LiberoReporter

Londra: uccise due persone a London Bridge, Isis rivendica

Aggiornamento – Tramite la propria agenzia di propaganda “Amaq”, l’Isis ha rivendicato l’attacco avvenuto ieri a nella capitale inglese su London Bridge. Secondo il comunicato l’assalitore ha risposto alle richieste dello Stato islamico, di colpire i cittadini di quei paesi che sono parte della coalizione internazionale a guida Stelle e Strisce.



La notizia della prima ora – Un uomo, armato di coltello, ha assalito dei passanti nella zona di London Bridge, nella capitale inglese. Forze di polizia si sono schierate sul ponte e hanno transennato la zona. Alcuni testimoni parlano di colpi d’arma da fuoco e secondo Sky news l’assalitore è stato colpito a morte dagli agenti. Non sono ancora chiari i motivi del gesto, ma si teme che possa essere un attentato di matrice islamica, anche se ancora è presto per poter fare ipotesi. Secondo la televisione britannica BBC, ci sono diversi feriti ma l’unica vittima, pare, sia l’assalitore.

Più tardi sapremo che l’uomo, Usman Khan, 28 anni di origine pakistana(estremista islamico già noto alle forze dell’ordine, condannato precedentemente per reati di terrorismo) armato di coltello ha colpito diverse persone, uccidendone due, prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia. L’uomo è stato dapprima affrontato da alcuni passanti che lo hanno disarmato, poi gli agenti lo hanno neutralizzato anche perché addosso avevo un giubbotto imbottito di esplosivo: solo dopo averlo ucciso gli inquirenti si sono accorti che era finto eche non conteneva materiale detonante.


RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends