LiberoReporter

Strasburgo è l’epicentro di questo ennesimo sabato di protesta dei Gilet Gialli.

Strasburgo ha vissuto una giornata di passione, invasa dai gilet gialli che hanno creato vari disordini  e scontri con le forze dell’ordine e Il bilancio è di almeno sette feriti e 43 fermi.
Ai circa duemila manifestanti era stato vietato dalla Prefettura l’accesso in alcuni settori del centro storico ed attorno alle istituzioni europee. Tale divieto è stato all’origine dei loro scontri con la polizia.
Come accade spesso nelle proteste dei gilet gialli, i manifestanti hanno cercato di violare le zone off limits e le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa, hanno risposto con lanci di lacrimogeni.
Fra i Gilet Gialli si aggiravano persone col volto coperto che hanno lanciato sassi e bottiglie incendiarie con le quali hanno dato fuoco a mezzi parcheggiato e cassonetti della spazzatura.
Ad un certo punto la protesta sembrava fosse rientrata nell’alveo della normalità ma in place Kleber, la principale della città, sono ripartiti gli scontri ed è ricominciato il lancio di lacrimogeni della polizia.
Intanto nei sondaggi il partito di Marine Le Pen supera di due punti quello di Macron, che con la sua video conferenza stampa di giovedì ha lasciato scettici ben otto Francesi su dieci.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends