Connect with us

Published

on

Un vaccino anti-Covid somministrato per bocca o naso può aiutare ad alzare la barriera contro il contagio da Sars-CoV-2? Per un team di scienziati è una strategia praticabile, in grado di ridurre sia la malattia che la trasmissione per via aerea. E’ la conclusione a cui approdano gli autori di uno studio pubblicato su ‘Science Translational Medicine’ e visibile online, nel quale si riportano i risultati di un test condotto su animali con un candidato vaccino a vettore adenovirale.

“I vaccini contro il coronavirus Sars-CoV-2 attualmente approvati”, somministrati tramite iniezione, “sono in grado di proteggere i vaccinati da infezioni sintomatiche, ospedalizzazione e morte per Covid. Tuttavia, non prevengono completamente l’infezione”, fanno notare gli scienziati del Duke Center for Human Systems Immunology and Department of Surgery, dell’azienda Vaxart e del Lovelace Biomedical Research Institute, che hanno approfondito il possibile ruolo di un’altra immunità, quella della mucosa. “Sono necessarie strategie finalizzate a bloccare la trasmissione, che rallentino la diffusione del virus e proteggano dalla malattia”, ragionano.

Per gli esperti “ci sarebbe un vantaggio sostanziale nello sviluppo di vaccini” con queste potenzialità. La variante Omicron, infatti, “sembra più in grado di evitare l’immunità indotta dal vaccino rispetto alla variante Delta e ha causato una notevole ondata invernale di infezioni, creando una grave carenza di operatori sanitari” per esempio negli Usa, e considerato che “la maggior parte del mondo è sotto immunizzata, compresi tutti i bambini under 5 e la maggior parte dei 5-12enni, la possibilità che un vaccinato con infezione post-iniezione scudo possa diffondere il virus a familiari o membri della comunità non immunizzati rappresenta un rischio”. Gli scienziati hanno quindi sviluppato un candidato vaccino e per valutarne l’impatto lo hanno somministrato per via orale o intranasale ai criceti, dimostrando che questi avevano risposte anticorpali “robuste e cross-reattive”.

Gli autori hanno indotto un’infezione post vaccinazione e hanno osservato che i criceti vaccinati per via orale o intranasale avevano una diminuzione dell’Rna virale e del virus infettivo nel naso e nei polmoni e presentavano meno patologie polmonari rispetto agli altri. I roditori sono stati esposti in una camera a flusso d’aria unidirezionale per essere vaccinati per via mucosale. Quelli infettati avevano un Rna virale inferiore nel tampone nasale e mostravano meno sintomi clinici rispetto agli animali di controllo. Questo, spiegano gli autori dello studio, suggerisce che la via della mucosa riduce la trasmissione virale. “I nostri dati dimostrano che l’immunizzazione della mucosa è una strategia” da considerare.

Il motivo per concentrarsi su questo ‘passaggio’ del virus è presto detto: “La mucosa del tratto respiratorio superiore è il sito iniziale di replicazione di Sars-CoV-2 e il sito primario di infezione – evidenziano gli scienziati Usa – E di conseguenza gli interventi che inducono risposte immunitarie della mucosa robuste possono avere il maggiore impatto sulla riduzione della trasmissione di Sars-CoV-2”. Da qui la scelta di esplorare questa strada. I vaccini adenovirali orali sviluppati dagli scienziati sono stati somministrati a oltre 500 persone, e sono stati “ben tollerati e in grado di generare robuste risposte immunitarie umorali e cellulari agli antigeni espressi”.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Biden in pressing per un cessate il fuoco di sei settimane tra Israele e Hamas
"Priorità restituire ostaggi e garantire aiuti umanitari a Gaza" Negli Stati Uniti, il presidente Joe Biden ha ribadito la priorità...
Read More
Gp Bahrain 2024, oggi via al Mondiale: orario gara, come vederla in tv e streaming
Il Gp del Bahrain, in programma oggi sabato 2 marzo, aprirà il Mondiale 2024 di Formula 1. La gara sarà...
Read More
Serie A: Lazio-Milan 1-0 con Gol di Okafor
La Lazio si complica la vita e finisce il match in otto uomini Il Milan vince 1-0 sul campo della...
Read More
Yulia Navalnaya rende omaggio al marito: “Grazie per 26 anni di felicità” VIDEO
Yulia Navalnaya, moglie del defunto dissidente Alexei Navalny, ha reso omaggio a suo marito nel giorno del suo funerale, tenutosi...
Read More
Studio sull’Etna: rivelati cicli di eruzione e accumulo magmatico
Un recente studio condotto da un team di ricercatori dell'Ingv e dell'Università di Palermo ha analizzato l'attività eruttiva dell'Etna negli...
Read More
Inaugurato Museo ‘Mario Praz’ a Roma: nuovo tassello nel patrimonio culturale
È stato inaugurato oggi a Roma il Museo 'Mario Praz', nel suo appartamento di Palazzo Primoli, dedicato al celebre anglista,...
Read More
Strage di Altavilla Milicia: perizia psichiatrica per Giovanni Barreca
Il muratore di 54 anni, Giovanni Barreca, attualmente detenuto con l'accusa di aver ucciso la moglie Antonella Salamone e i...
Read More
Chico Forti sarà trasferito in Italia dopo 24 anni negli Usa: la sua storia
La presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, ha annunciato da Washington che Chico Forti, pseudonimo di Enrico Forti, sarà trasferito...
Read More

Le ultime di LR

Le ultime news di LiberoReporter

di tendenza