piccolo Nicola: ora è a casa. Si indaga su punti oscuri
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends