LiberoReporter

Funivia Mottarone, Eitan chiede dei genitori




Il bimbo, unico sopravvissuto alla tragedia, è con la zia sempre accanto. Con loro anche la nonna. Condizioni stabili

Dopo la tragedia della funivia del Mottarone, è sveglio e ogni tanto chiede dei suoi genitori Eitan, il bimbo di 5 anni, unico sopravvissuto che da domenica ricoverato a Torino, all’ospedale Regina Margherita. Accanto a lui la zia, che gli resta sempre vicina, e la nonna.

Per quanto riguarda le sue condizioni di salute, sono definite stabili dai sanitari ma la prognosi rimane riservata. Il torace, infatti, è ancora contuso e la situazione addominale non permette ancora di rialimentarlo. Per questa ragione il bimbo resterà in Rianimazione ancora qualche giorno.

Tadini resti in carcere, può inquinare prove

Gabriele Tadini, a capo dell’impianto della funivia del Mottarone, deve deve restare in carcere secondo la procura di Verbania. Nella richiesta di convalida del fermo ci sono le esigenze cautelari, sicuramente “il pericolo di fuga e l’inquinamento probatorio”, spiega il difensore Marcello Perillo.

Il legale ha preso in cancelleria il verbale del suo assistito che ha ammesso di aver manomesso i freni di emergenza, la richiesta della convalida del fermo e la richiesta delle misura – pari a dieci pagine – in cui Tadini è accusato di omicidio colposo plurimo, lesioni colpose e omissione dolosa che ha portato al disastro. “Si tratta di una misura molto severa”, conclude il legale.

“Non dimentichiamo che si è rotta una fune e un aspetto tecnico importante è capire dove è avvenuta la rottura. Non credo che il forchettone potesse incidere sul cavo, così come bisogna capire i freni su quale fune erano, se portante o traente, aveva affermato già Perillo. Tadini ha ammesso di aver lasciato in azione il forchettone che ha impedito all’impianto di bloccarsi ed evitare la caduta della cabina in cui hanno perso la vita 14 persone.

L’avvocato sta già contattando diversi esperti ed è pronto a chiedere alla procura di Verbania di poter “eseguire un sopralluogo” sul luogo del disastro. La scelta di lasciare il blocco ai freni era per “velocizzare” la ripartenza della funivia, ma se esistono altri motivi non è dato saperlo. “Del fatto ho parlato 5 minuti con il mio assistito e non ho ancora letto il verbale reso al pm. Sono 38 anni che lavora in questi ambiente, è una persona perbene, preparata. Le motivazioni le chiederò a lui per scelta e saranno decisive per la scelta difensiva”, conclude l’avvocato.

 

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Allerta caldo, fino a 8 città da bollino rosso


Fine settimana all'insegna del gran gran caldo in diverse città italiane. Domani sabato 31 luglio sono 6 le città da...
Read More
Allerta caldo, fino a 8 città da bollino rosso

Corea nord: Kim, “Da Usa e Sudcorea prove di guerra”


"Prove di guerra" per preparare "un attacco preventivo" contro il suo Paese. Il leader nordcoreano Kim Jong-un definisce così le...
Read More
Corea nord: Kim, “Da Usa e Sudcorea prove di guerra”

Variante Delta, per Oms: “Più trasmissibile ma non è più letale”


La variante Delta del coronavirus, per quanto più trasmissibile, non è più letale. E' quanto ha sostenuto l'epidemiologa dell'Organizzazione mondiale...
Read More

Saipem, una Green Hydrogen Valley in Puglia


Una Green Hydrogen Valley in Puglia per produrre di 180MW (fino a 270 M NM3/anno) di idrogeno verde, integrando impianti...
Read More

la ‘carta d’identità’, innovazione per la transizione energetica


Costituita nel 1956 Saipem è una piattaforma tecnologica e di ingegneria avanzata per la progettazione, la realizzazione e l'esercizio di...
Read More
la ‘carta d’identità’, innovazione per la transizione energetica

Saipem, contrasto al cambiamento climatico al centro della strategia di sostenibilità


Ammessa dal 2016 allo United Nation Global Compact; 'sector leader' nel 2020 secondo il Dow Jones Sustainability Index; Gold Class...
Read More

Saipem, avviate iniziative trasformazione per nuova fase crescita sostenibile


Saipem ha avviato iniziative di trasformazione per assicurare una nuova fase di crescita sostenibile: revisione della strategia di business in...
Read More

Arrestato a Licata consigliere comunale Lega: ha sparato e ferito socio in affari


E' stato arrestato il consigliere comunale di Licata (Agrigento) eletto nel 2018 nella lista della Lega, Gaetano Aronica, 48 anni,...
Read More
Arrestato a Licata consigliere comunale Lega: ha sparato e ferito socio in affari
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends