LiberoReporter

Inter campione d’Italia, a Milano 30mila persone in strada. La “firma” di Conte




L’Inter è campione d’Italia 2020/2021. La squadra nerazzurra conquista il 19° scudetto della sua storia con 4 giornate d’anticipo. La certezza matematica del trionfo arriva grazie al pareggio per 1-1 dell’Atalanta, unica quadra che poteva ancora raggiungere la squadra di Antonio Conte, sul campo del Sassuolo. Dopo 34 giornate l’Inter guida con 82 punti, 13 in più del Milan e dei bergamaschi con solo 12 punti ancora a disposizione.

In piazza a Milano 30 mila persone

Milano invasa dai tifosi dell’Inter per la festa scudetto. Circa 30.000 persone, riferisce la Questura di Milano, si sono riversati in strada. Impressionanti le immagini in particolare da piazza Duomo, completamente gremita. “Verso le ore 17 di oggi a Milano, non appena noti i risultati degli incontri calcistici pomeridiani e la conseguente matematica vittoria del campionato di calcio 2020/2021 da parte dell’Inter, in più punti della città sono scese spontaneamente in strada, in forma non organizzata, circa 30.000 persone che hanno improvvisato caroselli di auto, passeggiate e momenti di entusiasmo collettivo”, si legge nella nota della Questura. La società, dal proprio profilo Twitter, ha invitato i tifosi a festeggiare in modo responsabile.

“In alcuni punti del centro cittadino, sono confluiti consistenti numeri di tifosi festanti che hanno dato sfogo al proprio entusiasmo per la vittoria della squadra nerazzurra. Molti anche i gruppi di famiglia con giovanissimi al seguito. Tra i punti dove si sono raccolti gruppi consistenti di tifosi, Largo Cairoli dove un foltissimo gruppo è stato controllato dalle Forze di Polizia anche al fine di non farlo confluire nella vicina piazza Duomo dove erano pure giunti numerosi tifosi pacificamente festanti. Nell’area più centrale di piazza Duomo, le Forze dell’Ordine hanno preservato il sagrato della Cattedrale e la Galleria, i cui accessi sono stati opportunamente chiusi anche con l’impiego della Polizia Locale. In tutta la città, comunque, si è assistito a sporadiche e improvvisate esplosioni di gioia con gruppi di persone festanti per le strade”, prosegue la Questura, evidenziando che “non si sono comunque registrati momenti di tensione e di conflittualità connessi ai festeggiamenti che hanno interessato anche l’area dello Stadio in zona San Siro. Contemporaneamente, le Forze dell’Ordine hanno assicurato la propria presenza nelle zone della cosiddetta. movida, secondo l’aggiornato piano di contingentamento, al fine di evitare che anche queste aree, già molto frequentate per il bel tempo odierno, fossero interessate da flussi di tifosi festanti”.

Le congratulazioni della Juve via social e per questo arriva la rabbia dei tifosi bianconeri

“Congratulazioni all’Inter per la vittoria del Campionato 2020/2021!”. La Juventus, dopo 9 scudetti consecutivi, abdica. E dal proprio profilo Twitter fa i complimenti all’Inter. Ci sono anche le parole del presidente bianconero Andrea Agnelli, che si rivolge al collega nerazzurro Steven Zhang. “Ben fatto Steven! Felice per te e orgoglioso di essere un tuo leale avversario sul campo e un amico fuori dal campo. Noi torneremo…”, dice Agnelli. Un fair play insolito per il calcio italiano. Una sportitivà che il popolo juventino, per usare un eufemismo, non apprezza. L’Inter, per i tifosi della Juventus, rimane la società che nel 2006 si è appropriata dello ‘scudetto di cartone’, intestandosi un campionato vinto sul campo della Juve e revocato dai procedimenti sportivi di calciopoli. Inoltre, nei 9 anni di dominio juventino dagli altri club di Serie A i complimenti alla Vecchia Signora sono arrivati col contagocce alla fine di ogni torneo: si segnalano tweet della Sampdoria e poco altro. Di sicuro, dicono i tifosi della Juve, mai un gesto sportivo dell’Inter, che oggi viene omaggiata. “E’ un fake?”, chiede un tifoso commentando il messaggio della Juventus. Man mano che si accumulano le reazioni, si aggiungono anche i follower che apprezzano. “Ma perche dobbiamo sempre fare queste cose quando nessuno le fa mai per noi?”, chiede uno juventino deluso. “Perché noi siamo superiori”, la risposta di un ‘collega’.

Lo scudetto della rinascita porta la firma di firma Conte

La firma di Antonio Conte sullo scudetto della rinascita. Dopo 11 anni, dall’indimenticata stagione del triplete, l’Inter torna vincere lo scudetto. Dopo aver visto festeggiare i rivali storici del Milan, l’anno successivo, e della Juventus per ben nove anni di fila i nerazzurri tornano a guardare tutti dall’alto in basso in Italia. La stagione di Lukaku e compagni, iniziata in malo modo con la sconfitta nel derby e proseguita peggio, con la prematura eliminazione dalla Champions League, cambia marcia a gennaio grazie alla vittoria per 2-0 contro la Juventus, un successo ancor più netto di quanto dica il punteggio e che dà nuova linfa ad una squadra che fino a quel momento stava ripetendo gli alti e bassi che hanno contraddistinto il decennio precedente.


L’Inter deve le sue fortune in gran parte al tecnico. Antonio Conte infatti ha avuto il grande merito di cambiare la mentalità di una squadra ormai non più abituata a vincere. Lo dimostrano le 13 vittorie nel girone di ritorno, che hanno restituito l’immagine di un Inter che sa di Juve, la “sua”. Solidità e cinismo, che si giochi bene o male poco importa, conta il risultato. “Abbiamo un obiettivo e faremo di tutto per raggiungerlo. Lascerò un Inter migliore di quella che ho trovato”, parole, quelle di Conte, che risuonano come un monito ai microfoni dei giornalisti.

“Identità” è la parola scelta per definire la sua nuova Inter. Identità che parte dall’evoluzione tattica che il tecnico ha attuato nel corso della stagione, partendo dal reparto difensivo: la sicurezza di Samir Handanovic che tralasciando i recenti strafalcioni si è reso protagonista di interventi determinanti per l’impresa nerazzurra (partita di andata contro il Napoli su tutte a cui si aggiungono 13 gare senza subire gol), l’esperienza di De Vrij posizionato nel vertice basso della difesa a tre e a cui spetta iniziare la manovra offensiva, la trasformazione di Milan Skriniar, irriconoscibile ad inizio stagione, diventato poi perno del muro difensivo interista e il rilancio del giovanissimo Bastoni (giocatore che Conte ha voluto a tutti i costi in prima squadra e per il quale ha lasciato partire Diego Godin), che si sta facendo valere.

Il passo successivo è stato rinunciare ad un trequartista vero e proprio inserendone uno non di ruolo come Barella (che a soli 24 anni sembra essere già un giocatore pronto calcisticamente), a tutti gli effetti il motore della squadra con 11,056 km percorsi a partita, secondo solo a Brozovich (primo in nella massima serie con 13 Km a percorsi a partita) o Eriksen, vero e proprio oggetto del mistero ad inizio stagione, ad un passo dalla cessione a gennaio e ora giocatore fondamentale. Tutto questo senza comunque disfare il suo fidato 3-5-2. Questa è stata la chiave per dare ampiezza alla squadra puntando poi sulla velocità di Perisic e soprattutto Hakimi. L’esterno marocchino è stato fondamentale in molti successi dell’Inter, instancabile e tecnico, in pratica il giocatore ideale. Queste modifiche, nel corso della stagione, hanno permesso il cambiamento sostanziale del gioco dell’Inter che ora si affida molto meno al lancio in profondità, palleggiando molto di più nella propria metà campo.

Nonostante il radicale cambio tattico, l’Inter non ha comunque perso efficacia in fase offensiva: i nerazzurri sono infatti la squadra che in Serie A, produce più occasioni. La carriera di allenatore di Conte insegna che il tecnico abbia bisogno di due terminali offensivi dominanti, in grado di far salire la squadra ma anche di sganciarsi dando profondità quando la situazione lo richiede.

Romelu Lukaku è l’attaccante ideale per Conte, e l’uomo in più dell’Inter in questa stagione. Lo testimoniano i 21 gol (secondo nella classifica marcatori dietro a Cr7 fermo a 25). Ma anche il belga deve le sue fortune al tecnico italiano che, a differenza di Mourinho a Manchester, ha capito che Lukaku rende meglio se lasciato libero di puntare l’avversario in campo aperto e non spalle alla porta, lavoro che Conte lascia fare a Lautaro (anche lui determinante con i suoi 15 gol e 5 assist). C’è chi ancora sostiene che i 12 milioni di euro dello stipendio di Antonio Conte siano buttati, ma la verità è che ora, il tecnico italiano ha un’Inter migliore di quella che ha trovato.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Derby Capitale: Mkhitaryan e Pedro regalano la vittoria alla Roma di Fonseca 2-0


La Roma riscatta il ko dell'andata e si aggiudica il derby di ritorno superando 2-0 la Lazio. A decidere la...
Read More
Derby Capitale: Mkhitaryan e Pedro regalano la vittoria alla Roma di Fonseca 2-0

Serie A: Juventus-Inter 3-2, Pirlo continua a inseguire la Champions


La Juventus batte l'Inter campione d'Italia 3-2 nella sfida valida per la penultima giornata della Serie A e tiene vive...
Read More
Serie A: Juventus-Inter 3-2, Pirlo continua a inseguire la Champions

“Green pass di un anno per vaccinati”, proposta Bassetti


Prolungare a 12 mesi il green pass in Italia per i vaccinati contro il Covid. E' la proposta lanciata da...
Read More
“Green pass di un anno per vaccinati”, proposta Bassetti

Berlusconi dimesso dal San Raffaele


Silvio Berlusconi, qui nella foto esclusiva Adnkronos, è stato dimesso dall'ospedale San Raffaele. Il leader di Forza Italia era ricoverato...
Read More
Berlusconi dimesso dal San Raffaele

Covid: 6.659 contagi e 136 decessi, i dati per regione 15 maggio


Sono 6.659 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia secondo il bollettino di oggi, 15 maggio. Nella tabella si fa...
Read More
Covid: 6.659 contagi e 136 decessi, i dati per regione 15 maggio

Moser: “la bici elettrica? Una grande invenzione, fa andare in giro tutti”


"La bici a pedalata assistita è una grande invenzione, perché anche senza allenamento ti diverti, puoi andare con gli amici...
Read More
Moser: “la bici elettrica? Una grande invenzione, fa andare in giro tutti”

Cina sbarca su Marte, atterrata la sonda: Xi applaude


Una sonda cinese, ovvero il rover Zhurong, è atterrata per la prima volta su Marte. Il successo è stato riconosciuto...
Read More
Cina sbarca su Marte, atterrata la sonda: Xi applaude

‘Ndrangheta, Giuseppe Romeo rientrato in Italia dopo cattura in Spagna


E’ rientrato ieri dalla Spagna all'aeroporto di Roma Fiumicino il latitante di ‘ndrangheta Giuseppe Romeo, 35 anni, scortato da personale...
Read More
‘Ndrangheta, Giuseppe Romeo rientrato in Italia dopo cattura in Spagna
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends