LiberoReporter

Lavaggi in lavatrice, poco ‘eco’ per due terzi degli europei

Lavatrici: abitudini dure morire e non al passo con le questioni climatiche e le capacità delle apparecchiature moderne. Quasi 6 persone su 10 (59%) fanno il bucato in modo automatico, senza pensarci sopra, e dichiarano di farlo come gli è stato insegnato dalle precedenti generazioni e circa due terzi degli europei (63%) lava ancora a 40°C o più, nonostante da più di 10 anni si incoraggi a lavare a 30°C o meno.


Eppure, riducendo la temperatura di lavaggio da 40°C a 30°C, si risparmierebbe in un anno l’equivalente di 27 kg di CO2 per elettrodomestico. In Europa questo equivarrebbe al risparmio di 4,9 milioni di tonnellate di CO2 e sarebbe come togliere dalle strade più di un milione di auto. Se anche il 15% di coloro che in Europa lavano regolarmente i loro capi a 50°C o più cambiasse le proprie abitudini, il risparmio totale di CO2 corrisponderebbe a 6 milioni di tonnellate all’anno.

E’ quanto emerge da “The Truth About Laundry – La Verità sul Lavaggio”, il più grande studio europeo sulle abitudini di lavaggio realizzato da Electrolux coinvolgendo 12.000 persone.

Le donne preferiscono lavare a 40°C rispetto agli uomini (50% vs 45%), mentre gli uomini preferiscono lavare a 60°C (13% vs 8%). In Europa, il 45% delle persone tra i 18 e i 34 anni lava i propri capi a 30°C mentre questa percentuale scende al 31% tra i 45 e i 54 anni e al 28% oltre i 55 anni. In merito alle ragioni per cui molte persone non scelgono di lavare a temperature più basse, quasi metà degli intervistati (47%) dichiara di non essere sicuro che il bucato venga pulito, il 39% esprime particolari dubbi sul fatto che l’acqua fredda possa rimuovere le macchie e il 21% dice di farlo per abitudine.

Le abitudini nel fare il bucato potrebbero essere anche la spiegazione del perché oltre metà degli intervistati (53%) non è a conoscenza del collegamento tra lavare ad alte temperature e far durare più a lungo i propri capi. La ragione per cui questo è importante, secondo la ricerca, è che l’elemento chiave per far cambiare le abitudini di lavaggio, per il benessere del pianeta, potrebbe risiedere nell’orientare la conversazione sulla moda.

“Quello che il nostro report mostra – spiega Vanessa Butani, director of Sustainability, Electrolux Europe – è che le persone si prendono cura dei propri capi e la maggior parte di loro riconosce che ci sono dei benefici ambientali nel farli durare più a lungo. Se possiamo educare e incoraggiare le persone a fare un piccolo ma significativo passo avanti aggiornando il modo di fare il bucato, i risparmi sarebbero significativi. Risparmi per le persone in quanto utilizzerebbero di più i loro capi e avrebbero più denaro per acquistarli. Risparmi per quanto riguarda la loro impronta ambientale. E ancora, più importante per tutti, se uniamo le forze, i milioni di tonnellate di CO2 risparmiati al pianeta in quella che è la più grande sfida per la vita”.

LE ULTIME NOTIZIE

Euro 2020, Olanda agli ottavi: Austria sconfitta 2-0


L'Olanda vola agli ottavi di Euro 2020 battendo l'Austria per 2-0. Gli Oranje archiviano il match della seconda giornata del...
Read More
Euro 2020, Olanda agli ottavi: Austria sconfitta 2-0

Euro 2020, Belgio batte Danimarca 2-1 e vola agli ottavi


Il Belgio batte la Danimarca per 2-1 e stacca il pass per gli ottavi di finale di Euro 2020. I...
Read More
Euro 2020, Belgio batte Danimarca 2-1 e vola agli ottavi

Impatto covid su vita dei pet, 8 tendenze e 6 nuove sfide


Nell'alimentazione di cani e gatti cresce la domanda di proteine alternative, di prodotti personalizzati e di trasparenza degli ingredienti. Sono...
Read More

Future Health Index, professionisti Italia ottimisti ma attenti a futuro


Dopo un anno e mezzo estremamente complesso, che li ha visti e li vede ancora impegnati nella terribile sfida alla...
Read More

“La scienza oggi ha bisogno delle donne, al G20 tema Stem”


“La scienza, il mondo della ricerca ha bisogno oggi delle donne”. Lo afferma la ministra per le Pari Opportunità e...
Read More
“La scienza oggi ha bisogno delle donne, al G20 tema Stem”

“Donne ancora penalizzate nell’accesso alla carriera”


I dati sulla disuguaglianza di genere nella ricerca e nelle discipline Stem "ci dicono non siamo molto migliorati negli ultimi...
Read More
“Donne ancora penalizzate nell’accesso alla carriera”

Ricerca, le donne rappresentano solo un terzo dei ricercatori mondiali


Le donne rappresentano ancora una minoranza nell’ambito della ricerca scientifica, costituendo circa un terzo dei ricercatori a livello mondiale. A...
Read More

L’Oréal Italia e Unesco premiano 6 giovani ricercatrici


Promuovere e incoraggiare la ricerca italiana in rosa. Con questo obiettivo L’Oréal Italia e Unesco hanno lanciato il premio 'Per...
Read More
L’Oréal Italia e Unesco premiano 6 giovani ricercatrici
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends