LiberoReporter

Terrore a Vienna: spari in sei punti città, un attentatore aveva annunciato gesto su social




Aggiornamento – 3 novembre – Uno degli attentatori ucciso dalle forze di polizia austriache, secondo il quotidiano tedesco Bild, aveva annunciato l’azione su Instagram. L’assaltatore aveva pubblicato alcune foto in cui appariva armato e aveva giurato fedeltà ad Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi, attuale al leader dello Stato Islamico (Isis). Aveva 20 anni ed era originario della Macedonia; dopo essere stato abbattuto dalla polizia si è scoperto che aveva addosso una cintura esplosiva, due armi da fuoco e un machete. Aveva ricevuto la cittadinanza austriaca e aveva alcuni precedenti penali proprio per terrorismo. Gli assalitori hanno colpito in sei punti distinti della città (Bauernmarkt, Fleischmarkt, Graben, Morzinplatz, Salzgries e Seitenstettengasse), provocando la morte di 4 persone.

Sono stati sparati parecchi colpi d’arma da fuoco nel centro di Vienna questa sera, nella zona del primo distretto – intorno a Schwedenplatz – che è stato prontamente isolato e chiuso dalle forze dell’ordine. Le prime notizie che arrivano dalla capitale austriaca segnalano sette morti e diversi feriti gravi; un poliziotto sarebbe stato ferito con un colpo di fucile. Il ministro dell’Interno Nehammer ha dichiarato che potrebbe trattarsi di un attacco terroristico.

Non è ancora chiaro quanti siano le persone che stanno compiendo l’attacco, tanto che la polizia ha chiesto di non uscire assolutamente dalle proprie abitazioni e di evitare di postare qualsiasi video sui social per evitare di dare indicazioni agli assalitori. Al momento pare che uno di loro sia stato ucciso e uno arrestato. Le operazioni sono tuttora in corso

Nella confusione del momento si susseguono le segnalazioni e sembra, notizia però ancora tutta da verificare, vi siano altre zona di Vienna oggetto di operazioni di polizia. Diversi media hanno inizialmente riferito di un possibile attacco alla vicina sinagoga di Seitenstettengasse, ma non vi è alcuna conferma, neppure da parte della comunità ebraica che siano stati oggetto dell’attacco.

Altre segnalazioni parlano di una presa di ostaggi all’interno di un ristorante giapponese sempre nel centro della capitale austriaca.

Notizia in evoluzione e soggetta a verifica.

 

VIDEO DIRETTA RUPTLY

loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends