LiberoReporter

Reati fiscali, genitori e sorella Renzi a processo




Con l’accusa di dichiarazione fraudolenta al fine di evadere le imposte avvalendosi di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione infedele dei redditi andranno a processo i genitori di Matteo Renzi, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, nelle vesti di amministratore di fatto e di legale rappresentante della società di famiglia Eventi 6, e la sorella dell’ex presidente del Consiglio, Matilde Renzi, legale rappresentante della srl Eventi 6 nell’anno 2018. Il rinvio a giudizio è stato stabilito questa mattina dal gup del tribunale di Firenze Federico Zampaoli, accogliendo la richiesta della procura. Il processo si aprirà nel marzo del 2022. Questo nuovo filone di indagine scaturisce da precedenti inchieste degli stessi pm fiorentini sulle società dei coniugi Renzi.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della Guardia di Finanza, coordinati dalla procura di Firenze, la Eventi 6 srl, nelle dichiarazioni dei redditi dal 2016 al 2019, avrebbe indicato passivi fittizi per un totale di circa 5 milioni e mezzo di euro evadendo imposte per 1,2 milioni di euro. Secondo l’accusa, la cooperativa sarebbe stata sfruttata una cooperativa, la Marmodiv, accollandole gli oneri previdenziali, fiscali e contributivi. per gestire la manodopera della Eventi 6.

Ai tre congiunti Renzi la procura contesta, in concorso tra di loro l’articolo 2 del decreto legislativo n. 74/2000 che punisce chi “al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indica in una delle dichiarazioni relative a dette imposte elementi passivi fittizi”. E’ contestato anche l’articolo 4 dello stesso decreto legislativo n. 74/2000 sui reati tributari che punisce chi “al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto indica in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo od elementi passivi inesistenti”.

Per il fallimento della Marmodiv e di altre due cooperative, la Delivery Service Italia e la Europe Service, i genitori dell’ex premier e altre 14 persone, tra legali rappresentanti delle coop, componenti dei cda e imprenditori, accusati a vario titolo di bancarotta fraudolenta e emissione di fatture false, saranno processati a Firenze a partire dal prossimo 1 giugno.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Allerta caldo, fino a 8 città da bollino rosso


Fine settimana all'insegna del gran gran caldo in diverse città italiane. Domani sabato 31 luglio sono 6 le città da...
Read More
Allerta caldo, fino a 8 città da bollino rosso

Corea nord: Kim, “Da Usa e Sudcorea prove di guerra”


"Prove di guerra" per preparare "un attacco preventivo" contro il suo Paese. Il leader nordcoreano Kim Jong-un definisce così le...
Read More
Corea nord: Kim, “Da Usa e Sudcorea prove di guerra”

Variante Delta, per Oms: “Più trasmissibile ma non è più letale”


La variante Delta del coronavirus, per quanto più trasmissibile, non è più letale. E' quanto ha sostenuto l'epidemiologa dell'Organizzazione mondiale...
Read More

Saipem, una Green Hydrogen Valley in Puglia


Una Green Hydrogen Valley in Puglia per produrre di 180MW (fino a 270 M NM3/anno) di idrogeno verde, integrando impianti...
Read More

la ‘carta d’identità’, innovazione per la transizione energetica


Costituita nel 1956 Saipem è una piattaforma tecnologica e di ingegneria avanzata per la progettazione, la realizzazione e l'esercizio di...
Read More
la ‘carta d’identità’, innovazione per la transizione energetica

Saipem, contrasto al cambiamento climatico al centro della strategia di sostenibilità


Ammessa dal 2016 allo United Nation Global Compact; 'sector leader' nel 2020 secondo il Dow Jones Sustainability Index; Gold Class...
Read More

Saipem, avviate iniziative trasformazione per nuova fase crescita sostenibile


Saipem ha avviato iniziative di trasformazione per assicurare una nuova fase di crescita sostenibile: revisione della strategia di business in...
Read More

Arrestato a Licata consigliere comunale Lega: ha sparato e ferito socio in affari


E' stato arrestato il consigliere comunale di Licata (Agrigento) eletto nel 2018 nella lista della Lega, Gaetano Aronica, 48 anni,...
Read More
Arrestato a Licata consigliere comunale Lega: ha sparato e ferito socio in affari
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends