LiberoReporter

Storie di ordinaria follia: presidente Trump voleva coccodrilli e serpenti al confine con Messico

Potrebbe sembrare una barzelletta legata a storie medievali, in realtà secondo il New York Times, che traccia un ritratto impietoso dell’inquilino della Casa Bianca, il presidente Usa voleva davvero riempire di coccodrilli e di serpenti i fossati scavati nelle vicinanze del confine con il Messico, per evitare l’attraversamento dei migranti e l’ingresso negli Stati Uniti; ma non è finita qui, secondo fonti ben informate, avrebbe voluto addirittura che si dispiegasse l’esercito e che i soldati sparassero alle gambe dei migranti, qualora cercassero di varcare il confine. Un piano a dir poco allucinante, che, sempre secondo il giornale americano, sarebbe stato vanificato grazie all’insistenza del genero Jared Kushner e dall’ex segretario alla Sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen, che lo convinsero a desistere.

 

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends