Connect with us

Published

on

I danni all’ambiente rappresentano una grave minaccia per le risorse naturali, la salute pubblica e l’economia. Ogni anno in Italia si verificano oltre 1.000 casi di danni ambientali e, in quasi il 70% dei casi, la causa è attribuibile alla scarsa manutenzione (52%) e all’errore umano (17,1%). Tuttavia, è possibile ridurre significativamente questi danni intervenendo sulle principali cause, identificate da un rapporto redatto da Pool Ambiente, consorzio di coriassicurazione con expertise nel campo dei rischi ambientali e dei sinistri.

Secondo il rapporto “Riscrivere le priorità per la tutela dell’ambiente e della nostra salute”, danni e impatti si possono ridurre intervenendo su scarsa manutenzione, in primis la corrosione delle vasche interrate, e su errore umano, che rappresentano le principali cause di questi danni ma anche le due aree in cui è più facile intervenire per ridurre drasticamente il numero e la gravità degli incidenti.

Con l’adozione della prassi volontaria PdR UNI 107:2021, nata grazie al contributo di Pool Ambiente, è possibile ridurre fino al 73% il numero dei casi di danno all’ambiente. Le principali fonti di danni ambientali includono serbatoi, vasche e condutture interrate (40,5%), seguiti dalle aree d’impianto, deposito e movimentazione (22,8%), da incendi, scoppio o esplosione (10,1%) e dai reflui industriali (9,9%).

La responsabilità ambientale e le imprese italiane

La scarsa presa di coscienza delle imprese italiane sull’importanza della copertura assicurativa per i danni all’ambiente è un problema critico, come evidenziato dal report del Pool Ambiente. Solo lo 0,45% delle imprese ha sottoscritto una polizza di questo tipo (secondo i dati ANIA – Associazione Nazionale per le Imprese Assicuratrici), esponendosi così a rischi finanziari significativi in caso di incidenti ambientali.

Un’organizzazione priva di una polizza assicurativa per i danni all’ambiente rischia seriamente il fallimento. Le spese di interventi d’emergenza e di ripristino possono raggiungere cifre elevate, talvolta anche di diversi milioni di euro, mettendo a dura prova la stabilità finanziaria dell’impresa; anche una sola contaminazione ambientale può essere sufficiente a causare il fallimento di aziende solide e ben strutturate che non sono protette da una copertura assicurativa adeguata.

Oltre al danno economico per le imprese stesse, c’è da considerare il peso aggiuntivo per i contribuenti. Se un’impresa fallisce, le spese di bonifica e ripristino spesso ricadono sullo Stato e/o sulla Regione, generando un costo sociale significativo. In molti casi, gli interventi di bonifica vengono posticipati per anni a causa della mancanza di fondi disponibili, creando un impatto duraturo sul tessuto urbano e sulla qualità della vita delle persone nelle aree inquinate.

Questo ciclo di eventi negativi può anche portare a gravi conseguenze sulla salute pubblica, con un aumento del rischio di sviluppare gravi patologie nella popolazione esposta all’inquinamento ambientale. È quindi fondamentale che le imprese comprendano l’importanza di dotarsi di una copertura assicurativa completa per i danni all’ambiente, non solo per proteggere se stesse, ma anche per preservare la salute pubblica e il benessere delle comunità in cui operano.

Assicurazione contro eventi catastrofali

“La prevenzione è il modo più efficace ed economico per limitare i danni all’ambiente” dichiara Lisa Casali, manager di Pool Ambiente, appoggiata dall’On. Maria Chiara Gadda, vicepresidente della XIII Commissione Agricoltura, che sottolinea l’importanza di supportare e accompagnare le imprese nella transizione sostenibile: “Confido che la Proposta di Legge n. 445, depositata a mia prima firma alla Camera a maggio 2023, venga presto calendarizzata per aprire un dibattito in parlamento e nel Paese. Bisogna incentivare i comportamenti virtuosi delle imprese volti a rendere più complete ed efficaci le politiche ambientali di prevenzione a tutela delle risorse naturali, della sicurezza e della salute dei cittadini”. “Occorre, per questo, – spiega l’On. Gadda- riconoscere incentivi e vantaggi economici alle aziende che sottoscrivono una polizza ambientale e s’impegnano concretamente nella gestione dei rischi derivanti dai danni ambientali”.

L’obiettivo di promuovere iniziative concrete sulla cultura assicurativa del rischio ambientale è condiviso sia dall’ANIA che dall’AIBA (Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni). Entrambe hanno contribuito, insieme ad altre associazioni e istituzioni come l’ISPA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e Cineas, alla stesura del rapporto Pool Ambiente 2024.

La diffusione delle polizze assicurative per i rischi catastrofali ambientali è una priorità per il settore assicurativo, secondo Umberto Guidoni, Co-Direttore Generale ANIA. L’ANIA promuove da anni l’introduzione di uno schema assicurativo nazionale basato su una partnership pubblico-privato per colmare il gap di protezione assicurativa per eventi come terremoti e alluvioni. Per il presidente di AIBA, Flavio Sestilli, “l’attenzione ai potenziali danni ambientali deve diventare un elemento cardine della condotta delle imprese, per le quali l’incorporazione dei criteri ESG, costituirà nel prossimo futuro un fattore fondamentale di competitività e attrattività sui mercati”.

Guida pratica per le imprese

A tutela dell’ambiente e della salute delle persone ecco, in conclusione, un decalogo, suggerito da Pool Ambiente, con gli interventi prioritari da parte delle imprese:

  1. Identificazione delle potenziali sorgenti di rischio e degli scenari di danno all’ambiente.
  2. Manutenzione ordinaria e straordinaria di impianti e dispositivi conformemente alle indicazioni del costruttore e alle best practice di settore.
  3. Introduzione di procedure per il rispetto di raccomandazioni e linee guida del settore, anche riguardo alle sostanze non normate utilizzate o prodotte.
  4. Conversione/sostituzione ad elemento doppia parete con controllo continuo delle perdite per gli elementi monoparete interrati o direttamente appoggiati al terreno.
  5. Previsione di un bacino di contenimento adeguatamente dimensionato e impermeabilizzato per gli elementi fuori terra.
  6. Adozione di misure per evitare o contenere sversamenti durante operazioni di carico e scarico.
  7. Effettuazione regolare di videoispezioni e test di tenuta per le tubazioni interrate non metalliche.
  8. Formazione e addestramento adeguato del personale per una gestione efficace dei rischi ambientali e delle emergenze.
  9. Adozione della PdR UNI 107/2021 “Ambiente protetto – Linee guida per la prevenzione dei danni all’ambiente – Criteri tecnici per un’efficace gestione dei rischi ambientali”.
  10. Stipula di una copertura assicurativa di Responsabilità Civile e Ambientale.

LE ULTIME NOTIZIE

Chiusa la galleria Principe Amedeo di Savoia Aosta a Roma
Il sottopasso tra il Gianicolo e il Vaticano è interdetto al traffico per distacco di una ventola della turbina di...
Read More
Emergenza gastroenterite al Passo del Tonale: sospetto Norovirus
Tracce del virus nell'acquedotto locale: vietato l'uso dell'acqua a scopo alimentare nella zona tra Lombardia e Trentino alto Adige. Cosa...
Read More
Elly Schlein: Europee, “Ho chiesto a Bonaccini di candidarsi per il Nord Est”
La segretaria del Pd annuncia la candidatura di Stefano Bonaccini alla lista del Nord Est, sottolineando l'importanza della sua esperienza...
Read More
Regno Unito respinge proposta UE per mobilità giovanile: “Libertà movimento finita dopo Brexit”
Il governo britannico rigetta l'idea di aderire al programma di mobilità giovanile dell'UE, sottolineando che la libertà di movimento non...
Read More
Tajani si candida alle elezioni europee: “30 anni di esperienza in Ue al servizio del Paese”
Il segretario di Forza Italia annuncia la sua candidatura alle elezioni europee durante il Consiglio nazionale del partito a Roma...
Read More
Sbiancamento globale dei coralli: WWF lancia allarme su gravi conseguenze ambientali
L'evento di sbiancamento dei coralli mette a rischio gli oceani e le comunità costiere, secondo il WWF, che sottolinea l'urgenza...
Read More
Compilazione modello 730: processo meno “lunare” ma non privo di complessità
L'Ufficio studi della Cgia mette in evidenza le sfide nella compilazione del modello 730 nonostante il processo semplificato, sottolineando l'incremento...
Read More
Agricoltura, nasce sistema Agreed: droni e satelliti per prevenire malattie ortofrutta
Una piattaforma tecnologica che raccoglie i dati inviati da droni, satelliti, radar e sensori di campo per prevenire le malattie...
Read More

(AdnKronos)

I libri più venduti su Amazon

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza