Connect with us

Tasse e Balzelli

Tasse sulle mance, vanno pagate? La Cassazione dice Sì




Le mance, lasciate liberamente da un cliente, devono essere dichiarate perché costituiscono una voce tassabile del reddito da lavoro dipendente. A confermarlo è la Cassazione ricorda studiocataldi.it.

La CTR della Sardegna ha accolto l’appello sollevato da un contribuente nei confronti della decisione della Commissione Tributaria Provinciale di Sassari, che ne ha rigettato il ricorso avente ad aggetto un avviso di accertamento dell’Agenzia delle entrate con il quale gli è stato chiesto il pagamento delle tasse relative al periodo d’imposta del 2005. Lo stesso avrebbe infatti percepito, ma non dichiarato, mance per un valore di 73.321,00 euro nella sua qualità di capo ricevimento di un albergo. Per la Commissione Tributaria Regionale, a differenza di quella provinciale, le mance non sono tassabili perché non rientrano nella nozione di reddito da lavoro dipendente, così come definito dall’art. 51 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, nel testo vigente dal 2004 al 2008. Le stesse hanno infatti natura aleatoria, perché percepite dai clienti e non dal datore di lavoro.

L’Agenzia delle Entrate, soccombente in appello, ricorre in Cassazione, innanzi alla quale solleva un unico motivo di ricorso con il quale contesta la violazione e falsa applicazione dell’art 51 commi 1 e 2 del testo Unico delle imposte sui Redditi, da cui emerge che le somme percepite a qualsiasi titolo dal lavoratore dipendente contribuente in relazione al rapporto di lavoro subordinato rientrano nella nozione di reddito da lavoro tassabile. Le mance sono quindi tassabili perché rientrano della natura onnicomprensiva del reddito da lavoro dipendente, che non è rappresentato solo da salario erogato dal datore di lavoro.

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso dell’Agenzia dopo aver analizzato le norme richiamate dalla stessa nel ricorso. Gli Ermellini rilevano infatti che l’attuale art. 51 del TUIR nel testo successivo alla riforma del 2004 e l’art. 48 (già modificato nel 1997) ante riforma 2004, messi a confronto presentano lo stesso tenore letterale fornendo una definizione onnicomprensiva del reddito da lavoro dipendente che è rappresentato da tutte le somme e i valori percepiti a qualsiasi titolo durante il periodo d’imposta, comprese le erogazioni liberali collegate al rapporto di lavoro subordinato.

Onnicomprensività riscontrabile anche nella formulazione dell’art. 49 del TUIR applicabile al caso di specie, dello stesso tenore del previgente art. 46 del testo ante riforma 2004, anch’esso modificato e sostituito dopo la riforma del 1997. Per la determinazione dei redditi ai fini contributivi inoltre, la legge in materia, rinvia all’attuale art. 49 del TUIR, che come abbiamo visto contiene una definizione di reddito da lavoro dipendente che non è limitata alla retribuzione corrisposta dal datore di lavoro. Per questo la Cassazione ritiene che “il nesso di derivazione delle somme che comunque promanino dal rapporto di lavoro ne giustifica, nel citato contesto normativo di riferimento, la totale imponibilità, salvo le esclusioni (e/o deroghe) espressamente previste.”

Come già osservato infatti in un’altra occasione “mentre la retribuzione è strettamente connessa, in virtù del vincolo sinallagmatico che qualifica il rapporto di lavoro subordinato, con la prestazione lavorativa, il concetto di derivazione dal rapporto di lavoro, contenuto nella norma in esame (ora art. 49 TUIR) prescinde dal suddetto sinallagma ed individua pertanto non solo tutto quanto può essere concettualmente inquadrato nella nozione di retribuzione, ma anche tutti quegli altri introiti del lavoratore subordinato, in denaro o natura, che si legano casualmente con il rapporto di lavoro (e cioè derivano da esso), nel senso che l’esistenza del rapporto di lavoro costituisce il necessario presupposto per la loro percezione da parte del lavoratore subordinato. Costituisce logica conseguenza di quanto fin qui detto che l’ampiezza del concetto di derivazione adottato dal legislatore impone di inserire nella nozione di redditi di lavoro anche gli introiti corrisposti al lavoratore subordinato da soggetti terzi rispetto al rapporto di lavoro sempre che ricorrano i suddetti requisiti.”

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Alla Triennale una Honey Factory per avvicinare i bambini al mondo delle api


Una Honey Factory alla Triennale di Milano per avvicinare i bambini al mondo delle api. Sponsorizzati da Kone, Apicolturaurbana.it organizza...
Read More

Francia, De Gaulle di Parigi in tilt: problema tecnico a smistamento bagaglio


A causa di un problema tecnico all'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle da venerdì, almeno il 50% dei bagagli dei...
Read More
Francia, De Gaulle di Parigi in tilt: problema tecnico a smistamento bagaglio

Palio di Siena 2022, vince il Drago


La contrada del Drago ha vinto il Palio di Siena di oggi, 2 luglio 2022. Il Drago ha trionfato al...
Read More
Palio di Siena 2022, vince il Drago

Cina, affonda imbarcazione: bilancio vittime provvisorio è di 27 persone


Almeno 27 persone sono scomparse in mare dopo che una nave è affondata in seguito a un tifone a Yangjiang,...
Read More
Cina, affonda imbarcazione: bilancio vittime provvisorio è di 27 persone

Piogge torrenziali a Sydney, ordine di evacuazione per 3.500 persone


Le autorità di Sydney hanno chiesto a migliaia di abitanti della città di evacuare a causa delle inondazioni causate da...
Read More
Piogge torrenziali a Sydney, ordine di evacuazione per 3.500 persone

Giochi del Mediterraneo, l’Italia cala il poker nel nuoto e raggiunge 100 medaglie


L'Italia cala il poker nel nuoto ai Giochi del Mediterraneo con quattro ori, due argenti e cinque bronzi dalla vasca...
Read More
Giochi del Mediterraneo, l’Italia cala il poker nel nuoto e raggiunge 100 medaglie

Inflazione, dai voli agli alberghi: ecco i rialzi delle vacanze


Dai voli internazionali al noleggio auto e agli alberghi. Chi si appresta a partire per le ferie si trova a...
Read More
Inflazione, dai voli agli alberghi: ecco i rialzi delle vacanze

Messico, ucciso imprenditore di origine italiana


L'imprenditore alberghiero di origine italiana Raphael Tunesi è stato assassinato ieri in Messico, nel comune di Palenque, nel Chiapas, nei...
Read More
Messico, ucciso imprenditore di origine italiana

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends