LiberoReporter

Scuola in tempo di Covid: ecco la visione del ministro Bianchi




“Dobbiamo essere molto cauti perché la sfida del virus è ancora alta. La prima cosa da fare è vaccinare tutti gli insegnanti e il personale, anche i più grandi di età. Solo se loro saranno in sicurezza le scuole saranno sicure anche per i ragazzi e le famiglie”. A spiegare il piano sicurezza della scuola, in un’intervista al Corriere della Sera, è il neo ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

E sull’ipotesi del prolungamento del calendario scolastico, afferma che “la competenza sul calendario è delle Regioni che in situazione ordinaria decidono cosa fare in base alle specificità dei territori”. Ma oggi la situazione non è ordinaria. “Per questo mi voglio confrontare con le Regioni. La legge prevede almeno 200 giorni di lezione, ma non è un problema di un giorno in più o in meno a scuola. Dobbiamo decidere rispettando i diritti e la vita delle persone, valutando situazioni diverse, tra primarie e scuole superiori per esempio: quello che si è perso è soprattutto la socialità, lo stare insieme non la singola disciplina. La scuola non è solo insegnamento, apprendimento ma anche vita comune”.

Se si tornerà in classe il primo settembre, Bianchi anche di questo ne discuterà con le Regioni: “io del resto sono stato assessore dell’Emilia per dieci anni e so quali sono i problemi. Da ministro voglio però che la macchina scolastica sia pronta per l’inizio delle lezioni, qualunque decisione prenderemo”. Sull’assenza di professori e maestri almeno fino a Natale, il ministro dice che è vero: “c’è un gap molto forte, ma noi ci diamo questo obiettivo: ne ho parlato anche con il ministro Colao, bisogna che il sistema sia digitalizzato ed efficiente. Qui al ministero abbiamo già avviato un monitoraggio delle scuole per capire dove sono i problemi maggiori”. La prima riforma da fare? “Quella dell’istruzione tecnica, dagli istituti professionali agli Its di cui dobbiamo ridisegnare i percorsi. Ma io sogno per i ragazzi un percorso scolastico che parte dai tre anni e arriva fino alla fine della laurea triennale, perché solo così colmeremo il gap per i giovani del nostro Paese”.

(AdnKronos)

LE ULTIME NOTIZIE

Juve-Genoa 3-1, polemiche per Ronaldo che getta maglia a terra


La Juventus sconfigge 3-1 il Genoa all'Allianz Stadium e conserva il terzo posto in classifica a 12 punti dall'Inter capolista...
Read More
Juve-Genoa 3-1, polemiche per Ronaldo che getta maglia a terra

“AstraZeneca viola contratto”, lettera ultimatum dell’Europa


"AstraZeneca ha violato e continua a violare le sue obbligazioni contrattuali sulla produzione e la fornitura delle 300 milioni di...
Read More
“AstraZeneca viola contratto”, lettera ultimatum dell’Europa

Roma-Bologna 1-0 all’Olimpico, gol di Mayoral


La Roma batte di misura all'Olimpico il Bologna nella 30ma giornata del campionato di serie A. A fissare il punteggio...
Read More
Roma-Bologna 1-0 all’Olimpico, gol di Mayoral

Arcuri: “Indagato per mascherine? Non ho notizia”


"Domenico Arcuri comunica di non avere notizia" circa l'indagine sulle 'mascherine'. E' quanto si legge in una nota di Invitalia....
Read More
Arcuri: “Indagato per mascherine? Non ho notizia”

Vaccini covid Cina poco efficaci: serve piano B con terza vaccinazione


I vaccini della Cina sono relativamente poco efficaci e Pechino valuta l'ipotesi di un mix con vaccini a mRNA, realizzati...
Read More
Vaccini covid Cina poco efficaci: serve piano B con terza vaccinazione

Palagianello, legava con catena sorella e nipote prima di uscire


Avrebbe legato al letto la sorella, con la quale conviveva, e la figlia di quest'ultima con una catena ogni qual...
Read More
Palagianello, legava con catena sorella e nipote prima di uscire

Regioni: dalla zona rossa alla zona arancione, cosa cambia e quali regole


Tra 'promozioni' e conferme, da domani lunedì 12 aprile la maggior parte dell'Italia sarà zona arancione. Per spostamenti, scuole e...
Read More
Regioni: dalla zona rossa alla zona arancione, cosa cambia e quali regole

Crisanti: “Grave tornare a scuola senza profilassi, contagi risaliranno”


"Affermare che la riapertura delle scuole non causi un incremento dei casi è, diciamo, una baggianata". Lo dice in un'intervista...
Read More
Crisanti: “Grave tornare a scuola senza profilassi, contagi risaliranno”
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends